Tanti volti delle proteste messinesi in piazza per Crocetta, ma il presidente non si presenta al Rettorato - Tempo Stretto

Tanti volti delle proteste messinesi in piazza per Crocetta, ma il presidente non si presenta al Rettorato

Francesca Stornante

Tanti volti delle proteste messinesi in piazza per Crocetta, ma il presidente non si presenta al Rettorato

sabato 23 Gennaio 2016 - 11:15
Tanti volti delle proteste messinesi in piazza per Crocetta, ma il presidente non si presenta al Rettorato

Studenti disabili con i loro genitori e i lavoratori del servizio di trasporto disabili della ex Provincia, lavoratori della Camera di Commercio, associazioni e movimenti che una settimana fa avevano organizzato l'iniziativa "Mare negato". Si erano dati tutti appuntamento davanti al Rettorato per far toccare con mano a Crocetta le conseguenze della politica regionale. Ma il presidente ha dato buca.

Le bandiere, tanti striscioni, tanti cartelloni, tante rivendicazioni diverse. Dal lavoro, ai diritti dei più deboli, fino alla difesa del mare. Oggi per l’arrivo del presidente Rosario Crocetta all’Università di Messina per la conferenza stampa sulla Zona Falcata tante proteste messinesi si sono date appuntamento di fronte al Rettorato per farsi vedere e sentire dal governatore siciliano. Perché da Palermo dipende il futuro di alcuni di loro, la garanzia di servizi che si rivolgono alle fasce più deboli della popolazione, la progettazione strategica di aree importantissime per la città. E così ad attendere Crocetta c’erano circa un centinaio di persone tra studenti, lavoratori e famiglie del trasporto disabili della ex Provincia regionale, c’erano i lavoratori della Camera di Commercio, c’era il gruppo che sabato scorso ha promosso l’iniziativa “Mare negato”.

Crocetta però non si è presentato alla conferenza stampa, ha scelto di andare direttamente nella Zona Falcata, non ha incontrato chi era sceso in piazza per fargli toccare con mano quante difficoltà sono costretti i vivere per esempio i ragazzi disabili che vorrebbero andare a scuola in modo normale, come tutti i loro compagni di classe, e invece spesso sono costretti a rimanere a casa perché dalla riforma fallita delle Province Palazzo dei Leoni non è più riuscito a garantire un servizio per questi ragazzi. “Non si può negare così il diritto allo studio dei nostri figli”, ha detto a gran voce un genitore, ancora una volta costretto a protestare per reclamare un sacrosanto diritto per il proprio figlio speciale e per tutti quei figli “speciali” di Messina che pagano colpe non loro. Ovviamente accanto a loro anche i lavoratori del servizio, senza stipendi, in perenne stato di precarietà.

Hanno protestato i lavoratori della Camera di Commercio: “La riforma crea disagi a livello nazionale ma dal punto di vista regionale rischiamo il doppio perché sono a rischio anche le nostre pensioni”.

«Siamo obbligati a manifestare e protestare», precisa il segretario provinciale della Cisl Funzione Pubblica Saro Contestabile. «Il Governatore Crocetta non ha saputo dare un assetto e una continuità ai servizi delle ex province regionali, in particolar al trasporto disabili. Si tratta, infatti, di un servizio essenziale e obbligatorio rivolto a fasce deboli, per il quale sono state negate con superficialità le risorse necessarie mettendo a serio rischio e addirittura paralizzando un servizio così importante e strategico, inibendo agli studenti disabili di poter frequentare le lezioni nelle Scuole superiori». «Sulla Camera di Commercio – dichiara il responsabile del Coordinamento Cisl Fp Biagio Morabito – bisogna dare piena attuazione alla procedura di accorpamento ed eliminare l’atipicità e l’illegittimità del carico pensionistico e nel contempo garantire effettivamente i livelli di occupazione nell’Ente camerale in tutte le sue componenti».

Dal gruppo del Mare negato un messaggio chiaro e diretto: “I messinesi hanno diritto al loro waterfront”.

Francesca Stornante

Tag:

4 commenti

  1. Cosa vi aspettavate da Crocetta ? I codardi non ascoltano chi protesta.
    Vi ricordo che il grande Spadolini negli anni 80,affrontò personalmente ascoltandoli a chi protestava davanti all’università.(fregandosi dei servizi di sicurezza ).

    0
    0
  2. Cosa vi aspettavate da Crocetta ? I codardi non ascoltano chi protesta.
    Vi ricordo che il grande Spadolini negli anni 80,affrontò personalmente ascoltandoli a chi protestava davanti all’università.(fregandosi dei servizi di sicurezza ).

    0
    0
  3. Spadolini ha affrontato chi protestava davanti all’università(anni 1980 ) contro il parere delle forze dell’ordine.
    Spadolini è stato un grande presidente del consiglio.

    0
    0
  4. Spadolini ha affrontato chi protestava davanti all’università(anni 1980 ) contro il parere delle forze dell’ordine.
    Spadolini è stato un grande presidente del consiglio.

    0
    0

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Commenta
Tempostretto.it - Quotidiano on line della Città Metropolitana di Messina

Via Francesco Crispi 4 98121 - Messina

Rosaria Brancato direttore responsabile-coordinatrice di redazione.

Danila La Torrevice coordinatrice di redazione.

info@tempostretto.it

Telefono 090.9018992

Fax 090.2509937 P.IVA 02916600832

n° reg. tribunale 04/2007 del 05/06/2007