Contratto firmato: il palazzo della Banca d'Italia è dell'Università di Messina - Tempo Stretto - Ultime notizie da Messina e Reggio Calabria

Contratto firmato: il palazzo della Banca d’Italia è dell’Università di Messina

Francesca Stornante

Contratto firmato: il palazzo della Banca d’Italia è dell’Università di Messina

martedì 11 Febbraio 2020 - 08:00
Contratto firmato: il palazzo della Banca d’Italia è dell’Università di Messina

Ieri la firma del contratto di acquisto. Adesso l'Università di Messina vuole creare un polo di cultura e ricerca e restituirlo alla città

La storica sede di Messina della Banca d’Italia è ufficialmente dell’Università di Messina. Dopo mesi di lavoro e trattative, ieri è arrivata la firma sul contratto di acquisto del prestigioso immobile di piazza Cavallotti. Il Rettore Salvatore Cuzzocrea e Pietro Raffa per conto di Banca d’Italia hanno siglato il contratto davanti al notaio Alessia Marsiglio.

Un risultato su cui l’ateneo messinese ha lavorato a lungo, con l’obiettivo di dare una nuova vita ad uno dei palazzi storici più belli della città. Lo scorso mese di maggio era stato deciso l’acquisto e l’Università di Messina si era aggiudicata la trattativa ad un costo di 6,5 milioni di euro. Un investimento importante che ieri si è ulteriormente concretizzato con la firma sul contratto. 

Una seconda vita per la Banca d’Italia

Il Rettore Cuzzocrea ha espresso grande soddisfazione: “L’’obiettivo dell’Università – ha detto- è quello di valorizzare il proprio patrimonio artistico e culturale e di restituire alla città la splendida struttura che sarà sede di un polo museale e di centri di ricerca. Ciò al fine di renderlo fruibile a tutti e  non solo a docenti e studenti”.

Un edificio storico

La struttura della Banca d’Italia, edificata nel 1924, ha una superficie di oltre 6000 mq, divisi in un seminterrato e due piani fuori terra. Completamente in cemento armato e muratura, è di fattura molto curata. L’edificio si articola in 8 unità immobiliari a destinazione d’uso abitazioni di tipo civile, 1 unità immobiliare a destinazione d’uso istituto di credito, 1 unità a destinazione d’uso cabina elettrica, 8 unità immobiliari sono a destinazione d’uso magazzini e depositi e 1 a unità immobiliari a per locali sportivi e 2 a destinazione lastrico solare. I sotterranei saranno probabilmente utilizzati come Archivio Storico dell’Ateneo.

Tag:

Una donazione per un grande progetto di informazione

Abbiamo cercato in questi anni di offrirvi un'informazione puntuale e approfondita, estranea ad ogni condizionamento e sempre al passo con l'innovazione.  Così abbiamo raggiunto importanti traguardi. Ma non ci basta: vogliamo ampliare la nostra attività di informazione con più inchieste, più contenuti video e una più solida presenza nei diversi comprensori delle città metropolitane di Messina e Reggio Calabria.

E' un progetto ambizioso per il quale vi chiediamo di darci una mano effettuando una donazione: se ognuno di voi darà anche  un piccolo contributo economico, il risultato sarà eccezionale e Tempostretto sarà ancora più efficace e “vostro”.

0 commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Commenta
Tempostretto.it - Quotidiano on line della Città Metropolitana di Messina

Via Francesco Crispi 4 98121 - Messina

Rosaria Brancato direttore responsabile-coordinatrice di redazione.
info@tempostretto.it

Telefono 090.9018992

Fax 090.2509937 P.IVA 02916600832

n° reg. tribunale 04/2007 del 05/06/2007