Il Tar Toscana accoglie il ricorso per i piccoli uffici postali. In Sicilia non si muove foglia - Tempo Stretto - Ultime notizie da Messina e Reggio Calabria

Il Tar Toscana accoglie il ricorso per i piccoli uffici postali. In Sicilia non si muove foglia

Il Tar Toscana accoglie il ricorso per i piccoli uffici postali. In Sicilia non si muove foglia

sabato 05 Settembre 2015 - 22:03
Il Tar Toscana accoglie il ricorso per i piccoli uffici postali. In Sicilia non si muove foglia

Il presidente della I circoscrizione, Vincenzo Messina, invita le parti interessate lunedì 7 presso la stanza del sindaco per far capire quale strada intraprendere. Ieri, a palazzo Zanca, la protesta di un cittadino contro la chiusura dell'ufficio di Pezzolo. In Toscana, il ricorso al Tar è risultato la strada vincente, il Comune di Messina potrebbe fare lo stesso

“In Toscana sia il governatore Rossi che l’Anci Toscana fanno quadrato per difendere gli sportelli postali che Poste Italiane vorrebbe chiudere dal prossimo lunedì; a Firenze giovedì scorso si è tenuta una manifestazione di protesta davanti alla sede regionale delle Poste Italiane alla quale hanno aderito tutti i sindaci. Il nostro governatore Crocetta e l’Associazione Nazionale Comuni Sicilia, invece, risultano non pervenuti”. Parole del presidente della I circoscrizione, Vincenzo Messina, che ricorda di aver spronato il sindaco Accorinti a partire dallo scorso 6 febbraio e di averlo invitato ad un Consiglio di quartiere lo scorso 3 settembre. Accorinti non ha potuto partecipare, a causa di altri impegni, ma ha ricordato la delibera di giunta numero 150 dello scorso 17 marzo, con la quale si indicava il percorso da seguire.

Il problema – afferma Messina – “è che non è stato raggiunto nessun risultato. Il Tar Toscana, invece, ha accolto il ricorso di sospensione del provvedimento di chiusura presentato per tutti i Comuni interessati dall’Anci Toscana. Un provvedimento che genera speranza se non fosse che la Regione è distante, l’Anci dormiente e il sindaco non riesce a individuare le priorità di vivibilità dei propri concittadini. Considerato che ad oggi l’Amministrazione Comunale non ha prodotto alcun atto concreto – conclude il presidente – riteniamo che lunedì 7 sia necessaria la presenza di tutti presso la stanza del sindaco per far capire quale strada intraprendere”. La strada potrebbe essere, anche in questo caso, quella del ricorso al Tar, che adesso il Comune sembra voler perseguire con più forza.

A soffrire del provvedimento saranno soprattutto gli anziani abitanti in borghi periferici o rurali, che non possono sobbarcarsi distanze chilometriche per usufruire di servizi essenziali. Anche ieri, a palazzo Zanca, la protesta di un cittadino di Pezzolo (NELLA FOTO), che rivendicava l’importanza di quell’ufficio postale e accusava il sindaco di non aver fatto abbastanza.

Tag:

Una donazione per un grande progetto di informazione

Abbiamo cercato in questi anni di offrirvi un'informazione puntuale e approfondita, estranea ad ogni condizionamento e sempre al passo con l'innovazione.  Così abbiamo raggiunto importanti traguardi. Ma non ci basta: vogliamo ampliare la nostra attività di informazione con più inchieste, più contenuti video e una più solida presenza nei diversi comprensori delle città metropolitane di Messina e Reggio Calabria.

E' un progetto ambizioso per il quale vi chiediamo di darci una mano effettuando una donazione: se ognuno di voi darà anche  un piccolo contributo economico, il risultato sarà eccezionale e Tempostretto sarà ancora più efficace e “vostro”.

0 commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Commenta
Tempostretto.it - Quotidiano on line della Città Metropolitana di Messina

Via Francesco Crispi 4 98121 - Messina

Rosaria Brancato direttore responsabile-coordinatrice di redazione.
info@tempostretto.it

Telefono 090.9018992

Fax 090.2509937 P.IVA 02916600832

n° reg. tribunale 04/2007 del 05/06/2007