Il trasporto elettrico è il futuro. Ma attenzione alla gestione… - Tempo Stretto

Il trasporto elettrico è il futuro. Ma attenzione alla gestione…

Marco Ipsale

Il trasporto elettrico è il futuro. Ma attenzione alla gestione…

venerdì 31 Maggio 2019 - 12:30
Il trasporto elettrico è il futuro. Ma attenzione alla gestione…

6 milioni 329mila euro, circa 395mila a bus, il doppio di un bus a gasolio, ma una ricarica elettrica costa 45 euro, una di gasolio per la stessa autonomia 100 euro. Attenzione, però, alle batterie...

MESSINA – La transizione dal gasolio all’elettrico è iniziata in Cina. Ora si sta sviluppando negli Usa e in Ue. Da due anni anche in Italia, ma solo nelle città del nord. Messina è la prima del centro sud ed è quella che ora ha la maggior percentuale di bus elettrici rispetto al totale. Non uno o due ma sedici, una flotta, rispetto al centinaio totale.

6 milioni 329mila euro, circa 395mila a bus, il doppio di un bus a gasolio, fondi recuperati nell’ambito del Pon Metro. C’è anche una stazione di ricarica nella sede Atm ed è prevista, già finanziata, una stazione di autoproduzione di energia, tramite pannelli fotovoltaici.

Il merito è della giunta Accorinti, che ha iniziato e quasi concluso l’iter. Lo conferma, in modo elegante, il vicesindaco e assessore alla mobilità, Salvatore Mondello: “Ringrazio chi ci ha preceduto – dice -. Abbiamo portato avanti quest’iniziativa perché l’abbiamo ritenuta valida, le buone idee non hanno colore”. E l’intenzione è quella di fare altre operazioni simili. “Il futuro è questo – prosegue -, è già tracciato, bisogna essere capaci di reperire nuovi fondi extra bilancio per comprare ancora altri bus”.

“Nei prossimi quindici anni – spiega il direttore generale di Asstra, l’Associazione nazionale trasporti, Emanuele Proia – ci saranno finanziamenti nazionali per 3,7 miliardi di euro. Buona parte sarà proprio per l’elettrico, il resto per il metano, ma il diesel non verrà più finanziato”.

Il costo maggiore dei mezzi viene ammortizzato nel tempo. Una ricarica elettrica costa 45 euro, una di gasolio per la stessa autonomia 100 euro, si risparmia ma solo se c’è una buona gestione. Byd Industria Italia, l’azienda che ha realizzato i bus, sarà accanto ad Atm. “Il vantaggio economico è pluriennale – spiega il responsabile dei servizi postvendita, Stefano Strani – ma bisogna fare attenzione a gestire il costo della batteria, che ha una vita inferiore rispetto a quella del veicolo. I risparmi finanziari vanno accantonati, consigliamo di creare una voce di bilancio chiara destinata alle successive spese per sostituire le batterie”.

Parla di gestione più complessa anche il presidente di Atm, Giuseppe Campagna, che conta sull’aiuto di Byd. “E’ un’azienda che ha 230mila dipendenti nel mondo e che non ha mai costruito un bus a gasolio.
Speriamo che facciano il ‘miracolo’ di realizzare mezzi con autonomia ancora più alta, che ci consentano di raggiungere le zone collinari della città. Abbiamo scelto insieme piazza Duomo per l’inaugurazione dei nuovi bus, perché è stato realizzato un video che sarà presentato al congresso dell’autotrasporto a Stoccolma, dal 9 al 12 giugno, di fronte a una platea mondiale”.

(Marco Ipsale)

LE SCHEDE DEI BUS

Visualizza anteprima allegato BYD_ATM_K7_1.pdfBYD_ATM_K7_1.pdf300 KB

Visualizza anteprima allegato 1559285702856_BYD_ATM_leaflet_2.0.pdf1559285702856_BYD_ATM_leaflet_2.0.pdf951 KB

Tag:

Un commento

  1. Molto più che lodevole l’onestà intellettuale dimostrata dal ns vicesindaco in merito al traguardo raggiunto oggi della promozione del servizio pubblico ecosostenibile riconoscendo che le radici di tale progetto si trovano nella precedente giunta che nell’ing. Cacciola, scienziato illuminato figlio della ns terra ha avuto il suo strenuo sostenitore. Il”date a Cesare quello che e’ di Cesare” rimane da sempre il metodo vincente soprattutto se adottato nelle sedi istituzionali la cittadinanza attenta osserva e giudica e questa linea di condotta anche se potrebbe sembrare anacronistica nell’era degli arraffoni senza scrupoli alla lunga paga.

    1
    0

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Commenta
Tempostretto.it - Quotidiano on line della Città Metropolitana di Messina

Via Francesco Crispi 4 98121 - Messina

Rosaria Brancato direttore responsabile-coordinatrice di redazione.

Danila La Torrevice coordinatrice di redazione.

info@tempostretto.it

Telefono 090.9018992

Fax 090.2509937 P.IVA 02916600832

n° reg. tribunale 04/2007 del 05/06/2007