Covid a Capizzi, s'indaga per epidemia colposa. Nel mirino il party di compleanno - Tempo Stretto - Ultime notizie da Messina e Reggio Calabria

Covid a Capizzi, s’indaga per epidemia colposa. Nel mirino il party di compleanno

Alessandra Serio

Covid a Capizzi, s’indaga per epidemia colposa. Nel mirino il party di compleanno

venerdì 29 Gennaio 2021 - 12:11
Covid a Capizzi, s’indaga per epidemia colposa. Nel mirino il party di compleanno

La Procura di Enna indaga per epidemia colposa per verificare se la zona rossa a Capizzi è collegata alla festa di compleanno a Nicosia. Nel centro montano il contagio covid ha messo a rischio una casa di riposo

La Procura di Enna ha aperto un’inchiesta per epidemia colposa per verificare che dietro il focolaio di covid che ha portato Capizzi in zona rossa ci sia effettivamente il party di compleanno a Nicosia, nel periodo natalizio.

Oggi la Guardia di finanza ha eseguito diverse perquisizioni come richiesto dal procuratore di Enna Massimo Palmeri. Alla festa del 20 dicembre, effettuata in un ristorante del centro ennese per un ragazzo capizzoto, avrebbero partecipato numerosi invitati, in prevalenza giovani, tutti provenienti dal paese del messinese.

Nel centro nebroideo, zona rossa dallo scorso 3 gennaio, la situazione più delicata è quella della casa di riposo San Giacomo, dove ci sono 25 contagiati tra anziani e personale. Un ospite è deceduto, un altro è già stato ricoverato in ospedale.

Le perquisizioni domiciliari, così come tutti gli accertamenti in corso da parte della procura ennese, sono stati effettuati nel rispetto dei protocolli sanitari e con il supporto di personale specializzato dell’Asp ennese che ha aiutato i finanzieri nelle particolari procedure di vestizione e di accesso ai luoghi interessati dal provvedimento.

Il personale dell’Asp di è anche occupato delle procedure di sanificazione di tutto il materiale sottoposto a sequestro, tra cui smartphone e apparati informatici.

Articoli correlati

Tag:

Un commento

  1. Anche a Messina non sarebbe male fare un’inchiesta per capire perchè siamo finiti in zona rossa.

    1
    0

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Commenta
Tempostretto.it - Quotidiano on line della Città Metropolitana di Messina

Via Francesco Crispi 4 98121 - Messina

Rosaria Brancato direttore responsabile-coordinatrice di redazione.
info@tempostretto.it

Telefono 090.9412305

Fax 090.2509937 P.IVA 02916600832

n° reg. tribunale 04/2007 del 05/06/2007

x