Coronavirus, un ristoratore: "Può stare vicino solo chi coabita. Noi presi in giro dal governo" - Tempo Stretto - Ultime notizie da Messina e Reggio Calabria

Coronavirus, un ristoratore: “Può stare vicino solo chi coabita. Noi presi in giro dal governo”

Rosaria Brancato

Coronavirus, un ristoratore: “Può stare vicino solo chi coabita. Noi presi in giro dal governo”

venerdì 29 Maggio 2020 - 08:49
Coronavirus, un ristoratore: “Può stare vicino solo chi coabita. Noi presi in giro dal governo”

"Siamo pronti a riaprire, ma alcune regole non le comprendiamo e causeranno gravissimi danni"

Pubblichiamo lo sfogo di un ristoratore a nome di gran parte della categoria in merito ad una delle tante assurde regole predisposte nei protocolli per la Fase 2. Al ristorante infatti (o al pub), i titolari sono obbligati a far sedere con distanze sociali non soltanto gli amici o i conoscenti ma PERSINO gli appartenenti alla stessa famiglia. Può stare vicino solo CHI COABITA. Pertanto nonni, ziii, cugini, fidanzati, cognati, persone che fino a un minuto prima e ad un minuto dopo si abbracceranno o comunque staranno vicini, dovranno essere separati al tavolo….. Probabilmente si costringeranno i ristoratori a chiedere un certificato di residenza…..

Vicini solo i “coabitanti”…..

In base alle disposizioni del governo questa è la sistemazione di un tavolo da 10 persone che “NON COABITANO”. Poco importa se sono amici, FIDANZATI, nonni con nipoti…..che magari fino all’istante prima di entrare dentro il locale erano abbracciati o sono arrivati in macchina insieme.

La distanza tra familiari…..


Va bene la distanza sociale tra persone che non si conoscono, ma perchè tra CONGIUNTI? Appena abbiamo saputo che potevamo riaprire e rivedere i nostri affezionati clienti siamo stati felicissimi di farlo; anche se, ci sentiamo presi in giro dal governo.
Rispettiamo comunque le regole che il governo ci impone malgrado non tutte condivsibili.b Sull’onda della positività che ci contraddistingue, nonostante tutto, abbiamo deciso di tornare a pieno regime aprendo da sabato 30 maggio anche a pranzo.

…Scusate lo sfogo (Ritrovo Catalano)

Articoli correlati

Tag:

Una donazione per un grande progetto di informazione

Abbiamo cercato in questi anni di offrirvi un'informazione puntuale e approfondita, estranea ad ogni condizionamento e sempre al passo con l'innovazione.  Così abbiamo raggiunto importanti traguardi. Ma non ci basta: vogliamo ampliare la nostra attività di informazione con più inchieste, più contenuti video e una più solida presenza nei diversi comprensori delle città metropolitane di Messina e Reggio Calabria.

E' un progetto ambizioso per il quale vi chiediamo di darci una mano effettuando una donazione: se ognuno di voi darà anche  un piccolo contributo economico, il risultato sarà eccezionale e Tempostretto sarà ancora più efficace e “vostro”.

3 commenti

  1. In buona sostanza, il ristoratore sta dicendo: considerato che i miei clienti adottano un comportamento imprudente (e da evitare, secondo le norme vigenti) nella loro vita al di fuori del ristorante (e cioè si abbracciano e viaggiano insieme in macchina) riterrei appropriato che adottino lo stesso comportamento nel mio ristorante.
    Non ce la faremo mai.

    1
    3
  2. bonanno giuseppe 29 Maggio 2020 11:49

    ma si travagghiriunu e si mettiriunu in regola…invece di fare polemiche non saria megghiu ?????

    0
    3
  3. Questi non sono mai contenti. La verità è solo una. I soldi e i guadagni.
    Ci sono delle regole? Si
    Rispettatele e basta !
    Abiti nella stessa casa bene.
    Stai da un’ altra parte ti siedi distante.
    Non mi pare che il governo abbia detto che ci si possa abbracciaste, baciare o stringere le mani e stare tutti insieme appassionatamente.
    Se poi gli incoscienti lo fanno saranno cavoli loro.
    Si continua a ripetere all’ infinito distanziamento sociale e questi tizi dicono cose senza senso!!!
    E basta! Per pietà. Lavorate, rispettate le regole e stop.
    Pensate a chi non ha potuto aprire per nulla o a chi un lavoro purtroppo non ce l’ ha, invece di sbraitare e protestare sempre e per tutto.

    1
    5

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Commenta
Tempostretto.it - Quotidiano on line della Città Metropolitana di Messina

Via Francesco Crispi 4 98121 - Messina

Rosaria Brancato direttore responsabile-coordinatrice di redazione.
info@tempostretto.it

Telefono 090.9018992

Fax 090.2509937 P.IVA 02916600832

n° reg. tribunale 04/2007 del 05/06/2007