De Luca (M5S): “Regione ‘regala’ Biblioteca all’Unime? Musumeci chiarisca subito” - Tempostretto

De Luca (M5S): “Regione ‘regala’ Biblioteca all’Unime? Musumeci chiarisca subito”

Redazione

De Luca (M5S): “Regione ‘regala’ Biblioteca all’Unime? Musumeci chiarisca subito”

lunedì 13 Gennaio 2020 - 12:24

interrogazione all’Ars del deputato regionale De Luca sullo storico palazzo di via dei Verdi che verrebbe ceduto senza avere in cambio un altro immobile e senza sapere dove andranno i libri

MESSINA   – “La Regione siciliana pare che stia praticamente regalando all’Università di Messina il palazzo della Biblioteca regionale della città, lo storico edificio in via dei Verdi, che versa da decenni in stato di abbandono. Ma la Biblioteca, con tutti i suoi libri, dove andrà a finire?”. 

A chiederselo è il deputato regionale del Movimento 5 Stelle, Antonio De Luca, che sull’argomento ha presentato un’interrogazione all’Ars per chiedere al governo chiarimenti sul caso. 

“Originariamente – spiega De Luca – c’era un accordo perché la Regione ricevesse in cambio, dall’Università, la sede dell’ex facoltà di Economia e Commercio, dove poter trasferire il patrimonio librario della biblioteca. Questo passaggio, che avrebbe segnato il giusto riscatto dell’edificio di via dei Verdi, con un reciproco trasferimento di immobili tra le due istituzioni, pare che non avverrà più, stando al protocollo di intesa che gli enti hanno siglato, aggiornando il precedente accordo. Inoltre, la Regione finanzierà un intervento del valore di un milione e 150 mila € per il restauro del plesso di via dei Verdi che resterà però nel pieno possesso dell’Università e senza che la Regione abbia nulla in cambio”.

“Non riesco a comprendere il significato di questo accordo – prosegue il deputato M5S – che appare come un regalo – uno storico edificio e una consistente somma per restaurarlo – da parte della Regione all’Università, senza un’adeguata contropartita. Oltre ad essere un accordo totalmente sbilanciato a favore dell’Università, non è dato sapere in quale sede dovrebbe trovare collocazione la Biblioteca regionale. Non si può certo consentire che un sito di riferimento culturale talmente strategico venga allontanato dal centro storico e la possibilità che venga relegato – come alcune voci di corridoio riferiscono – nel plesso della facoltà di Farmacia all’Annunziata è inaccettabile. La Biblioteca regionale deve rimanere nel centro cittadino per continuare ad essere accessibile a tutti”.

Tag:

4 commenti

  1. Direi una scelta , saggiamente efficentista e modernamente funzionale, in grado di poter meglio fruire , da parte dell’utenza del patrimonio editoriale esistente sia nella sede centrale di via Primo settembre, che nell’Emeroteca sita a Sant’Agata

    0
    0
  2. Pensateci : un netto taglio di spesa sui costi derivati dall’affitto alla Curia, rispettivamente ed a privati. Francamente, non male, no ?

    0
    0
  3. Elantanon Efughein 14 Gennaio 2020 07:47

    io penso che invece si tratti di una scelta sensata, logica e perfettamente razionale.

    0
    0
  4. E PER ESSERE PIU’ COERENTI E CHIARI, COME MESSINESE CHE HA NEL CUORE IL PROPRIO ATENEO :

    “Originariamente – spiega De Luca – c’era un accordo perché la Regione ricevesse in cambio, dall’Università, la sede dell’ex facoltà di Economia e Commercio, dove poter trasferire il patrimonio librario della biblioteca.

    ECCO, INTENDO PROPRIO QUESTA IPOTESI. PERCHE’ NON LOTTARE PER ESSA ?

    0
    0

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Commenta
Tempostretto - Quotidiano online delle Città Metropolitane di Messina e Reggio Calabria

Via Francesco Crispi 4 98121 - Messina

Carmelo Caspanello direttore responsabile-coordinatore di redazione.
info@tempostretto.it

Telefono 090.9412305

Fax 090.2509937 P.IVA 02916600832

n° reg. tribunale 04/2007 del 05/06/2007