Barcellona consacra Musumeci, stravince il centrodestra - Tempostretto

Barcellona consacra Musumeci, stravince il centrodestra

Giovanni Passalacqua

Barcellona consacra Musumeci, stravince il centrodestra

martedì 07 Novembre 2017 - 01:19

Tommaso Calderone è il deputato più votato, seguito da Antonio Catalfamo (FdI/Noi con Salvini) e Santi Calderone (PdR). Lontanissimo il M5s, crisi PD

I risultati delle elezioni regionali a Barcellona Pozzo di Gotto confermano la netta vittoria di Nello Musumeci e del centrodestra, che in città sfiorano il 55%. Un risultato ottenuto a discapito del M5s, che deve accontentarsi del 22%; risultato ben distante dalla media regionale, che vede il Movimento oltre il 30%. Ottima anche l'affluenza, che a Barcellona è stata del 56%, parecchio superiore alla media regionale.

A impressionare è il risultato di Forza Italia, che riesce a rastrellare il 29% delle preferenze, grazie soprattutto all'exploit del volto nuovo di queste elezioni, Tommaso Calderone. L'avvocato ha collezionato ben 3108 preferenze, risultando il più votato in assoluto in città. 1173 i voti destinati al veterano Santi Formica.

Abissale il distacco con la seconda lista più votata, il M5s, che ottiene soltanto il 13,25% delle preferenze; segno che molti elettori di Cancelleri hanno votato disgiunto, preferendo candidati di altre liste. Tra i 5stelle il più votato è Francesco Mazzeo, con 939 preferenze, seguito da Valentina Zafarana a 332.

Tra gli alleati di Musumeci spiccano Fratelli d'Italia/Noi con Salvini, terza lista con il 10,64%; in questo caso l'exploit è di Antonio Catalfamo, che ha raccolto ben 1739 preferenze, praticamente tutte quelle ottenute dalla lista. Il listino di Musumeci, #diventeràbellissima, raccoglie il 9,53%, grazie ai 697 voti di Pino Galluzzo e ai 640 di Davide Paratore.

Nel centrosinistra a Barcellona si salva solo Sicilia Futura: il partito di Beppe Picciolo, che amministra la città insieme al centrodestra, supera il 10%, trascinato dalle 1463 preferenze di Santi Calderone. Il flop travolge invece il PD, che ottiene un magro 7,69%; tra i candidati i più votati sono Francesco De Domenico (516) e Giuseppe Laccoto (360). Ma il risultato certifica lo stato di crisi che attanaglia il PD provinciale ormai da diverso tempo. Se la cava bene Raffaella Campo, le cui 1305 preferenze portano la lista Cento passi oltre l'8%. Campo è inoltre l'unica donna, tra i candidati, ad aver superato il migliaio di voti.

Tag:

0 commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Commenta
Tempostretto - Quotidiano online delle Città Metropolitane di Messina e Reggio Calabria

Via Francesco Crispi 4 98121 - Messina

Marco Olivieri direttore responsabile
info@tempostretto.it

Telefono 090.9412305

Fax 090.2509937 P.IVA 02916600832

n° reg. tribunale 04/2007 del 05/06/2007