Incidente Sansovino, la società armatrice sarà responsabile civile - Tempostretto

Incidente Sansovino, la società armatrice sarà responsabile civile

Alessandra Serio

Incidente Sansovino, la società armatrice sarà responsabile civile

Tag:

lunedì 12 Novembre 2018 - 13:54

La Caronte&Tourist sarà citata insieme alla Sea Star, responsabile delle operazioni di sicurezza sulla nave, per la tragedia costata la morte ai tre marittimi, nel novembre di 3 anni fa.

Caronte&Tourist e Sea Star staranno a processo come responsabili civili per la morte di Gaetano D'Ambra, Cristian Micalizzi e Santo Parisi, i tre marittimi uccisi dal gas tossico formatosi in un locale della cisterna mentre eseguivano i lavori di ripristino della nave Sansovino, all'interno del porto di Messina, il 29 novembre 2016.

Lo ha deciso il Gup Simona Finocchiaro, al termine della seconda tappa dell'udienza preliminare, che andrà avanti a partire dal prossimo 17 dicembre. Oggi il giudice è tornata in aula per sciogliere la riserva sulla sua decisione, accogliendo la richiesta sul punto dei familiari delle vittime.

A metà del prossimo mese sarà formalmente effettuata la citazione, poi l'udienza andrà avanti.

Il giudice Finocchiaro è stata chiamata a valutare la tenuta in via preliminare delle ipotesi di reato di omicidio colposo e lesiono colpose plurime, contestate a vario titolo a Luigi Genghi della società Caronte &Tourist Isole Minori, la sigla creata dal gruppo Franza per acquistare le quote della Siremar; Domenico Cicciò, ispettore tecnico della società responsabile della sicurezza; l'agente marittimo Giosuè Agrillo, il comandante Salvatore Virzì e il direttore di macchina Fortunato De Falco e Vincenzo Franza quale titolare della Caronte&Tourist.

Secondo la Procura di Messina, infatti, la morte dei tre marittimi è stata causata dalla mancanza di condizioni di sicurezza sulla nave. Mancanze che sono da imputare a tutte le società coinvolte nelle operazioni, ai responsabili delegati alla sicurezza, alla società armatrice. A coordinare l'inchiesta sono stati i sostituti procuratore Marco Accolla, Federica Rende e Roberto Conte.

Dall'altra parte, le società trovano come parti civili i familiari dei tre marittimi, l'Inail e alcune associazioni di categoria.

Gli accertamenti hanno stabilito che a intossicare i tre marittimi sono stati i gas di scarico dell'operazione effettuata. Operazione che secondo i protocolli avrebbe dovuto essere eseguita con ben altre procedure di sicurezza. Insomma, quella dei tre marinai era una morte che poteva essere evitata.

0 commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Commenta
Tempostretto - Quotidiano online delle Città Metropolitane di Messina e Reggio Calabria

Via Francesco Crispi 4 98121 - Messina

Marco Olivieri direttore responsabile
info@tempostretto.it

Telefono 090.9412305

Fax 090.2509937 P.IVA 02916600832

n° reg. tribunale 04/2007 del 05/06/2007