“Nel mezzo del cammin della mia vita…”. Majuri presenta il secondo capitolo della trilogia - Tempo Stretto - Ultime notizie da Messina e Reggio Calabria

“Nel mezzo del cammin della mia vita…”. Majuri presenta il secondo capitolo della trilogia

Gabriele Quattrocchi

“Nel mezzo del cammin della mia vita…”. Majuri presenta il secondo capitolo della trilogia

sabato 02 Gennaio 2016 - 08:59
“Nel mezzo del cammin della mia vita…”. Majuri presenta il secondo capitolo della trilogia

Il prof. Don Vincezo Majuri ha presentato ieri pomeriggio nella Sala Sinopoli del teatro Vittorio Emanuele, il secondo volume della trilogia sull’opera di Dante Alighieri. A pochi mesi dalla pubblicazione di “Dante e la Bibbia”, arriva “Nel mezzo del cammin della mia vita…”

“Nel mezzo del cammin della mia vita…” è il titolo dell’ultima opera di Vincenzo Massimo Majuri.
Sacerdote della Diocesi di Messina – Lipari – S. Lucia del Mela, parroco di S. Domenica V.M. in Tremestieri, nonché docente di Filosofia Teoretica e Antropologia Filosofica all’Istituto Teologico “S. Tommaso”, Padre Majuri è autore di diversi libri, tra cui “L’amicizia è ancora possibile oggi? Le risposte sapienziali nella storia del pensiero occidentale” e “Dante e la Bibbia”.
Quest’ultimo è il primo volume di una trilogia che percorre le orme del padre della Divina Commedia, in occasione del 750esimo anniversario della nascita, al fine di rintracciare la filigrana biblica delle terzine incatenate.
“Nel mezzo del cammin della mia vita…”, oltre a essere il secondo volume della trilogia, è nelle parole dell’autore «un saggio che si compone di tre parti, ognuna divisa in tre capitoli, tese a suscitare l’entusiasmo di incontrarsi con la Divina Commedia, presentandone aspetti noti e forse meno noti, numerici e fantasiosi, storici e leggendari, teologici e letterari, liturgici e religiosi, lirici e grotteschi. Percorsi, semplici percorsi, per mettere i nostri piedi sulle orme di un grande uomo, di un grande uomo di fede, di un grande italiano, ‘semplicemente’ del Sommo Poeta, Padre della nostra Madre lingua».
Il manoscritto è stato presentato ieri pomeriggio da Majuri nella Sala Sinopoli del teatro Vittorio Emanuele in un incontro a cui hanno preso parte il Prof. Don Pietro Pizzuto, docente di teologia fondamentale, Prof. Mons. Eugenio Foti, docente di Mariologia. Il Prof. Cesare Natoli, docente di filosofia, ha moderato i lavori.
«Nella Commedia, Dante celebra la Trinità anche attraverso la forma», spiega Majuri. La forma è ordine raccontato attraverso i numeri. Trentatre canti per tre cantiche, più uno introduttivo, per un totale di cento canti. Cento, multiplo di dieci, simbolo di completezza. In duecentosessantotto pagine, con oltre seicento riferimenti biblici, l’autore fornisce uno studio minuzioso sul poeta-pellegrino, sul Dante che dà peso alla forma.
«Grande maestro, il Sommo Poeta, trentacinquenne pellegrino nei mondi dell’Oltretomba, è per me, trentacinquenne – scrive Don Enzo nell’introduzione – guida nel mio viaggio reale terreno, lui che fu condotto da Virgilio nel suo viaggio immaginario ultraterreno. In suo onore, nel vasto panorama di illustri iniziative di vario genere in Italia e all’estero proposte e vissute, per festeggiarne ancora il compleanno, offro questo contributo che ha per titolo il primo celeberrimo endecasillabo della Commedia, in una forma più ‘personalizzata’».
A pochi mesi dalla presentazione di “Dante e la Bibbia”, Vincezo Majuri esplora ancora una volta il percorso del Vate per regalare ai lettori nuovi spunti di riflessione sulla vivacità e la freschezza della poesia dantesca alla luce della fede che la anima.
Gabriele Quattrocchi

Tag:

4 commenti

  1. QUESTI CONVEGNI A CHE SERVONO?. PENSATE A RAFFORZARE E RIAFFERMARE I VALORI DEL CATTOLICESIMO IN ITALIA CHE MOLTI PARROCI E ALTI PRELATI DELLA CHIESA CATTOLICA IN ITALIA STANNO CONTRIBUENDO ALLA DISTRUZIONE E ALLA SOPPRESSIONE DI VALORI E RAFFIGURAZIONI DEL NATALE COME ADESTE FEDELES PERSONAGGI MOLTO INFLUENTI A VOI VICINI HANNO DICHIARATO TROPPO BIGOTTA O IL PRESEPE. LA CD TOLLERANZA E MULTICULTURALISMO A FAVORE DI MUSSULMANI O CULI IN ARIA COME VENGONO CHIAMATI QUI AL NORD, NON ESISTE PIU’ NESSUN NATALE. ALCUNE SCUOLE HANNO ABOLITO, COMPLICE IL SILENZIO DI PARROCI E ARCIVESCOVI,SOSTITUENDO I CANTI DI NATALE CON I CANTI DELLE RENNE. TRA NON MOLTO I RAGAZZI A SCUOLA LODERANNO IL VITELLO DI RAMSES II. SPERO PER VOI CHE HA SBAGLIATO MALACHIA.

