Vicenda Coppolino, ecco perché il sindaco di Barcellona non andava allontanato - Tempo Stretto - Ultime notizie da Messina e Reggio Calabria

Vicenda Coppolino, ecco perché il sindaco di Barcellona non andava allontanato

Alessandra Serio

Vicenda Coppolino, ecco perché il sindaco di Barcellona non andava allontanato

mercoledì 18 Aprile 2018 - 01:23
Vicenda Coppolino, ecco perché il sindaco di Barcellona non andava allontanato

Sempre più lontane le dimissioni di Materia, chieste dall'opposizione: il Riesame ha infatti stabilito che l'abuso d'ufficio non c'è e il sindaco non ha perseguitato l'ex comandante La Rosa. Ecco perché

Roberto Materia non andava “allontanato” dal Comune di Barcellona Pozzo di Gotto. Non c’erano gli indizi di colpevolezza gravi ed evidenti. Al contrario, la lettura delle vicende, così come ricostruite dal sindaco della città del Longano e dai suoi difensori, gli avvocati Marcello Scurria e Tommaso Calderone, convince e lo discolpa. Nessun “accanimento” contro l’ex comandante dei Vigili Urbani La Rosa: la prima cessazione dell’incarico risale ad un anno prima degli esposti anonimi sugli abusi dell’assessore Angelo Coppolino. Gli altri provvedimenti amministrativi adottati dal primo cittadino de Longano e dalla macchina comunale sono ugualmente tutti legittimi (leggi qui per approfondimenti)

E’ questa in sostanza la ragione che ha convinto il Tribunale del Riesame di Messina (presidente Maffa) lo scorso 2 marzo a revocare il divieto di dimora a Barcellona disposto dal giudice per le indagini preliminari nei confronti di Materia. In sei pagine di motivazione, depositate ieri, il Collegio della Libertà cassa soprattutto il dolo: non ci sono indizi della persecuzione ritorsiva nei confronti di La Rosa.

Soddisfatti i legali, che hanno visto accolta la loro tesi, rappresentata anche attraverso una corposa produzione di documenti che ha offerto ai giudici la versione dei fatti di materia.

“L’apparato argomentativo del Tribunale – commentano gli avvocati Scurria e Materia – evidenzia con chiarezza la mancanza dei gravi indizi di colpevolezza a carico del Materia in ordine alla imputazione contestata (abuso d’ufficio). Il Tribunale del Riesame, valorizzando gli elementi forniti dalla difesa, attraverso un’autonoma, penetrante e puntuale. confutazione del quadro indiziario, già conosciuto dal giudice delle indagini preliminari, ha escluso il contestato intento persecutorio del Materia nei confronti dell’ex Comandante dei VV.UU.”.

I riflessi politici sono chiari: Materia non ha mai pensato di lasciare l’incarico, e oggi le sue dimissioni sono sempre più lontane, malgrado l’indagine della Procura di Barcellona vada avanti. “ Senza indulgere ad alcun facile ottimismo – continuano infatti i legali – il rigore argomentativo e logico del provvedimento di annullamento della misura cautelare, costituisce, a parere degli scriventi difensori, la miglior premessa per dimostrare la correttezza del comportamento del Sindaco Materia. In ogni caso, le argomentazioni del TdR restituiscono al Sindaco l’indispensabile serenità per proseguire il mandato amministrativo affidatogli dai Cittadini."

Tag:

Una donazione per un grande progetto di informazione

Abbiamo cercato in questi anni di offrirvi un'informazione puntuale e approfondita, estranea ad ogni condizionamento e sempre al passo con l'innovazione.  Così abbiamo raggiunto importanti traguardi. Ma non ci basta: vogliamo ampliare la nostra attività di informazione con più inchieste, più contenuti video e una più solida presenza nei diversi comprensori delle città metropolitane di Messina e Reggio Calabria.

E' un progetto ambizioso per il quale vi chiediamo di darci una mano effettuando una donazione: se ognuno di voi darà anche  un piccolo contributo economico, il risultato sarà eccezionale e Tempostretto sarà ancora più efficace e “vostro”.

0 commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Commenta
Tempostretto.it - Quotidiano on line della Città Metropolitana di Messina

Via Francesco Crispi 4 98121 - Messina

Rosaria Brancato direttore responsabile-coordinatrice di redazione.
info@tempostretto.it

Telefono 090.9018992

Fax 090.2509937 P.IVA 02916600832

n° reg. tribunale 04/2007 del 05/06/2007