Gole dell'Alcantara a secco, registrata eccezionale moria di pesci - Tempo Stretto - Ultime notizie da Messina e Reggio Calabria

Gole dell’Alcantara a secco, registrata eccezionale moria di pesci

Daniele Ingemi

Gole dell’Alcantara a secco, registrata eccezionale moria di pesci

giovedì 27 Agosto 2020 - 11:28
Gole dell’Alcantara a secco, registrata eccezionale moria di pesci

La cronica assenza di precipitazioni sta causando la secca di molti fiumi e corsi d’acqua della Sicilia

La cronica assenza di precipitazioni sta causando la secca di molti fiumi e corsi d’acqua della Sicilia. Mentre sulle coste tirreniche del messinese e sul capoluogo dello Stretto le piogge, durante il mese di agosto, non sono mancate, sul resto del territorio siciliano vi sono aree rimaste a secco da mesi. La magra di questi corsi d’acqua sta causando anche notevoli danni ai delicati ecosistemi.

L’attuale situazione delle gole dell’Alcantara rimaste a secco

La situazione più critica, nel messinese, si sta riscontrando nell’area ionica. La magra dell’Alcantara ha prodotto una moria di pesci che ha colto di sorpresa pure gli escursionisti e le guide naturalistiche. In questo punto del Parco fluviale dell’Alcantara, una scena simile, di queste proporzioni, non la ricorda nessuno, seppur nel passato, anche recente, ci sono stati altri periodi di siccità e moria di pesci, ma non di queste proporzioni. Difficile trovare soluzioni di fronte ai fenomeni naturali come l’assenza di piogge e di acqua nel fiume, ma resta l’interrogativo se anche il fattore umano o un uso improprio delle acque, nel tratto a monte, possa avere enfatizzato il fenomeno, soprattutto alla fine del periodo estivo.

Nel fiume Alcantara vivono diverse specie di pesci quali, ad esempio, la Tinca (Tinca tinca), la Trota (Salmo trutta), la Carpa (Cyprinus carpio), la Gambusia (Gambusia affinis), quest’ultima introdotta dall’uomo per la lotta biologica alla malaria. L’Ispettorato ripartimentale delle foreste di Catania, sotto richiesta dell’ente, ha effettuato un sopralluogo. Sembrerebbe che il motivo di questa moria sia infatti l‘asfissia dovuta al calo di portata del fiume e alle alte temperature che hanno portato a una rigida diminuzione dell’ossigeno delle acque superficiali.

Tag:

Una donazione per un grande progetto di informazione

Abbiamo cercato in questi anni di offrirvi un'informazione puntuale e approfondita, estranea ad ogni condizionamento e sempre al passo con l'innovazione.  Così abbiamo raggiunto importanti traguardi. Ma non ci basta: vogliamo ampliare la nostra attività di informazione con più inchieste, più contenuti video e una più solida presenza nei diversi comprensori delle città metropolitane di Messina e Reggio Calabria.

E' un progetto ambizioso per il quale vi chiediamo di darci una mano effettuando una donazione: se ognuno di voi darà anche  un piccolo contributo economico, il risultato sarà eccezionale e Tempostretto sarà ancora più efficace e “vostro”.

Un commento

  1. sergio martino 27 Agosto 2020 13:50

    purtroppo sta accadendo quanto previsto la nostra sicilia piano piano come il sahara…
    il clima cambia e sempre peggio per noi…….

    0
    0

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Commenta
Tempostretto.it - Quotidiano on line della Città Metropolitana di Messina

Via Francesco Crispi 4 98121 - Messina

Rosaria Brancato direttore responsabile-coordinatrice di redazione.
info@tempostretto.it

Telefono 090.9018992

Fax 090.2509937 P.IVA 02916600832

n° reg. tribunale 04/2007 del 05/06/2007