Cateno De Luca agli arresti domiciliari - Tempo Stretto - Ultime notizie da Messina e Reggio Calabria

Cateno De Luca agli arresti domiciliari

Cateno De Luca agli arresti domiciliari

martedì 28 Giugno 2011 - 09:07
Cateno De Luca agli arresti domiciliari

La misura cautelare emessa dal Gip del Tribunale di Messina, Daria Orlando, per i reati di tentata concussione e falso in atto pubblico commessi dal 2007 al 2009 in riferimento al programma “Contratto di Quartiere II Vivi Fiumedinisi”. Coinvolti anche il fratello del deputato e amministratori del Comune

Cateno De Luca, 39 anni, deputato regionale di Sicilia Vera da ieri sera si trova agli arresti domiciliari. Gli uomini della sezione di PG della Polizia Municipale gli hanno notificato l’ordinanza di custodia cautelare in tarda serata al termine della seduta del consiglio comunale di Fiumedinisi. De Luca, infatti, dal 2005 è anche sindaco del piccolo comune dei Peloritani. Con lui sono finiti ai domiciliari anche il fratello Tindaro Eugenio, 45 anni, amministratore della cooperativa edilizia che avrebbe dovuto realizzare un complesso edilizio, Pietro D’Anna, 60 anni, responsabile dell’area servizi territoriali ed ambientali del Comune di Fiumedinisi e Benedetto Parisi, 53 anni, presidente della commissione edilizia del centro collinare. Per i fratelli De Luca e Parisi le ipotesi di reato sono di tentata concussione e falso mentre D’Anna deve rispondere di abuso e falso. Nel registro degli indagati sono state iscritte altre 14 persone, fra consiglieri ed assessori comunali di Fiumedinisi per i quali sono ipotizzati l’abuso ed il falso.
Al centro dell’inchiesta della magistratura c’è la costruzione di un albergo con annesso centro benessere, di un centro di formazione del Caf Fenapi, e di 16 villette in un terreno di Fiumedinisi, agricolo fino a pochi anni fa, al quale era stata modificata la destinazione d’uso. Le indagini della Polizia Municipale abbracciano un arco di tempo che va dal 2007 al 2009 . Agli inizi del 2007, infatti, nel greto del torrente Nisi fu realizzata un’autentica muraglia lunga 800 metri ed alta fra otto e dieci metri. La muraglia fu presentata dall’amministrazione comunale come un’opera di protezione dell’abitato dalle possibili esondazioni del torrente. Fra l’altro anche sulle modalità di costruzione del muraglione si sono concentrate le indagini degli investigatori. La struttura, infatti, doveva essere realizzata con gabbie in pietra, così com’era stata autorizzata dal VIA – PAS ( valutazione impatto ambientale e valutazione strategica) della Regione Siciliana. Invece fu costruita in cemento armato, in difformità cioè alle autorizzazioni ottenute da Palermo. Ma l’aspetto realmente importante è quello emerso con il trascorrere del tempo. La muraglia doveva servire a proteggere l’imponente albergo dei fratelli De Luca che stava sorgendo in contrada Vecchio. Inoltre Il Comune di Fiumedinisi, in base alla legge 21 del 2001, avrebbe dovuto procedere a interventi finalizzati alla riqualificazione edilizia, al miglioramento delle condizioni ambientali, all’adeguamento e sviluppo delle opere di urbanizzazione e delle dotazioni di servizi pubblici e privati, all’integrazione sociale e all’incentivazione dell’offerta occupazionale nonché al recupero o ricostruzione dei manufatti colpiti da eventi sismici o pubbliche calamità. Le indagini della Procura di Messina hanno permesso di appurare invece che la quasi totalita’ degli interventi proposti ed approvati dalla giunta municipale, e che hanno comportato una variante al Prg, ha riguardato l’esecuzione di interventi edilizi di notevoli proporzioni, direttamente o indirettamente riconducibili al sindaco De Luca e ai suoi familiari, realizzando la costruzione di una struttura alberghiera con annesso centro benessere in contrada Vecchio del Comune di Fiumedinisi da parte della società “Dioniso srl”; la realizzazione di centri di formazione permanente del Caf Fenapi srl e di 16 alloggi da parte della cooperativa edilizia Mabel.
Tuttavia, secondo quanto accertato dalla Polizia Municipale, il terreno sul quale sta sorgendo il resort era inizialmente agricolo. Quando Cateno De Luca fu eletto sindaco però la Regione modificò la destinazione d’uso. Un fatto ben strano, secondo gli inquirenti, visto che solo qualche anno prima la Regione si era opposta a questa modifica.
Cateno De Luca deve rispondere di tentata concussione perchè, secondo l’accusa, avrebbe indotto i proprietari di alcun aree a cedere i terreni, anche a prezzi di mercato inferiori. Su quelle aree la cooperativa Mabel, di cui è amministratore il fratello Tindaro Eugenio De Luca, avrebbe dovuto realizzare 15 villette. Albergo, centro benessere e muraglione sono stati sequestrati dal gip Daria Orlando così come richiesto dal Procuratore capo Guido Lo Forte, dall’aggiunto, Vincenzo Barbaro e dal sostituto Liliana Todaro

