Il selfie-museo e la sovranità della vanità - Tempo Stretto - Ultime notizie da Messina e Reggio Calabria

Il selfie-museo e la sovranità della vanità

Giacomo Maria Arrigo

Il selfie-museo e la sovranità della vanità

lunedì 25 Novembre 2019 - 09:05
Il selfie-museo e la sovranità della vanità

Il selfie-museo, ovvero il luogo in cui sono a disposizione del visitatore varie postazioni colorate e scenari stravaganti per il selfie perfetto. Nessuna opera d’arte, il visitatore è solo con se stesso.

Stiamo assistendo alla mutazione di un importante luogo di cultura e aggregazione. Si tratta del museo. Una volta si andava al museo per ammirare opere d’arte, muoversi liberamente in uno spazio allestito da critici e curatori che sono anche esperti di storia, arte, archeologia, cinema. Oggi invece sta iniziando ad apparire un po’ ovunque una variazione dell’idea classica di museo, ovvero il selfie-museo.

Cosa è il selfie-museo? È un luogo in cui sono a disposizione del visitatore varie postazioni colorate, sfondi vivaci, gadget divertenti, scenari stravaganti, mini-set fotografici insomma. Nessuna opera d’arte, quindi, ma è lo spettatore stesso che prende il posto di una scultura, di un quadro, di una installazione: basta posizionarsi in uno scenario a scelta, fare una smorfia qualunque, allungare il braccio per inquadrarsi nello schermo dello smartphone e clic, il selfie è pronto per essere postato sui social.

A Dusseldorf, in Germania, c’è già il Cali Dreams, museo temporaneo (tre mesi a partire da ottobre) con 25 set diversi. A Vienna il No Filter Museum è definito “il paradiso dei selfie”, con 24 scenari interattivi diversi. A Denver, Colorado (USA), esiste il Denver Selfie Museum, dove – recita il sito – «se gli altri musei d’arte invitano a non fare fotografie, qua da noi è proprio l’opposto». Ci sono anche il Museum of Selfies di Las Vegas e il Museum of Sweets & Selfies a Budapest, quest’ultimo dedicato ai dolci e ai selfie, in un connubio pop di certo vincente per attrarre giovani adolescenti in cerca di divertimento.

Tributo alla più comune espressione pop della cultura contemporanea post-moderna, il selfie-museo rappresenta anche un espediente per portare le nuove generazioni al museo. «Il numero di giovani che visita musei è drasticamente crollato, quindi stiamo cercando di combattere questo fenomeno usando proprio i social media», ha spiegato Petra Scharinger, co-fondatrice del No Filter Museum di Vienna. E ha aggiunto: «Preferiscono vivere online invece di interagire con il mondo reale. Questo è il museo del futuro».

Difficile capire in che modo un parco giochi colorato e interattivo possa infondere nei più giovani il desiderio di visitare una mostra di arte contemporanea o un allestimento di reperti archeologici. «La gente», ha dichiarato Tommy Honton, uno degli ideatori del Museum of Selfies, «non vuole più consumare silenziosamente l’arte, piuttosto vuole esserne parte. Ci sono più selfie con Gioconda che foto della Gioconda stessa». La soluzione da lui adottata pare essere quella di sbarazzarsi direttamente della Gioconda: ci sarà a quel punto più spazio per fare selfie e ritrarre se stessi e nient’altro che se stessi.

Il selfie-museo è un luogo di divertimento, un moderno parco giochi adeguato alle nuove tecnologie. Non è un museo, a dispetto del nome. Non c’è uscita da se stessi, immersione in un’opera d’arte, distrazione da sé. Al contrario, c’è totale immersione in sé, auto-centramento, vanità. Il filosofo francese Emmanuel Lévinas considerava l’arte (la letteratura, la musica etc.) come «un tentativo di uscire dall’isolamento dell’esistere», perché l’arte comunica qualcosa a qualcuno, mette in contatto due esistenze individuali. Non è questo il caso del selfie-museo, che rimane un luna park colorato, un luogo di frivolezza e esibizionismo, simulazione e finzione. Senz’altro divertente, sia chiaro, ma non chiamatelo museo!

Tag:

Una donazione per un grande progetto di informazione

Abbiamo cercato in questi anni di offrirvi un'informazione puntuale e approfondita, estranea ad ogni condizionamento e sempre al passo con l'innovazione.  Così abbiamo raggiunto importanti traguardi. Ma non ci basta: vogliamo ampliare la nostra attività di informazione con più inchieste, più contenuti video e una più solida presenza nei diversi comprensori delle città metropolitane di Messina e Reggio Calabria.

E' un progetto ambizioso per il quale vi chiediamo di darci una mano effettuando una donazione: se ognuno di voi darà anche  un piccolo contributo economico, il risultato sarà eccezionale e Tempostretto sarà ancora più efficace e “vostro”.

0 commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Commenta
Tempostretto.it - Quotidiano on line della Città Metropolitana di Messina

Via Francesco Crispi 4 98121 - Messina

Rosaria Brancato direttore responsabile-coordinatrice di redazione.
info@tempostretto.it

Telefono 090.9018992

Fax 090.2509937 P.IVA 02916600832

n° reg. tribunale 04/2007 del 05/06/2007