Mancanza di interventi di sicurezza sul litorale sud, i cittadini pronti a consegnare le schede elettorali al prefetto - Tempo Stretto - Ultime notizie da Messina e Reggio Calabria

Mancanza di interventi di sicurezza sul litorale sud, i cittadini pronti a consegnare le schede elettorali al prefetto

Mancanza di interventi di sicurezza sul litorale sud, i cittadini pronti a consegnare le schede elettorali al prefetto

venerdì 02 Marzo 2012 - 08:53
Mancanza di interventi di sicurezza sul litorale sud, i cittadini pronti a consegnare le schede elettorali al prefetto

La consegna dovrebbe avvenire giorno 8 marzo. La decisione maturata al termina dell’assemblea del Comitato “Per la Rinascita di Messina”. I cittadini hanno già inviato al rappresentante del governo un esposto denuncia

Sempre più di frequente assistiamo alla nascita di comitati cittadini, movimenti e associazioni che di fronte alla mancanza di interlocuzione con le amministrazioni decidono la strada del “fai da te” eliminando i passaggi istituzionale. Una prassi che si segue soprattutto nel caso in cui si richiedono interventi sul territorio che altrimenti tarderebbero ad arrivare. E’ il caso, ad esempio, del “Comitato per la rinascita di Messina”, che interessa il territorio compreso tra i villaggi di Santa Margherita e Tremestieri, dove le mareggiate degli scorsi giorni hanno purtroppo lasciato il segno. In questo come negli scorsi inverni, segno dunque di interventi poco incisivi se non addirittura del tutto mancanti.

Stavolta però i residenti delle diverse zone hanno deciso, appunto, di procedere “improprio”, e hanno inoltrato al prefetto, ai rappresentati delle istituzioni locali, regionali e nazionali, una richiesta ufficiale e tempestiva di intervento. Anzi il presidente del comitato, Giuseppe Floridia, sollecita la convocazione di un tavolo tecnico che, una volta per tutte, metta insieme gli esperti del settore idro-marino ed idrogeologico, scevri da personalismi ed interessi locali, che “stabiliscano in modo oggettivo, per la tutela della popolazione, luoghi, modi e tempi degli interventi urgenti ed indifferibili”.

I problemi in questione, infatti, per gli abitanti dei villaggi della zona sud non sono cosa nuova e riguardano, oltre la mancanza di adeguati interventi di protezione nelle zone costiere, anche la recente chiusura del Ponte di Galati, struttura già “bloccata” nel 2000, poi riaperta e ora nuovamente interdetta la traffico, senza che però in questi 12 anni e sia stato effettuato alcun lavoro. Situazione analoga per il ponte in ferro di S. Margherita, che attraversa il torrente S.Stefano, dichiarato inagibile nel 2005, limitato nella circolazione a veicoli di ridotte dimensioni e poi dimenticato.

Di questo e molto altro si è discusso nel corso dell’incontro tenutosi nei giorni scorsi a Galati Marina, che ha visto la partecipazione di centinaia di cittadini direttamente interessati al problema. Nel corso del confronto tutti sono stati concordi nell’evidenziare l’assenza di pianificazione degli interventi nelle aree a rischio idrogeologico, “torrenti utilizzati come vie di accesso (spesso uniche vie di accesso) ad interi villaggi, assenza di controllo e mancata verifica delle aree a rischio, ritardi nella progettazione e realizzazione degli interventi per la difesa dei territori, irresponsabilità degli organi competenti che si sono succeduti nel tempo: tutte cause – scrivono i cittadini – delle vittime che piangiamo e dei costi che siamo costretti a sostenere ad ogni evento calamitoso”.

Al termine dell’assemblea i cittadini hanno dunque deciso di presentare dell’esposto denuncia, di cui abbiamo è già stata inviata copia e continuare a manifestare il dissesto con la consegna delle schede elettorali di ogni singolo cittadino al prefetto. Consegna che dovrebbe avvenire ufficialmente giorno 8 marzo a di Messina. A sostenere l’iniziativa il Gruppo Pari Opportunità dell’Ordine degli Ingegneri di Messina ha dato la propria adesione all’iniziativa. “Il gesto – concludono i cittadini – ha l’intento di evitare qualsiasi strumentalizzazione politica da parte di quei consiglieri che in questi anni non ci hanno rappresentato e tutelato”.

Tag:

Una donazione per un grande progetto di informazione

Abbiamo cercato in questi anni di offrirvi un'informazione puntuale e approfondita, estranea ad ogni condizionamento e sempre al passo con l'innovazione.  Così abbiamo raggiunto importanti traguardi. Ma non ci basta: vogliamo ampliare la nostra attività di informazione con più inchieste, più contenuti video e una più solida presenza nei diversi comprensori delle città metropolitane di Messina e Reggio Calabria.

E' un progetto ambizioso per il quale vi chiediamo di darci una mano effettuando una donazione: se ognuno di voi darà anche  un piccolo contributo economico, il risultato sarà eccezionale e Tempostretto sarà ancora più efficace e “vostro”.

2 commenti

  1. ma scusate, questo Comitato, esistente da almeno 15 anni, ha fatto politica presentando una lista alle elezioni amministrative, apparentata con Nuova Sicilia e poi con MPA. Sanno bene la situazione i signori di questa associazione.Il resto è solo demagogia elettorale! Ma si pensa che l’arma del ricatto risolva i problemi? Il popolo è sovrano, ed il potere lo può solo utilizzare dentro la cabina elettorale, NO non andando a votare. quindi cambiate referenti politici se questa politica non vi ha soddisfatti

    0
    0
  2. Premetto che non faccio parte di questo comitato anche se conosco la loro storia molto bene e per questo devo riconoscere che sono stati fra i pochi soggetti a perseguire degli obiettivi in termini di infrastrutture. Infrastrutture della vallata di S. Stefano che forse potevano sì essere realizzate in maniera diversa ma che sono stati a queste latitudini gli unici interventi importanti tangibili e concreti della pubblica amministrazione negli ultimi 20 anni.
    Mentre la quasi totalità dei politici nostrani “navigati ed esperti” si alimentano di demagogia “da sempre” proclamando pubblicamente chissà quali amorevoli attenzioni per poi tornare al sicuro arroccati nella propria poltrona puntualmente e ciclicamente ottenuta a suon di favorucci degni di una Sicilia medievale.
    Su una cosa concordo, la “minaccia” del comitato credo che sia finalizzata ad ottenere la giusta attenzione, certamente, non andando a votare si darà solo ulteriore forza al voto di scambio della miriade di DEVOTI..

    0
    0

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Commenta
Tempostretto.it - Quotidiano on line della Città Metropolitana di Messina

Via Francesco Crispi 4 98121 - Messina

Rosaria Brancato direttore responsabile-coordinatrice di redazione.
info@tempostretto.it

Telefono 090.9018992

Fax 090.2509937 P.IVA 02916600832

n° reg. tribunale 04/2007 del 05/06/2007