A Salice il Natale torna agli anni ’50 del ‘900: ecco il paese che diventa presepe - Tempo Stretto

A Salice il Natale torna agli anni ’50 del ‘900: ecco il paese che diventa presepe

A Salice il Natale torna agli anni ’50 del ‘900: ecco il paese che diventa presepe

venerdì 23 Dicembre 2011 - 00:34
A Salice il Natale torna agli anni ’50 del ‘900: ecco il paese che diventa presepe

In ogni angolo sono sapientemente riproposti scorci rurali dove sono visibili gli attrezzi del lavoro nei campi o i prodotti agricoli come la cicoria meglio conosciuta come “minestra” o le uova, per la cui vendita in città, le donne salicesi erano conosciute

E’ arrivato il Natale e gli abitanti di Salice sono pronti per inaugurare l’evento “Natale a Salice 2011” IV edizione. La manifestazione è nata nel dicembre 2008 dalla stretta collaborazione fra il territorio e la scuola, nel difficile contesto prospettato dai tagli economici della riforma Gelmini, che ha messo a rischio le piccole ma importanti realtà scolastiche dei villaggi, dove la stretta connessione fra le due componenti ha dato risultati sorprendenti. Attraverso un viaggio nel tempo, i vicoli nella parte più antica del villaggio, sono tornati ad essere i “vineddi” della Salice degli anni ’50 del ‘900, dove garage e cantine, liberati da polvere e scatoloni, sono diventati gli spazi in cui realizzare le botteghe artigiane.

Il calzolaio, il fabbro, i generi alimentari (“a putia”), sono alcune fra le tante realtà economiche della Salice di sessant’anni fa. Quest’ anno il percorso si arricchisce di nuovi ambienti: come quello dove si mostra la lavorazione al tombolo, antico merletto siciliano o quello in cui si produce il sapone naturale, facendo conoscere tutte le fasi della lavorazione. I vicoletti illuminati dalla luce delle lanterne sono popolati da bambini che giocano al “campanaro” o con il “paloggiu” e le scalinate sono lo sfondo delle serenate che l’innamorato dedica all’amata. Il vocìo dei contadini che tornano dai campi e delle lavandaie alla fontana, la recita del rosario davanti al fuoco del “braciere” fanno respirare un’ atmosfera rarefatta e ormai dimenticata. Un percorso fra colori, profumi e suoni della terra di Sicilia come il caldo colore del grano, il profumo inebriante degli agrumi e del pane caldo e il suono di zampogne (“ciarameddi”), tamburelli e fisarmoniche, permetterà al visitatore di abbandonare per qualche ora cellulari e pc.

In ogni angolo sono sapientemente riproposti scorci rurali dove sono visibili gli attrezzi del lavoro nei campi o i prodotti agricoli come la cicoria meglio conosciuta come “minestra” o le uova, per la cui vendita in città, le donne salicesi erano conosciute. In molti ambienti è rappresentato il Natale attraverso la “ cona”, una cesta di vimini decorata con foglie e agrumi con all’interno paglia dove viene adagiata la statua del Bambino Gesù. L’iniziativa è realizzata da tutta la comunità salicese, che dimostra la capacità di aggregazione e confronto fra le generazioni; inoltre la testimonianza degli anziani del villaggio, che in quegli anni “c’erano”, diventa indispensabile per una ricostruzione fedele e sentita di questo alternativo “microvillaggio nel villaggio”.

La scelta di ambientare la manifestazione al “Puntale” o al ”Chiatto” ovvero le parti più antiche del villaggio, dove il tessuto urbano storico di scalinate, vicoli, sottopassaggi è rimasto pressocchè invariato nel tempo, è stata fortemente voluta dai salicesi, che in questa occasione si sono riappropriati della memoria storica dei luoghi, oggi cancellata dalle cementificazioni selvagge, sviluppando una forte sensibilità per la tutela del territorio. Il messaggio che la manifestazione vuole dare è il recupero dei valori semplici del buon vicinato e della collaborazione, attraverso la riscoperta delle proprie radici, senza le quali l’uomo è nullo. Tuttavia il recupero della memoria storica, delle tradizioni deve essere applicato al presente, di cui diventano protagoniste le nuove generazioni.

In questi momenti la comunità salicese dimostra unione di intenti, dando prova di maturità civile e sociale, attraverso l’impegno in prima linea per valorizzare il proprio territorio, risorsa di grande potenzialità poco incentivata dalla politica locale, con un serio sviluppo economico.

DATE DELLA MANIFESTAZIONE: 25/26 DICEMBRE 2011; 1/5/6 GENNAIO 2012 – DALLE ORE 17.30 ALLE ORE 19.30 PIAZZA PRINCIPE UMBERTO – SALICE

Tag:

0 commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Commenta
Tempostretto.it - Quotidiano on line della Città Metropolitana di Messina

Via Francesco Crispi 4 98121 - Messina

Rosaria Brancato direttore responsabile-coordinatrice di redazione.

Danila La Torrevice coordinatrice di redazione.

info@tempostretto.it

Telefono 090.9018992

Fax 090.2509937 P.IVA 02916600832

n° reg. tribunale 04/2007 del 05/06/2007