Fuori per il coronavirus. Il boss di Barcellona, Angelo Porcino, torna in carcere - Tempo Stretto - Ultime notizie da Messina e Reggio Calabria

Fuori per il coronavirus. Il boss di Barcellona, Angelo Porcino, torna in carcere

Marco Ipsale

Fuori per il coronavirus. Il boss di Barcellona, Angelo Porcino, torna in carcere

sabato 11 Luglio 2020 - 11:04
Fuori per il coronavirus. Il boss di Barcellona, Angelo Porcino, torna in carcere

Tante polemiche per la sua scarcerazione ma ora il Tribunale di sorveglianza di Milano ha disposto la revoca dei domiciliari

Era stato scarcerato da Voghera a fine aprile scorso, in periodo di quarantena in Italia per il coronavirus, ed era stato posto ai domiciliari per motivi di salute. Erano seguite tante polemiche e l’allarme era stato lanciato anche dal procuratore capo di Messina, Maurizio De Lucia.

Ora il boss di Barcellona, il 64enne Angelo Porcino, torna in carcere su disposizione del Tribunale di sorveglianza di Milano, “a seguito della segnalazione da parte del Commissariato di diverse violazioni delle prescrizioni imposte”.

Così i poliziotti del Commissariato di Polizia di Barcellona hanno eseguito l’ordine di espiazione di pena detentiva per la revoca della detenzione domiciliare.

Porcino è stato condannato per i reati di associazione di tipo mafioso ed estorsione in concorso, fatti commessi tra il 1990 e il 2011, e dovrà scontare ancora 7 anni e 8 mesi.

Nell’ultimo decennio è stato coinvolto a più riprese nelle inchieste anti mafia sul clan di Barcellona, a cominciare dalle operazioni Gotha. E’ stato coinvolto anche nel recente blitz Dinastia, scattato lo scorso febbraio. Subito dopo i giudici messinesi gli avevano concesso i domiciliari ma era rimasto in carcere per Gotha VII. Il suo nome è stato legato all’inchiesta sulla morte dell’urologo Attilio Manca.

Tag:

Una donazione per un grande progetto di informazione

Abbiamo cercato in questi anni di offrirvi un'informazione puntuale e approfondita, estranea ad ogni condizionamento e sempre al passo con l'innovazione.  Così abbiamo raggiunto importanti traguardi. Ma non ci basta: vogliamo ampliare la nostra attività di informazione con più inchieste, più contenuti video e una più solida presenza nei diversi comprensori delle città metropolitane di Messina e Reggio Calabria.

E' un progetto ambizioso per il quale vi chiediamo di darci una mano effettuando una donazione: se ognuno di voi darà anche  un piccolo contributo economico, il risultato sarà eccezionale e Tempostretto sarà ancora più efficace e “vostro”.

Un commento

  1. Per un semplice sindaco, in 24 ore si è riunito il consiglio di stato per revocare un’ordinanza con la firma del presidente della repubblica, per un boss sono passati mesi. È vero, la legge è uguale per tutti ma per alcuni in particolare.

    0
    0

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Commenta
Tempostretto.it - Quotidiano on line della Città Metropolitana di Messina

Via Francesco Crispi 4 98121 - Messina

Rosaria Brancato direttore responsabile-coordinatrice di redazione.
info@tempostretto.it

Telefono 090.9018992

Fax 090.2509937 P.IVA 02916600832

n° reg. tribunale 04/2007 del 05/06/2007