Tag:

Una donazione per un grande progetto di informazione

Abbiamo cercato in questi anni di offrirvi un'informazione puntuale e approfondita, estranea ad ogni condizionamento e sempre al passo con l'innovazione.  Così abbiamo raggiunto importanti traguardi. Ma non ci basta: vogliamo ampliare la nostra attività di informazione con più inchieste, più contenuti video e una più solida presenza nei diversi comprensori delle città metropolitane di Messina e Reggio Calabria.

E' un progetto ambizioso per il quale vi chiediamo di darci una mano effettuando una donazione: se ognuno di voi darà anche  un piccolo contributo economico, il risultato sarà eccezionale e Tempostretto sarà ancora più efficace e “vostro”.

10 commenti

  1. luigi paragone 28 Giugno 2011 09:33

    Anche il Cateno in mutande è finito in galera.
    Lo strenuo difensore della legalità, dei diritti degli oppressi edei poveri preso con le mani nella marmellata.
    A questo punto una delle domande che più mi hanno assillato sin dal primo momento (“Ma dove ha trovato il mare di soldi per la campagna elettorale?)incomincia ad avere una risposta.
    Un altro ******** in galera.
    In ogni caso, VERGOGNAAAAAAAAAAAAAAA!!!!!!!!!!!!!!!!!

    0
    0
  2. SaltaLaMacchia 28 Giugno 2011 10:26

    Delusione

    0
    0
  3. Perchè pensate che la gente si metta in politica, per le idee, la cosa pubblica? Questi sono *******, gente che si vuole arricchire, portare avanti.

    0
    0
  4. O cateno cateno…e adesso la Metropoli di FIUMEDINISI?? A MARI SIMU!! 😉

    0
    0
  5. vedo che sono tutti puliti sti politici vergogna d’ITALIA ancora andiamo a votare sti pupi pensano solo per le loro tasche

    0
    0
  6. Non si è saputo fermare in tempo.ha pensato che lui è furbo e gli altri fessi,finche’ Cateno è finito in Catene e finirà pure di fare il girotondo alla regione….ora la fuga degli amici,prima che abche loro????????????

    0
    0
  7. poi perche agli arresti domiciliari sono privilegiati cosi potranno continuare ancora vergogna anche la magistratura

    0
    0
  8. se ciò che la magistratura ha accertato corrisponde al vero… per le persone come me che credeva in una nuova sicilia libera… onesta… che credevano all’autonomia siciliana .. dando fiducia all’MPA ed ad uno dei suoi rappresentanti “On. DE LUCA Cateno” è come aver preso una coltellata al cuore… significa che non possiamo fidarci più di nessuno…

    0
    0
  9. Per Doncamillo….L’on. De Luca è già da diverso tempo che non fa parte dell’ M.P.A. !! Ma concordo con te..che ormai fidare di questi Politicanti che predicano bene…attaccando le caste e le riunioni che si fanno nei salotti di Roma…e poi razzolano il più possibile per riempirsi le TASCHE!!! SIAMO NELLE MANI DI NESSUNO…e con il nostro modo di fare non facciamo nulla per farci sentire…e per riprenderci quello che è nostro…e cioè la nostra città e i nostri interessi!!! SVEGLIAMOCI !!! RIALZATI MESSINA…ma prima noi messinesi dovremmo svegliarci!!!

    0
    0
  10. Purtroppo queste persone non si vergogneranno mai. Sarebbe troppo onesto ammettere la mancanza, scusarsi con tutti ed abbandonare la politica. Vedrete che ritratterà tutto, dirà che l’albergo ed i lavori non sono a lui riconducibili, che lui è un onesto cittadino che ha agito sempre nella legalità, che le autorizzazioni richieste alle varie autorità preposte ci sono tutte e tornerà nel meraviglioso mondo della politica. Povera Patria… come dice il meraviglioso Battiato.

    0
    0

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Commenta
Tempostretto.it - Quotidiano on line della Città Metropolitana di Messina

Via Francesco Crispi 4 98121 - Messina

Rosaria Brancato direttore responsabile-coordinatrice di redazione.
info@tempostretto.it

Telefono 090.9018992

Fax 090.2509937 P.IVA 02916600832

n° reg. tribunale 04/2007 del 05/06/2007