Blitz antiprostituzione Bani Bani, sconto di pena in appello per Tufan - Tempo Stretto - Ultime notizie da Messina e Reggio Calabria

Blitz antiprostituzione Bani Bani, sconto di pena in appello per Tufan

Alessandra Serio

Blitz antiprostituzione Bani Bani, sconto di pena in appello per Tufan

giovedì 22 Dicembre 2016 - 23:10
Blitz antiprostituzione Bani Bani, sconto di pena in appello per Tufan

Dovrà scontare 9 anni e non i 12 decisi in primo grado il 29enne Tufan Marius Claudiu, coinvolto nel processo sul traffico di lucciole immigrate tra i paesi dell'est e Messina.

La Corte d'Appello di Reggio Calabria ha assolto il giovane straniero dalla più grave accusa di prostituzione minorile e rideterminato la pena che dovrà scontare in 9 anni di reclusione e non 12, come deciso dai giudici messinesi. I colleghi reggini hanno quindi parzialmente accolto le ragioni degli avvocati Nino Favazzo e Antonio Amata, i quali avevano già ottenuto l'annullamento della condanna d'appello decisa due anni fa: lo scorso maggio, infatti, la Corte di Cassazione aveva confermato, rendendole definitive, le condanne emesse dalla Corte d'assiste d'Appello di Messina per gli sfruttatori delle prostitute straniere, scoperti e arrestati dalla Polizia nel 2011.

Soltanto la condanna di Tufan era stata annullata e i giudici della suprema corte avevano chiesto alla corte d'appello di reggio Calabria di ricelebrare il processo, terminato con una parziale assoluzione.

Con una brillante e complessa indagine che ha varcato i confini nazionali, la Squadra Mobile nel 2011 ha ricostruito le rotte attraverso le quali molte donne dell'est venivano fatte entrare in Italia, regolarmente o clandestinamente, poi avviate alla prostituzione e sfruttate. Molte di loro erano partite pensando di trovare un lavoro normale, tutte sono state minacciate e picchiate quando si sono rifiutate di scendere in strada.

La banda di sfruttatori era in gran parte romena ma goveda di complici e aiuti a Messina. Fondamentale la collaborazione di alcune delle vittime che hanno deciso di fuggire ai soprusi, testimoniando contro gli sfruttatori.

Alessandra Serio

Tag:

0 commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Commenta
Tempostretto.it - Quotidiano on line della Città Metropolitana di Messina

Via Francesco Crispi 4 98121 - Messina

Rosaria Brancato direttore responsabile-coordinatrice di redazione.
info@tempostretto.it

Telefono 090.9018992

Fax 090.2509937 P.IVA 02916600832

n° reg. tribunale 04/2007 del 05/06/2007

x