Eccellenza. Città di Taormina beffato dal Viagrande, Igea esagerata - Tempostretto

Eccellenza. Città di Taormina beffato dal Viagrande, Igea esagerata

Redazione

Eccellenza. Città di Taormina beffato dal Viagrande, Igea esagerata

lunedì 28 Marzo 2022 - 15:10

Un gol subito allo scadere condanna il Città di Taormina in casa alla sconfitta, i playoff si allontanano. Pokerissimo Igea, che approfitta del riposo della Jonica e torna al secondo posto

Sconfitta nel finale per il Città di Taormina che non riesce a trovare la via del gol. Il Città di Viagrande segna beffando i padroni di casa all’87’ con Talotta. Ai biancazzurri di casa, come accaduto spesso in stagione, è mancata la stoccata finale, nonostante le numerose palle-gol create soprattutto nella ripresa.

Tutto facile per l’Igea 1946 che cala il pokerissimo a Rosolini contro una Virtus Ispica ormai salva che non ha più molto da chiedere al campionato. Per la formazione giallorossa adesso però sono terminate le partite “facili”, nei prossimi tre weekend affronterà tre squadre che lottano come lei per le prime posizioni della classifica: Città di Siracusa, Jonica e Carlentini.

La classifica di Eccellenza del girone B vede il Ragusa primo con 61 punti e vincente sul Santa Croce nell’ultimo impegno di campionato. Al secondo posto l’Igea che supera la Jonica, che osservava il turno di riposo in questo turno così come la Nebros. Il Città di Taormina col passo falso di domenica vede allontanarsi l’obiettivo di centrare i playoff, al momento settima in classifica a 6 punti dal quinto posto e con un sola partita in meno.

Città di Taormina – Città di Viagrande 0-1

La squadra di Peppe Furnari regala l’esordio in campionato al portiere classe 2004 Mattia Giuffrida, alla prima presenza ufficiale della carriera tra i “grandi”. In difesa ci sono Nicolosi, Tonzuso, Trovato e Ginagò, mentre in mezzo al campo e in attacco agiscono gli stessi uomini schierati giovedì in casa della Nebros. Prima conclusione al 3’ di Trovato, ma Pappalardo blocca senza problemi. Stesso esito al 16’ sul fronte opposto, con 16’ D’Amico che chiama Giuffrida alla prima parata della sua partita. Città di Taormina molto pericoloso al 27’: Famà perde l’attimo per concludere al volo sul lancio di Petrullo, ma poi riesce a servire a Abate, il cui colpo di testa si perde alto. Il primo tempo, di fatto, è tutto qui.

Episodio da moviola al 53’: il signor Chillura prima non concede il vantaggio al Città di Taormina (con Salvo Strano che orchestrava un favorevole tre contro tre) per sanzionare un fallo di Boccaccio su Petrullo; poi annulla, su segnalazione dell’assistente Spanò, il gol di Viscuso che aveva corretto in rete la parata di Pappalardo su Famà. Ripresa a senso unico, ma ai padroni di casa manca il guizzo decisivo. Al 65’ Strano calcia da fuori su sponda di Abate, destro deviato in corner. Sei minuti dopo Pappalardo si erge a protagonista con una super doppia parata, prima su Famà servito da Quintoni, poi su Abate che da due passi aveva girato a botta sicura l’invito di Nicolosi.

Al 78’ Strano scambia con Abate, ma poi sceglie un improvvido assist invece di calciare in porta e manda alto. Quando mancano tre minuti al 90’ arriva la doccia fredda per il Città di Taormina, con il cross di Rosario Patanè che trova tutto solo sul secondo palo Talotta pronto a insaccare di testa lo 0-1. Nel finale Strano protesta per un contatto in area con Borzì, mentre sul fronte opposto Palma spreca tutto a tu per tu con Giuffrida e poi è fermato dallo stesso portiere di casa. Ultime preghiere del Città di Taormina affidate ad Augliera che al 94’ colpisce un clamoroso palo su assist di Strano e ad Abate che calcia alto una punizione a due in area.

Virtus Ispica – Igea 1946 0-5

L’Igea espugna con un rotondo 5-0 il Consales di Rosolini ai danni della Virtus Ispica. Padroni di casa ancora una volta rimaneggiati e che non hanno più niente da chiedere al campionato in quanto, come ribadito in precedenza, sono già matematicamente salvo. Si arrende all’Igea 1946 che continua a sognare la promozione diretta e grazie ai tre punti conquistati in terra aretusa torna ad essere la seconda forza del campionato.

Un’Igea che si presenta con la consapevolezza di vincere la partita e c’è riuscita. Tre dei cinque gol degli ospiti sono arrivati nel primo tempo grazie alla tripletta di Stassi al 10′, al 29′ e al 42′. Di fatto giochi già chiusi. Nella ripresa una doppietta di Sowe al 53′ e 55′ ha rimpolpato il tabellino per i giallorossi che sono stati anche bravi a non subire nulla dagli avversari allenati da mister Peppe Trigilia.

Articoli correlati

Tag:

0 commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Commenta
Tempostretto - Quotidiano online delle Città Metropolitane di Messina e Reggio Calabria

Via Francesco Crispi 4 98121 - Messina

Marco Olivieri direttore responsabile
info@tempostretto.it

Telefono 090.9412305

Fax 090.2509937 P.IVA 02916600832

n° reg. tribunale 04/2007 del 05/06/2007