Coronavirus, 4 sindacati in stato d'agitazione: "Esodo nello Stretto continua" - Tempo Stretto - Ultime notizie da Messina e Reggio Calabria

Coronavirus, 4 sindacati in stato d’agitazione: “Esodo nello Stretto continua”

Rosaria Brancato

Coronavirus, 4 sindacati in stato d’agitazione: “Esodo nello Stretto continua”

mercoledì 01 Aprile 2020 - 09:46
Coronavirus, 4 sindacati in stato d’agitazione: “Esodo nello Stretto continua”

"Marittimi contagiato ed a rischio. Noi pronti a bloccare lo Stretto". La protesta di Cisl, Orsa, Faisa-Ugl e Fast

L’esodo nello Stretto continua, nonostante i decreti, nonostante le proteste e le denunce. Ma la situazione, come più volte denunciata dai sindacati, mette a rischio la Sicilia e i marittimi dello stretto. Due casi di positività al Covid19 negli equipaggi, oltre 30 lavoratori in quarantena in attesa di tampone. Dopo i numerosi appelli rimasti inascoltati CISL-ORSA-FAISA-UGL e FAST dichiarano lo stato di agitazione.

Intollerabile deregulation

Nonostante le ripetute denunce pervenute da ogni versante, persiste un consistente, quanto anomalo, flusso incontrollato di viaggiatori che imbarcano nei traghetti verso la Sicilia- scrivono D’Amico, Sturiale, Sciotto, Sposito, Di Mento in una nota unitaria- Agli imbarchi nei porti di Villa San Giovanni e Reggio Calabria, nonché allo sbarco nell’approdo siciliano, sono totalmente disattesi i controlli e le norme sanitarie in prevenzione di contagio da COVID-19.

Equipaggi contagiati e a rischio

La superficialità con cui le istituzioni territoriali si approcciano al giornaliero esodo verso la Sicilia, espone a rischio contagio i lavoratori marittimi a diretto contatto con viaggiatori di cui non si conosce lo stato di salute. Fra i marittimi si registrano casi di positività al coronavirus, interi equipaggi messi in quarantena e sottoposti a tampone, i contagi in meridione aumentano in modo allarmante ma nello specchio di mare, porta della Sicilia, si conferma una intollerabile deregulation

Da queste premesse i sindacati hanno deciso di dichiarare lo stato di agitazione di tutti i marittimi e ferrovieri marittimi operanti nell’area dello Stretto di Messina.

Tag:

Una donazione per un grande progetto di informazione

Abbiamo cercato in questi anni di offrirvi un'informazione puntuale e approfondita, estranea ad ogni condizionamento e sempre al passo con l'innovazione.  Così abbiamo raggiunto importanti traguardi. Ma non ci basta: vogliamo ampliare la nostra attività di informazione con più inchieste, più contenuti video e una più solida presenza nei diversi comprensori delle città metropolitane di Messina e Reggio Calabria.

E' un progetto ambizioso per il quale vi chiediamo di darci una mano effettuando una donazione: se ognuno di voi darà anche  un piccolo contributo economico, il risultato sarà eccezionale e Tempostretto sarà ancora più efficace e “vostro”.

3 commenti

  1. Ma come, i cinquestelle ci informavano che non era vero e il Sindaco De Luca faceva solo campagna elettorale… e ora, i cari cinquestelle, cosa diranno? Che fanno politica anche i sindacati? Si sono fatti eleggere perché erano il popolo e contro il popolo e la verità vanno, che si vergognino!

    1
    1
  2. non contiamo un ca..o fanno quello che vogliono solo Dio ci puà salvare

    1
    0
  3. Nstwviva il duce 1 Aprile 2020 12:14

    Fanno bene se scioperano, solo così bloccando tutto non farebbero arrivare i Sicilia orde di persone che i Sicilia non tornavano da anni, non lo hanno capito che devono rimanere dove stanno ormai da anni!!

    0
    1

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Commenta
Tempostretto.it - Quotidiano on line della Città Metropolitana di Messina

Via Francesco Crispi 4 98121 - Messina

Rosaria Brancato direttore responsabile-coordinatrice di redazione.
info@tempostretto.it

Telefono 090.9018992

Fax 090.2509937 P.IVA 02916600832

n° reg. tribunale 04/2007 del 05/06/2007