Revocato dal Gip l’obbligo di dimora per l’on. Roberto Corona - Tempostretto

Revocato dal Gip l’obbligo di dimora per l’on. Roberto Corona

Revocato dal Gip l’obbligo di dimora per l’on. Roberto Corona

mercoledì 20 Giugno 2012 - 14:37
Revocato dal Gip l’obbligo di dimora per l’on. Roberto Corona

Il gip del Tribunale di Roma ha tolto l'obbligo di dimora per l'on. Roberto Corona. Lo scorso 16 marzo erano stati già revocati gli arresti domiciliari per il deputato del Pdl.

Il Giudice per le indagini preliminari del Tribunale di Roma ha accolto la istanza presentata dal difensore di fiducia dell’On. Roberto Corona, l’avvocato Nino Favazzo e, dopo aver sostituito lo scorso 16 marzo gli arresti domiciliari con l’obbligo di dimora, ha deciso oggi di revocare pure quest’ultima misura. Il deputato regionale del Pdl ha sempre ribadito di essere certo di riuscire a provare la propria estraneità rispetto ai fatti che gli vengono contestati, precisando di non aver mai ricevuto alcun finanziamento illecito, nè di aver commesso le altre irregolarità formali che gli vengono addebitate.
Esercizio abusivo dell’attività finanziaria attraverso il rilascio di false polizze fidejussorie. Questa l’accusa con cui nel dicembre 2011furono i due deputati dell’Ars, entrambi del Pdl, il messinese Roberto Corona ed il catanese Fabio Mancuso.
Le indagini, affidate al nucleo di polizia valutaria della Guardia di Finanza, scattarono dopo alcune operazioni sospette riconducibili alla Fingeneral spa, fallita nel marzo del 2010, e alla Ascom Finance, per la quale la procura ha già chiesto il fallimento. Corona, che è stato in vari periodi amministratore delegato, direttore generale e poi presidente del cda di Ascom, è accusato di associazione per delinquere finalizzata al comapimento di una serie di reati, come l’esercizio abusivo dell’attività finanziaria, l’ostacolo all’attività di vigilanza della Banca d’Italia e la bancarotta fraudolenta.
(S.A.)

Tag:

COMMENTA

5 commenti a “Revocato dal Gip l’obbligo di dimora per l’on. Roberto Corona”

  1. Pino1962 ha detto:

    Ho l’impressione che l’Onorevole uscirà a testa alta da questa faccenda e chiederà anche il risarcimento per il danno d’immagine.
    Ma allora tutti i capi accusatori che la Guardia di Finanza ha formulato, a fronte di elaborate indagini, sono solo parole liquide?
    Politica e magistratura sembrano andare a braccetto…

  2. francamente ha detto:

    Caro Pino io se sono certo che L’On. Corona ne uscira a testa alta. Mentre qualcuno la testa , specialmente a Messina sa bene dove deve metterla e se ci riesce anche tirare l’acqua!!!!

  3. L'Osservatore ha detto:

    La Giustizia farà il suo corso ne sono certo, ma in un Paese “normale” un parlamentare anche se “regionale” si sarebbe dimesso, senza SE e senza MA, già all’odore di un possibile avviso di garanzia, perchè la politica “dovrebbe” essere al servizio dei cittadini – senza macchia e senza aloni di alcun genere -qui invece si da, sia nel testo del pezzo che nei commenti dei lettori, il titolo di “Onorevole”(!!!) al sig. Corona e per giunta anche con lettera maiuscola!!!

  4. francamente ha detto:

    Esistono 3 gradi di giudizio!!!!
    Ingiustamente ha gia’ scontato anche troppo !!!
    Qualcuno ci marcia ….e nessuno parla con le giuste parole ,forse perche’ nessuno sa’ o fa finta di non sapere!!!
    Siccome siamo attorniati da persone e giornalisti molto ben preparati…che ancora scrivono “rebibbia” al posto di “regina coeli”.

    Nessuno, se non colto in flagranza di reato deve far carcere preventivo!!

  5. Pino1962 ha detto:

    Hai ragione, ho scritto Onorevole con lettera maiuscola, ma il senso per me è senz’altro diverso, direi di disprezzo per questa classe politica. Sulla carta sono Onorevoli, nei fatti sono persone Disonorevoli.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *


Commenta
Tempostretto.it - Quotidiano on line della Città Metropolitana di Messina

Via Francesco Crispi 4 98121 - Messina

Rosaria Brancato direttore responsabile-coordinatrice di redazione.

Danila La Torrevice coordinatrice di redazione.

info@tempostretto.it

Telefono 090.9018992

Fax 090.2509937 P.IVA 02916600832

n° reg. tribunale 04/2007 del 05/06/2007