Beta, Grasso conferma le accuse ai colletti bianchi. E sui servizi segreti... - Tempo Stretto

Beta, Grasso conferma le accuse ai colletti bianchi. E sui servizi segreti…

Alessandra Serio

Beta, Grasso conferma le accuse ai colletti bianchi. E sui servizi segreti…

sabato 01 Dicembre 2018 - 09:09
Beta, Grasso conferma le accuse ai colletti bianchi. E sui servizi segreti…

Entra nel vivo il processo ai professionisti e impreditori "scivolati" sugli affari coi santapaoliani Romeo. Ieri la deposizione fiume del pentito Grasso, che ha puntato il dito contro Lo Castro e Borella. Mente va al vaglio degli investigatori il capitolo dei rapporti con l'intelligence.

Tutti sapevano chi erano i Romeo. Ed alcuni professionisti “puliti”, più di altri, erano in pieno coinvolti negli affari dei nipoti messinesi del boss Nitto Santapaola,tanto da poter essere definiti veri e propri “consigliori”.

E’ questo il succo della lunga deposizione in aula di ieri, terminata soltanto dopo le 20, dell’imprenditore milazzese Biagio Grasso, ex braccio destro di diversi importanti costruttori della provincia, oggi “pentito” dopo il suo arresto nell’operazione Beta1, per via dei suoi affari col gruppo dei Romeo. Ieri è entrato nel vivo il processo di primo grado, appena partito, davanti la Corte presieduta dalla dottoressa Silvana Grasso e la scena è andata a lui, il principale accusatore di questa inchiesta.

Grasso ha deposto per l’esame dell’Accusa, i PM Liliana Todaro e Fabrizio Monaco, ed è andato avanti per diverse ore. Ieri la sua è stata sostanzialmente una deposizione fiume nella quale ha ribadito quanto già messo nero su bianco nei suoi verbali depositati agli atti dell’inchiesta, confermando tutti i sospetti degli investigatori sulla così detta “mafia capitale” dello Stretto, dipanando i rapporti tra lui e Romeo, e tra il gruppo e gli altri affaristi che in questi decenni sono venuti in contatto con lui. Sulla “mafiosità” dei Romeo c’è un primo “bollino giudiziario”, il verdetto emesso in abbreviato lo scorso 19 ottobre che ha sancito 19 condanne, compresa quella per Grasso. In questo processo si tratta di stabilire se reggono le accuse di concorso esterno e le altre accuse mosse a diversi così detti colletti bianchi,e capire fino a che punto erano “interni” alle dinamiche criminali dei Romeo.

Grasso, in questo senso, è stato chiaro. Per esempio nei confronti dell’avvocato Andrea Lo Castro, ribadendo l’accusa che era assolutamente interno a quella sorta di tavolino su cui i Romeo e Grasso programmavano gli sviluppi dei loro business. Per Grasso, il legale d’affari era assolutamente consapevole dello spessore criminale dei Romeo. Un assunto già sospettato dai Carabinieri del Ros e dalla Procura, che lo scorso anno hanno chiesto ed ottenuto l’arresto di Lo Castro per concorso esterno, dopo aver analizzato le sue conversazioni telefoniche ed ambientali intercettate e gli atti compiuti nell’interesse dei Romeo. Uno in particolare, ovvero il coinvolgimento dei catanesi nella “parabola” di Carlo Borella, l’ex presidente dell’Ance Messina, la sigla dei costruttori. Grasso era uno stretto collaboratore di Borella, e quando il gruppo si è trovato in difficoltà, ma soprattutto quando lui personalmente si è trovato in difficoltà – circostanza ribadita anche ieri in aula – ha pensato di coinvolgere i Romeo, fino ad allora attivi soprattutto nel settore del gioco on line – nel business del mattone. Così, i Romeo sarebbero entrati, come soci più o meno occulti, nell’affair Else, proprio attraverso Lo Castro.

Meno chiaro, dalle parole del geometra milazzese, il ruolo di volta in volta ricoperto da lui e da Vincenzo Romeo, all’interno di questa sorta di “direttorio”.

Ieri Grasso è andato avanti a ruota libera per ore, senza che gli venisse mossa alcuna contestazione. Tornerà in aula il prossimo 8 gennaio per terminare l’esame dei PM e per sottoporsi al controesame dei difensori, che si annuncia movimentato. Gli avvocati Rosso, Barone, Gullino, Traclò, Celì, Favazzo, Silvestro, Billè, Santonocito, Autru Ryolo, Pantano, Lizio, Briguglio e Giacobello stanno “affilando le armi”, preparando le domande per passare al “setaccio del dubbio” le verità di Grasso.

Sarà l'ultima udienza prevista in Corte d'Assise a Palazzo PIacentino. Le altre udienze calendarizzate, fino a marzo 2019, si terranno all'aula bunker del carcere di Gazzi.

A gennaio, il milazzese tornerà in aula con lo statu di collaboratore di giustizia in senso pieno. Ha infatti completato il periodo che la legge gli assegna per mettere a verbale tutte le verità che conosce – 180 giorni – ed a metà dicembre acquisterà lo status di collaborante, non più semplice teste di giustizia. Proprio in questi giorni infatti a Messina ci sono stati i “capoccioni” dei servizi per organizzare tutta la logistica relativa a questo passaggio, compresa la sua destinazione ad una località protetta.

