Fabi: "No alla chiusura degli sportelli bancari nei piccoli Comuni" - Tempo Stretto - Ultime notizie da Messina e Reggio Calabria

Fabi: “No alla chiusura degli sportelli bancari nei piccoli Comuni”

Vittorio Tumeo

Fabi: “No alla chiusura degli sportelli bancari nei piccoli Comuni”

sabato 06 Marzo 2021 - 16:06
Fabi: “No alla chiusura degli sportelli bancari nei piccoli Comuni”

La Federazione Autonoma Bancari Italiani si rivolge all’avv. Calogero Leanza

La battaglia a difesa non solo dei lavoratori del credito ma anche e  principalmente a difesa di un diritto delle persone che vengono private di un  proprio diritto da parte degli amministratori degli Istituti di Credito che continuano  a chiudere sportelli nei piccoli Comuni è una frontiera importante al giorno d’oggi. È di questo avviso Carmelo Raffa, coordinatore della sezione Sicilia della Federazione Autonoma Bancari Italiani, il quale afferma: “Abbiamo acquisito alcuni pareri legali che confermano che da parte delle banche  viene disapplicata la normativa vigente per i servizi pubblici essenziali, lasciando  tante persone anziane e deboli senza sportelli bancari nei propri territori”.

Tra questi quello dell’avvocato Calogero Leanza, il quale rimarca come il servizio bancario sia strumentalmente connesso al soddisfacimento dei bisogni essenziali dell’uomo e, pertanto, lo stesso viene considerato dal legislatore nella disciplina di quelli che vengono definiti “servizi pubblici essenziali” ai fini del contemperamento con il diritto di sciopero. Nello specifico il giovane legale messinese richiama la Legge 12 giugno 1990 n° 146, rubricata appunto Norme sull’esercizio del diritto di sciopero nei servizi pubblici essenziali e sulla salvaguardia dei diritti della persona costituzionalmente tutelati.

“La legge è chiara – afferma Leanza – nel considerare, all’articolo 1, servizi pubblici essenziali, indipendentemente dalla natura giuridica del rapporto di lavoro, anche se svolti in regime di concessione o mediante convenzione, quelli volti a garantire il godimento dei diritti della persona, costituzionalmente tutelati, alla vita, alla salute, alla libertà ed alla sicurezza, alla libertà di circolazione, all’assistenza e previdenza sociale, all’istruzione ed alla libertà di comunicazione. E non è finita qui. Perché l’articolo successivo fa rientrare, per quanto concerne l’assistenza e la previdenza sociale, nonché gli emolumenti retributivi o comunque quanto economicamente necessario al soddisfacimento delle necessità della vita attinenti a diritti della persona costituzionalmente garantiti, i servizi di erogazione dei relativi importi anche effettuati a mezzo del servizio bancario ”.

La chiusura indiscriminata degli sportelli bancari nei piccoli Comuni, pertanto, anche alla luce della normativa emergenziale di contenimento e contrasto al Covid-19 messa in atto dal Governo Italiano che ha escluso dalle chiusure imposte le banche, qualificandole come attività necessarie ed indispensabili, è da considerarsi certamente una violazione della normativa vigente in materia di servizi pubblici essenziali, in quanto lesiva – ben più di un semplice sciopero – dei diritti dei cittadini, i quali vedono precluso il proprio accesso al credito.

Vittorio Tumeo

Tag:

0 commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Commenta
Tempostretto.it - Quotidiano on line della Città Metropolitana di Messina

Via Francesco Crispi 4 98121 - Messina

Rosaria Brancato direttore responsabile-coordinatrice di redazione.
info@tempostretto.it

Telefono 090.9412305

Fax 090.2509937 P.IVA 02916600832

n° reg. tribunale 04/2007 del 05/06/2007

x