    0
    0
  2. QUESTI CONVEGNI A CHE SERVONO?. PENSATE A RAFFORZARE E RIAFFERMARE I VALORI DEL CATTOLICESIMO IN ITALIA CHE MOLTI PARROCI E ALTI PRELATI DELLA CHIESA CATTOLICA IN ITALIA STANNO CONTRIBUENDO ALLA DISTRUZIONE E ALLA SOPPRESSIONE DI VALORI E RAFFIGURAZIONI DEL NATALE COME ADESTE FEDELES PERSONAGGI MOLTO INFLUENTI A VOI VICINI HANNO DICHIARATO TROPPO BIGOTTA O IL PRESEPE. LA CD TOLLERANZA E MULTICULTURALISMO A FAVORE DI MUSSULMANI O CULI IN ARIA COME VENGONO CHIAMATI QUI AL NORD, NON ESISTE PIU’ NESSUN NATALE. ALCUNE SCUOLE HANNO ABOLITO, COMPLICE IL SILENZIO DI PARROCI E ARCIVESCOVI,SOSTITUENDO I CANTI DI NATALE CON I CANTI DELLE RENNE. TRA NON MOLTO I RAGAZZI A SCUOLA LODERANNO IL VITELLO DI RAMSES II. SPERO PER VOI CHE HA SBAGLIATO MALACHIA.

    0
    0
  3. COME EX ALLIEVO DI DON BOSCO DEL SAN LUIGI E FREQUENTATORE FIN DALLA COSTRUZIONE DEL SAN TOMMASO HO SEMPRE VISTO I SALESIANI, E MOLTI ALLIEVI FORTI NEL DIFENDERE IL CATTOLICESIMO, MA ALTRE CONFESSIONI E PARROCI SI SONO INCHINATI O RESI ACCONDISCENDENTI ALLA DISTRUZIONE. SI SPERA CHE IL 31 GENNAIO RESTI SEMPRE 31 GENNAIO E NON SOSTITUITO CON QUALCHE FESTA TIPO RAMDAN. FORSE TRA NON MOLTO DOVREMMO CHIEDERE PERDONO E SCUSE PERCHE’ C’E’ LA FESTA DI DON BOSCO? O DELLA MADONNA DELLA LETTERA O DI MARIA AUSILIATRICE? SI VEDA LA PARTECIPAZIONE DI MORTADELLA E DELL’ARCIVESCOVO DI BOLOGNA (MA CHE BELLA CITTA!!) HANNO CONTRIBUITO AD ELEVARE PRETESE DI CULI IN ARIA. CERTI PARROCI HANNO DETTO CHE VOGLIONO SIMBOLI DI MAOMETTO. FATE CONVEGNI CONTRO QUESTI

    0
    0
  4. COME EX ALLIEVO DI DON BOSCO DEL SAN LUIGI E FREQUENTATORE FIN DALLA COSTRUZIONE DEL SAN TOMMASO HO SEMPRE VISTO I SALESIANI, E MOLTI ALLIEVI FORTI NEL DIFENDERE IL CATTOLICESIMO, MA ALTRE CONFESSIONI E PARROCI SI SONO INCHINATI O RESI ACCONDISCENDENTI ALLA DISTRUZIONE. SI SPERA CHE IL 31 GENNAIO RESTI SEMPRE 31 GENNAIO E NON SOSTITUITO CON QUALCHE FESTA TIPO RAMDAN. FORSE TRA NON MOLTO DOVREMMO CHIEDERE PERDONO E SCUSE PERCHE’ C’E’ LA FESTA DI DON BOSCO? O DELLA MADONNA DELLA LETTERA O DI MARIA AUSILIATRICE? SI VEDA LA PARTECIPAZIONE DI MORTADELLA E DELL’ARCIVESCOVO DI BOLOGNA (MA CHE BELLA CITTA!!) HANNO CONTRIBUITO AD ELEVARE PRETESE DI CULI IN ARIA. CERTI PARROCI HANNO DETTO CHE VOGLIONO SIMBOLI DI MAOMETTO. FATE CONVEGNI CONTRO QUESTI

    0
    0

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Commenta
Tempostretto.it - Quotidiano on line della Città Metropolitana di Messina

Via Francesco Crispi 4 98121 - Messina

Rosaria Brancato direttore responsabile-coordinatrice di redazione.
info@tempostretto.it

Telefono 090.9018992

Fax 090.2509937 P.IVA 02916600832

n° reg. tribunale 04/2007 del 05/06/2007

x