La "Matassa" durante le elezioni, chieste 5 condanne - Tempostretto

La “Matassa” durante le elezioni, chieste 5 condanne

Alessandra Serio

La “Matassa” durante le elezioni, chieste 5 condanne

Tag:

giovedì 22 Dicembre 2016 - 23:06

Le ha sollecitate la Procura per le persone che hanno chiesto di essere giudicate in abbreviato. Il verdetto è atteso per il 28 dicembre. L'inchiesta dalla Polizia ha ricostruito gli affari dei principali clan cittadini nel periodo elettorale 2012-2013

E’ attesa per il 28 dicembre la sentenza per le cinque persone coinvolte nell’operazione Matassa che hanno scelto di essere processati col rito abbreviato. Il Gup Maria Vermiglio ieri ha aperto l’udienza, ha sentito l’accusa e i primi difensori, poi ha aggiornato il tutto a dopo Natale per dare modo alle difese di completare i loro interventi e, se richiesta, per dare nuovamente la parola al Pubblico ministero per la replica.

Mercoledì prossimo quindi arriverà il primo verdetto seguito al blitz, scattato il 12 maggio scorso, che ha ricostruito gli intrecci tra i principali clan cittadini e le loro coperture istituzionali, proprio nel frenetico periodo compreso tra le elezioni regionali di fine 2012 e le amministrative della primavera 2013. In questo troncone, insieme a quattro persone accusate di rapina, figurano due appartenenti alle forze dell’Ordine. Per il poliziotto in pensione Stefano Genovese e il carabiniere Michelangelo La Malfa l’accusa ha chiesto la condanna a due anni e 4 mesi, 8 anni per Pietro Costa e 6 anni e 8 mesi per Fortunato Magazzù e 4 anni per Carmelo Catalano.

Difendono gli avvocati Nino Cacia, Sandro Billè, Pietro Fusca, Domenico Andrè e Giuseppe Donato. A novembre scorso il GUP Vermiglio ha disposto il vaglio processuale per gli altri 44 indagati; il processo comincerà il prossimo 8 febbraio. Quel giorno, accanto a vecchi capi storici e nuove leve di Camaro e Santa Lucia sopra Contesse, dovranno comparire anche gli onorevoli Francantonio Genovese e Franco Rinaldi, i consiglieri comunali Giuseppe Capurro e Paolo David, dimessosi proprio qualche giorno fa, e l'imprenditore Paolo Siracusano.

Sono loro gli imputati eccellenti di questo processo, rimasti invischiati nelle intercettazioni telefoniche ed ambientali della Squadra Mobile, occupata a ricostruire i nuovi affari di alcuni nomi ben noti nello scenario cominale cittadino. Seguendo i movimenti di nomi di peso così come dei gregari, gli investigatori sono "incappati" nella girandola di contatti e presunte prebende per conquistare voti alle regionali prima e alle comunali di Messina, dopo.

Alessandra Serio

0 commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Commenta
Tempostretto - Quotidiano online delle Città Metropolitane di Messina e Reggio Calabria

Via Francesco Crispi 4 98121 - Messina

Marco Olivieri direttore responsabile
info@tempostretto.it

Telefono 090.9412305

Fax 090.2509937 P.IVA 02916600832

n° reg. tribunale 04/2007 del 05/06/2007