Domenica attenzione alla mareggiata sulla ionica, possibili disagi in vari Comuni - Tempostretto

Domenica attenzione alla mareggiata sulla ionica, possibili disagi in vari Comuni

Daniele Ingemi

Domenica attenzione alla mareggiata sulla ionica, possibili disagi in vari Comuni

Tag:

sabato 26 Novembre 2022 - 08:00

Onde medie anche sopra i 4 metri di altezza sono attese nella giornata domenicale su tutto il litorale della Sicilia orientale

Dopo le intense mareggiate che mercoledì si sono abbattute sulla costa tirrenica e sulle Eolie, domenica 27 novembre una nuova mareggiata si abbatterà sulla costa ionica, causando non pochi problemi ai comuni rivieraschi della ionica. La mareggiata in questione sarà prodotta da un ciclone mediterraneo, che dal medio Tirreno si muoverà verso la Sicilia, il Canale omonimo e successivamente il mar Ionio, richiamando sulle nostre regioni intensi venti di levante e scirocco.

Questi venti, molto forti, spireranno con forza su un ampio tratto di mare, che da Creta e dalle coste più meridionali del Peloponneso si estende fino alle coste della Sicilia orientale e della Calabria ionica, sollevando un ingente moto ondoso, con marosi alti anche più di 4-5 metri in mare aperto. Il notevole “fetch geografico” sarà la vera causa d’origine dell’imponente moto ondoso, da Est e E-SE. Nel corso della tarda serata/notte, fra sabato 26 e domenica 27 novembre, queste ondate sollevate dai forti venti di burrasca in mare aperto, rischiano di dirigersi verso il litorale ionico messinese, sfociando in ondate rifratte da E-SE che raggiungeranno il tratto di costa fra Giardini Naxos e l’imbocco sud dello Stretto. Si tratta, per l’appunto, di onde lunghe insidiose, poiché rompendosi su tratti di costa già seriamente vulnerati dall’erosione, rischiano di causare danni a proprietà e attività commerciali.

In questo caso, nella prima mattinata di domenica, un moto ondoso piuttosto intenso dovrebbe flagellare tutto il litorale ionico, con onde che nel pomeriggio potrebbero raggiungere altezze di oltre i 4 metri. Ciò significa che in molti tratti di costa le ondate potrebbero raggiungere le carreggiate dei lungomari dei vari comuni ionici, intralciando la circolazione veicolare. Onde lunghe rifratte, entro la serata domenicale, si potrebbero propagare sullo Stretto, nella parte più meridionale, con intense risacche e mareggiate nel tratto, compreso fra Giampilieri e Tremestieri.

0 commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Commenta
Tempostretto - Quotidiano online delle Città Metropolitane di Messina e Reggio Calabria

Via Francesco Crispi 4 98121 - Messina

Marco Olivieri direttore responsabile
info@tempostretto.it

Telefono 090.9412305

Fax 090.2509937 P.IVA 02916600832

n° reg. tribunale 04/2007 del 05/06/2007