Non soltanto. Ai servizi di intelligence, infatti, è delegato il compito di passare alla verifica le affermazioni di Grasso sui rapporti tra il gruppo Romeo ed esponenti dello stesso apparato. Un capitolo spinoso, e la versione del geometra è ancora tutta da vagliare. Sin da subito agli investigatori, spiando le conversazioni dei Romeo, è apparso chiaro che la famiglia avesse più di un contatto con gli apparati civili e militari dello Stato. Contatti telefonici con altri carabinieri che usavano sofisticati accorgimenti per incontrarli con prudenza, i racconti degli stessi Romeo sul loro trasferimento da Catania, dopo il ciclone giudiziario sulla famiglia, a Messina. Ufficialmente per cominciare una nuova vita, lontano, dalle dinamiche criminali. Una nuova vita che non è mai arrivata, secondo la Procura d Messina, visto che i Romeo hanno spesso e volentieri approfittato del loro “marchio di famiglia” per ingrandire i loro affari. Grasso, però, va un passo oltre, e fa intravedere il coinvolgimento di uomini dei servizi in importanti trattative internazionali. Uno di questi passaggi è stato riportato per intero nella seconda tranche dell’inchiesta, nel provvedimento d’arresto sfociato nel blitz Beta2.

… “Altri affari in cui il ROMEO aveva interesse sono quelli relativi ad una operazione denominata TRADING ORO, e riguardante l’acquisto e la contestuale rivendita di oro GHANA, per un totale dì 500.000.000 di dollari (cinquecento milioni di dollari). Il contatto con il GHANA era SPINA Michele, almeno in un primo momento; successivamente, una volta che i suoi fornitori si rivelarono inaffidabili, individuai altri canali, ma lo SPINA e il ROMEO vollero, comunque, partecipare all’affare. Tale operazione avrebbe dovuto concludersi sulla base di due distinti canali; uno, attraverso una società denominata PRIVATE LOUNGE, di Dubai di cui ero General Manager per quella operazione, facente riferimento ad un tale Mohammed Kamal, di nazionalità Libanese, naturalizzato Emirati Arabi. Io avevo il ruolo di facilitatone con i ghanesi, ed avrei ottenuto il 10% del guadagno. Parallelamente, per una coincidenza dovuta olfatto che, nel corso di una telefonata tra me e probabilmente lo SPINA, alla presenza di RAPPEZZO, soggetto appartenente ai Servizi Segreti del quale ho già parlato, quest 'ultimo mi chiese informazioni sull’affare che avevo in corso; io gli spiegai di cosa si trattava e lui mi propose una operazione parallela, da gestire tramite quello

che lui definì un suo amico, ma che poi ho appreso dallo stesso Rappazzo essere il suo capo e cioè un tede Andrea GENTILE appartenente aneli ’egli ai Servizi Segreti. Sì trattava dì un compagno di scuola di SPINA Michele. Il RAPPAZZO mi presentò, pertanto, il GENTILE, il quale, a sua volta, mi mise in contatto con un certo avvocato Paolo CARPINTIERI di Catania, I due mi dissero che avevano dei contatti in Libano e che per immettere sul mercato libanese l’oro acquistato in Ghana avrebbero potuto mettere a disposizione una Banca ovvero la Credit Libanees o una società ad essa

collegata (cd. Società veicolo); secondo raccordo proposto da GENTILE e da CARP INTIERI, il 50% del guadagno sarebbe rimasto alla banca, mentre il restante 50% sarebbe stato divìso in tre quote e cioè una quota a me, una a Michele SPINA ed una a loro, intendendo RAPPAZZO, GENTILE e CÀRPINTLERI Una prima riunione si è svolta tra me e GENTILE presso il bar Mascagni in via Etnea a Catania; altra riunione si è svolta presso lo studio Carpìntìeri, che sì trova a circa 100 metri di distanza dal bar; alla seconda riunione partecipammo io, GENTILE, CARPENTIERI, RAPPAZZO e Michele SPINA. I fatti si sono svolti tra il 20.15/2016. I soggetti cui

ho fatto riferimento prima, sanno che nell Affare è coinvolto anche il ROMEO, sanno cioè che, nonostante egli non abbia investito denaro, è però interessato alla ripartizione degli utili, alla quale, per soddisfare Romeo, avremmo fatto fronte con le quote mie e dello SPINA. L’accordo era che, con i guadagni dell’operazione, prima avremmo dovuto far fronte ai debiti preesistenti con il ROMEO, e, dopo, avremmo potuto incassare la restante somma, Le trattative si interrompono, in

quanto io non ho inteso andare avanti, visto che mi sembrava eccessiva la percentuale del 50%”.

In un altro passaggio – i contatti con il portaborse di Milazzo a Roma, Sergio Chillè, tornano gli uomini dell’intelligence, veri o presunti. “dapprima, circa nel 2011, il CHILLE’, mi mise in contatto con un tale Vincenzo, sedicente appartenente ai Servìzi Segreti, il quale, a sua volta, mi presentò un soggetto albanese, anch’egli, a suo dire, appartenente ai servìzi segreti albanesi, per la aggiudicazione dì un appalto riguardante la costruzione del Tribunale di Tirana. Ci fu un incontro presso un albergo di Milano, in zona Fiera, alla presenza anche di un onorevole toscano, di cui non ricordo il nome, ma appartenente all’entourage di CHILLE’, il quale, come detto, era vicino al gruppo di Alleanza Nazionale, e operava come lobbista. Fu l’onorevole a presentarmi il soggetto albanese..”

Tag:

0 commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Commenta
Tempostretto.it - Quotidiano on line della Città Metropolitana di Messina

Via Francesco Crispi 4 98121 - Messina

Rosaria Brancato direttore responsabile-coordinatrice di redazione.

Danila La Torrevice coordinatrice di redazione.

info@tempostretto.it

Telefono 090.9018992

Fax 090.2509937 P.IVA 02916600832

n° reg. tribunale 04/2007 del 05/06/2007