Il Teatro di Messina si trasforma in “Un paese speciale” - Tempostretto

Il Teatro di Messina si trasforma in “Un paese speciale”

Emanuela Giorgianni

Il Teatro di Messina si trasforma in “Un paese speciale”

martedì 26 Aprile 2022 - 08:30

La compagnia Volere Volare celebra l’amore al Teatro Vittorio Emanuele

Contro l’angosciante rumore delle bombe al Teatro Vittorio Emanuele risuona l’amore. È andato in scena al Teatro di Messina “Un paese speciale”, lo spettacolo della compagnia Volere Volare, e promosso da Lions Club Messina Tyrrhenum, per raccogliere fondi finalizzati al sostegno dei profughi ucraini. Ma non solo, il ricavato servirà anche a sovvenzionare uno stage rieducativo per minori e giovani adulti entrati nel circuito penale minorile, grazie ad un protocollo d’intesa con i servizi sociali del Ministero della Giustizia.

Il filo rosso di “Un paese speciale”, il suo grande protagonista, è proprio l’amore. E, con l’obiettivo di celebrarlo, il Teatro di Messina si trasforma in “Un paese speciale”.

Un paese speciale

Un paese dove ognuno è speciale e unico, un paese sospeso, senza gabbie o lucchetti, ma solo musica. Un paese che sembra sereno, colorato, armonico, ma è in realtà privo di amore. Sarà un miracoloso elisir del dottore Dulcamara, sedicente medico, a stravolgere ogni cosa.

La sceneggiatura di Giovanna Manetto rivisita, infatti, “L’Elisir D’Amore” di Gaetano Donizetti. La regista ripropone personaggi e vicende dell’opera lirica composta nel 1832, rendendoli a noi più vicini, familiari, contemporanei. Tra un innamoramento e l’altro, incontreremo, infatti, anche una processione tale e quale a quella della Vara e un Sindaco così incredibilmente somigliante a Cateno De Luca. Tutti i personaggi, poi, sono cuciti addosso agli incredibili interpreti.

Volere Volare

La compagnia Volere Volare opera nel teatro dal 2016, senza scopo di lucro, ed è formata da interpreti diversamente abili e non. Il desiderio della Compagnia è vivere il teatro come uno strumento di inclusione e crescita, uno strumento d’amore.

L’impeccabile interpretazione degli attori ha entusiasmato il pubblico, lo ha fatto ridere, lo ha fatto commuovere, lo ha fatto cantare e ballare, emozionandolo sempre. E ha lasciato a tutti un’incredibile lezione sull’amore.

L’inno all’amore

Che cos’è l’amore, si domandano i protagonisti. Qualcuno, se non i poeti, è mai riuscito a spiegare cosa succede in fondo al cuore?

L’amore è un sentimento così inspiegabile e inafferrabile, che coinvolge tutti ma resta incomprensibile, che tormenta ma rende possibile l’impossibile. A volte non ricambiato (capita, insegna lo spettacolo, che qualcuno desideri solo te ma tu, purtroppo, desideri solo delle polpette mentre sei a dieta), a volte disperato, a volte improvviso, a volte un incastro perfetto (come per un Margarita che incontra un Angelo Azzurro, ci mostra ancora la storia). Ma se non è possibile trovare risposta alla domanda sull’amore, e se l’amore è un sentimento così complesso e spaventoso, una certezza c’è: nessuno può privarsene. Questo ci ha raccontato “Un paese Speciale”, tra i tanti applausi e la bravura dei suoi attori. Raccontando l’amore sul palco, l’ha portato anche tra il pubblico. È stato un inno all’amore non solo recitato ma anche incarnato, un messaggio d’amore diretto in prima persona a ciascuno dei presenti. Un atto d’amore che è sempre un grande atto di coraggio.

Così, infatti, si conclude lo spettacolo: “Ora io vorrei spiegare cosa è successo questa sera qui, qui e qui. Ma forse non ho bisogno di spiegarvelo. Voi lo sentite così come lo sento io, come lo sentiamo tutti. Anche questo è amore. Sì. Anche quello che noi abbiamo voluto trasmettere a voi. Solo un grande amore. Il nostro. Quello per la poesia, la musica, le parole, la vita, il teatro, il nostro paese speciale”.

Perché la guerra, in tutta la sua inaccettabile e tragica assurdità, è destinata a morire; invece l’amore no, quello è eterno, immortale, capace di abbattere ogni barriera. E i ragazzi di Volere Volare l’hanno insegnato.

Tag:

0 commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Commenta
Tempostretto - Quotidiano online delle Città Metropolitane di Messina e Reggio Calabria

Via Francesco Crispi 4 98121 - Messina

Carmelo Caspanello direttore responsabile-coordinatore di redazione.
info@tempostretto.it

Telefono 090.9412305

Fax 090.2509937 P.IVA 02916600832

n° reg. tribunale 04/2007 del 05/06/2007