Crack Centonove, a giudizio Basso e Garufi - Tempo Stretto

Crack Centonove, a giudizio Basso e Garufi

Alessandra Serio

Crack Centonove, a giudizio Basso e Garufi

venerdì 20 Aprile 2018 - 07:51
Crack Centonove, a giudizio Basso e Garufi

Per il patron del settimanale d'inchiesta il processo si aprirà a luglio prossimo. Sentenza a maggio, invece, per altri tre collaboratori.

Si aprirà il prossimo 19 luglio il processo per il gionalista Enzo Basso, patron del settimanale Centonove, e il ragioniere Giuseppe Garufi, rinviati a giudizio dal Gup Monica Marino per la "galassia" di società ruotanti intorno la testata. Francesco Pinnizzotto, Andrea Ceccio e la direttrice Graziella Lombardo hanno invece scelto il rito abbreviato: per loro la decisione arriverà il prossimo 17 maggio.

Ieri, intanto il PM Antonio Carchietti, titolare delle indagini condotte dalla Guardia di Finanza, ha formulato le richieste di condanna per i tre che hanno scelto il rito abbreviato: 2 anni e 10 mesi per Pinnizzotto, 2 anni e 8 mesi per Lombrado, 2 anni e mezzo per Ceccio.

Tutti sono chiamati in causa per alcune ipotesi di bancarotta e per i passaggi societari dell'editoriale Centonove, Centonove Press – che per anni ha gestito il servizio di rassegna stampa dell'Ars, e le altre cooperative collegate.

L'ipotesi d'accusa è che una serie di società furono create per continuare a percepire i contributi dell'editoria ed evitare le conseguenze dei fallimenti delle società madre.

Impegnati nelle difese gli avvocati Carmelo Scillia, Aurora Notarianni, Alberto Gullino, Nino Caleca e Sergio Mastroeni.

Leggi qui per approfondimenti

Tag:

0 commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Commenta
Tempostretto.it - Quotidiano on line della Città Metropolitana di Messina

Via Francesco Crispi 4 98121 - Messina

Rosaria Brancato direttore responsabile-coordinatrice di redazione.

Danila La Torrevice coordinatrice di redazione.

info@tempostretto.it

Telefono 090.9018992

Fax 090.2509937 P.IVA 02916600832

n° reg. tribunale 04/2007 del 05/06/2007