Omicidio Marchese: chiesto l'ergastolo per boss Gaetano Barbera - Tempo Stretto - Ultime notizie da Messina e Reggio Calabria

Omicidio Marchese: chiesto l’ergastolo per boss Gaetano Barbera

Omicidio Marchese: chiesto l’ergastolo per boss Gaetano Barbera

mercoledì 23 Maggio 2012 - 12:45
Omicidio Marchese: chiesto l’ergastolo per boss Gaetano Barbera

Il PM Vito Di Giorgio ha chiesto la condanna all'ergastolo per il boss di Giostra Gaetano Barbera. Il 18 febbraio 2005 uccise a colpi di pistola Stefano Marchese nell'area di servizio Esso dell'Annunziata. La sentenza prevista per il 20 giugno.

Il PM Vito Di Giorgio ha chiesto ai giudici della Corte d’Assise, la condanna all’ergastolo per il boss emergente del clan di Giostra, Gaetano Barbera. L’imputato è accusato di aver ucciso Stefano Marchese suo rivale nella corsa alla leadership dell’organizzazione criminale. Ad inchiodare Barbera sono state le dichiarazioni del collaboratore di giustizia Nunzio Bruschetta. Il PM DiGiorgio, nel corso della sua requisitoria, ha ripercorso quanto accaduto il pomeriggio del 18 febbraio di sette anni fa. Il 27enne Stefano Marchese fu giustiziato nell’area di servizio Esso di viale Annunziata dove lavorava. Il killer gli esplose contro quattro colpi di pistola al corpo e altri due calibro 7.65 su una tempia e alla fronte. Gaetano Barbera decretò la morte di Marchese per infliggere un duro colpo al gruppo di Giostra, all’epoca capeggiato da Giuseppe Minardi, e di cui Stefano Marchese era grande amico. Dopo l’intervento dell’avvocato Salvatore Silvestro, difensore di Barbera, il processo è stato aggiornato al 20 giugno per la sentenza.

Tag:

0 commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Commenta
Tempostretto.it - Quotidiano on line della Città Metropolitana di Messina

Via Francesco Crispi 4 98121 - Messina

Rosaria Brancato direttore responsabile-coordinatrice di redazione.
info@tempostretto.it

Telefono 090.9412305

Fax 090.2509937 P.IVA 02916600832

n° reg. tribunale 04/2007 del 05/06/2007

x