Torregrotta, la sacralità della parola: incontro con Elvira Seminara - Tempo Stretto - Ultime notizie da Messina e Reggio Calabria

Torregrotta, la sacralità della parola: incontro con Elvira Seminara

Antonella Trifiro

Torregrotta, la sacralità della parola: incontro con Elvira Seminara

lunedì 26 Giugno 2017 - 10:23
Torregrotta, la sacralità della parola: incontro con Elvira Seminara

"Ricostruire l'amore. Mappe per un nuovo mondo". E' il titolo dell'incontro che si è tenuto a Torregrotta con l'autrice Elvira Seminara. L'idea del recupero e del riutilizzo del materiale di risulta, ma anche il valore della parola, sono stati al centro del dialogo tra il pubblico e l'autrice

Si è svolto sabato 24 giugno l’incontro con l’autrice Elvira Seminara organizzato dal Circolo Letterario Il Libro del Venerdì. Ed è in un’ottica di valorizzazione della cultura, specialmente sottoforma di lettura, che si inserisce l’intervento dell’autrice, giornalista e pop artist. “Ho un’ossessione per le cose rotte, dismesse, per le scorie” afferma Elvira Seminara. Appassionata degli oggetti creati con materiale di recupero definisce il suo libro “Atlante degli abiti smessi” come “una proposta di rilettura del nostro abitare il mondo”. “Oggi – afferma ancora l’autrice – non si può prescindere dall'idea della cura delle cose. Essere e tessere. Non facciamo altro che imbastire, ricucire, tagliare rapporti. Quando parliamo della vita, parliamo del filo dei pensieri. Nell'etica della mitologia il tessere è fondante: la relazione è una tessitura e in questo momento presenta degli strappi. La parola viene dall'ago e filo, potremmo paragonare la macchina da scrivere alla macchina da cucire, perché l'ago tesse, mette insieme”.

Da dove viene invece l’idea di “atlante” che dà il titolo al libro? “Atlante come topografia, mappe delle relazioni che ognuno di noi fa nel viaggio della nostra vita” spiega la Seminara. “L'inventario dei vestiti è un ponte, per ricucire un rapporto madre-figlia. Cosa possono essere i vestiti per noi, tra noi? I vestiti diventano categorie dell'esistenza, simboli. Non è un discorso nostalgico, è un modo per ricostruire il nostro tempo e il nostro modo di vivere”.

Lo stile è innovativo, pur ispirandosi in parte a Italo Calvino, che concepiva il lettore come in una macchina e, nelle sue lezioni americane, proponeva una letteratura che fosse un congegno narrativo, il realismo magico. “M’intrigava l'idea di utilizzare il format dell'elenco e trasformarlo in elemento narrativo. Poi ho messo la poesia, la lettera, la descrizione di ambiente. Tutti noi siamo un racconto, noi siamo manipolatori dei nostri ricordi. A volte li sabotiamo. Ognuno di noi è una mappa: ci sono delle zone bianche, zone che non abbiamo colorato”. A volte – afferma ancora l’autrice – l'armadio lo si interroga, come se fosse un navigatore esistenziale, chiedendogli una ‘password’ per affrontare la giornata”.

E, rivolgendo un messaggio al Circolo Letterario Il Libro del Venerdì e a tutti gli amanti della lettura, Elvira Seminara pone l’accento sul senso della bellezza dato dalla cultura. “Viviamo un momento di assoluta confusione e di spavento per tutta la violenza che ci assedia e ci coinvolge, per lo spreco della bellezza, dell'offesa, della violazione dei sentimenti. Penso che la lettura, la letteratura, il senso della bellezza, la cura delle cose, possano essere degli strumenti necessari per l'idea che ho io della riparazione. Per me la ricostruzione è questo: partire da ciò che abbiamo. In Sicilia abbiamo tantissimo: tanta bellezza, spesso violata, offesa, trascurata, abbandonata, non amata, non curata. Quello che auguro alla Sicilia e all'Italia è di apprendere l'arte, la necessità della cura, specialmente la cura della parola. Noi viviamo in un contesto in cui si fa un abuso della parola, parliamo con sms, facebook, parliamo anche troppo. Ma non utilizziamo le parole come se fossero preziose: spesso vengono strumentalizzate per mistificare, mercificare, vendere o nascondere qualcosa, per propagandare altro. La letteratura, invece, aprendo nuovi mondi, ci insegna proprio la sacralità della parola”.

Il Circolo Letterario Il Libro del Venerdì è un'associazione culturale nata ad Agosto 2016, ideata e fondata da un gruppo di amici di Torregrotta, con l'intento di favorire l'interesse per la lettura e la cultura in generale. Per conoscere tutte le attività del Circolo cliccate “mi piace” alla pagina Facebook Il Libro del Venerdì.

Tag:

Una donazione per un grande progetto di informazione

Abbiamo cercato in questi anni di offrirvi un'informazione puntuale e approfondita, estranea ad ogni condizionamento e sempre al passo con l'innovazione.  Così abbiamo raggiunto importanti traguardi. Ma non ci basta: vogliamo ampliare la nostra attività di informazione con più inchieste, più contenuti video e una più solida presenza nei diversi comprensori delle città metropolitane di Messina e Reggio Calabria.

E' un progetto ambizioso per il quale vi chiediamo di darci una mano effettuando una donazione: se ognuno di voi darà anche  un piccolo contributo economico, il risultato sarà eccezionale e Tempostretto sarà ancora più efficace e “vostro”.

0 commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Commenta
Tempostretto.it - Quotidiano on line della Città Metropolitana di Messina

Via Francesco Crispi 4 98121 - Messina

Rosaria Brancato direttore responsabile-coordinatrice di redazione.
info@tempostretto.it

Telefono 090.9018992

Fax 090.2509937 P.IVA 02916600832

n° reg. tribunale 04/2007 del 05/06/2007