Corsi d'oro, il Tribunale del riesame: Genovese torni in carcere - Tempo Stretto - Ultime notizie da Messina e Reggio Calabria

Corsi d’oro, il Tribunale del riesame: Genovese torni in carcere

Corsi d’oro, il Tribunale del riesame: Genovese torni in carcere

sabato 30 Agosto 2014 - 08:58
Corsi d’oro, il Tribunale del riesame: Genovese torni in carcere

Genovese è agli arresti domiciliari dal 21 maggio 2014. Si era costituito nel carcere di Messina sei giorni prima, subito dopo che la Camera dei deputati aveva votato l'autorizzazione al suo arresto. Secondo il Tribunale del riesame sussiste ancora il "pericolo di reiterazione del reato, vista la spregiudicatezza e una non comune inclinazione a delinquere". L'avvocato di Genovese,Nino Favazzo annuncia ricorso in Cassazione "Ordinanza debole e inconsistente"

Il tribunale del riesame di Messina, accogliendo iI ricorso della Procura, ha disposto la custodia cautelare in carcere per il deputato Pd Francantonio Genovese.

I giudici hanno annullato l'ordinanza del Gip che scarcerava il parlamentare indagato per associazione per delinquere truffa e frode fiscale sulla formazione in Sicilia disponendone gli arresti domiciliari. L'ordinanza non è esecutiva fino al momento in cui lo diventerà per termini o sentenza della Cassazione.

Per l'ex sindaco di Messina, coinvolto in uno dei filoni dell'operazione "Corsi d'oro", relativi agli Enti di formazione finanziati dalla Regione e dall'Unione Europea, gli arresti sono scattati dopo l'autorizzazione a procedere votata dalla Camera pochi giorni prima delle Elezioni europee, in piena campagna elettorale. Nelle scorse settimane la Camera ha anche approvato l'autorizzazione all'utilizzo delle intercettazioni telefoniche del deputato, sia pure limitatamente al periodo ottobre-dicembre 2012.Secondo il Tribunale del riesame quindi: “La revoca degli accreditamenti di alcuni enti di formazione non scongiura il pericolo di reiterazione delittuosa visto che Genovese può usufruire di una fitta rete di prestanome e le condotte illecite perpetrate in modo sistematico rendano oltremodo concreto il pericolo di reiterazione delittuosa e sono sintomatiche di un sofisticato sistema illecito ben collaudato e consolidato nel tempo, che l’indagato ha avviato e perfezionato in modo ‘professionale’”. La custodia cautelare in carcere secondo i giudici sarebbe necessaria alla luce di una “spregiudicatezza e una non comune inclinazione a delinquere dell’indagato, tenuto conto della natura, della gravità degli illeciti contestati e dell’ingente quantitativo di denaro pubblico di cui Genovese si è appropriato nel tempo, usufruendo, per finalità privatistiche e personali, della carica pubblica rivestita”. Ma c’è di più, perché secondo il Riesame i domiciliari per Genovese avrebbero costituito una sorta di “località protetta” dalla quale può continuare le attività ed infine avrebbe continuato a mantenere il controllo della Caleservice, società ritenuta dalla procura di Messina “la cartiera” del parlamentare.

“Valuteremo con attenzione l'ordinanza e sicuramente presenteremo ricorso in Cassazione per far valere le ragioni del mio assistito" dichiara intanto Nino Favazzo, difensore di Genovese. "Questa ordinanza ad una prima lettura mi sembra debole e inconsistente. Si sostiene, in sintesi, che Genovese controllasse la Formazione da casa, e che l'unico posto dove non possa farlo è il carcere. Mi sembra che la decisione sia più legata ad altre decisioni prese dal Tribunale che hanno avuto un effetto 'trascinamento' sul mio assistito. Non ci sono dubbi che dopo avere letto in maniera approfondita l'ordinanza presenteremo ricorso avverso in Cassazione".

Tag:

Una donazione per un grande progetto di informazione

Abbiamo cercato in questi anni di offrirvi un'informazione puntuale e approfondita, estranea ad ogni condizionamento e sempre al passo con l'innovazione.  Così abbiamo raggiunto importanti traguardi. Ma non ci basta: vogliamo ampliare la nostra attività di informazione con più inchieste, più contenuti video e una più solida presenza nei diversi comprensori delle città metropolitane di Messina e Reggio Calabria.

E' un progetto ambizioso per il quale vi chiediamo di darci una mano effettuando una donazione: se ognuno di voi darà anche  un piccolo contributo economico, il risultato sarà eccezionale e Tempostretto sarà ancora più efficace e “vostro”.

34 commenti

  1. NO NO NO NO NO NO NO NO NON CI CREDO INNOCENTE E POVERINO INNOCENTE AVETE CAPITO INNOCENTE

    0
    0
  2. NO NO NO NO NO NO NO NO NON CI CREDO INNOCENTE E POVERINO INNOCENTE AVETE CAPITO INNOCENTE

    0
    0
  3. Perchè non lasciarlo in pace? Anche il borsone che ha utilizzato per entrare oppure uscire dalla Casa circondariale testimonia la sua umiltà. Infatti, fa capire ch non aveva i soldi per comprare un borsone ed è costretto ad utilizzare quello della spesa che gli ha dato l’Hard Discount.
    Poverino, mi fa pena.

    0
    0
  4. Perchè non lasciarlo in pace? Anche il borsone che ha utilizzato per entrare oppure uscire dalla Casa circondariale testimonia la sua umiltà. Infatti, fa capire ch non aveva i soldi per comprare un borsone ed è costretto ad utilizzare quello della spesa che gli ha dato l’Hard Discount.
    Poverino, mi fa pena.

    0
    0
  5. Il Governo a guida PD emana norme nuove per i Magistrati, questa è una risposta degli stessi.

    p.s. non tifo pd.

    0
    0
  6. Il Governo a guida PD emana norme nuove per i Magistrati, questa è una risposta degli stessi.

    p.s. non tifo pd.

    0
    0
  7. OHHHH nOOOOOOooooo !!!!

    0
    0
  8. OHHHH nOOOOOOooooo !!!!

    0
    0
  9. Se è colpevole o innocente, lo si appurerà nel processo. Quando, se condannato, meriterà il carcere. Appunto: se condannati. Mentre la prolungata custodia cautelare è sempre carcere (anche se domiciliare), ma senza condanna stabilita da un verdetto giudiziario. Una condanna preventiva. Una sanzione anticipata. Come se i tempi (mostruosamente dilatati) della giustizia non tenessero conto dei tempi della persona. Costituzionalmente innocente fino a verdetto definitivo: sempre che valgano ancora le regole dello Stato di diritto.

    Princìpi elementari, quasi ovvii, ma che l’opinione pubblica, tende a dimenticare. Il merito delle accuse non c’entra. C’entrano i criteri, i tempi, le modalità con cui la custodia cautelare può subire una distorsione irreparabile. Come fosse un surrogato per una pena la cui certezza, dopo e non prima la sentenza, appare sempre più aleatoria. Ma mettere il «prima» al posto del «dopo» è prassi ingiusta, anche se capace di appagare, in modi obliqui, la richiesta di giustizia dell’opinione pubblica.

    0
    0
  10. Se è colpevole o innocente, lo si appurerà nel processo. Quando, se condannato, meriterà il carcere. Appunto: se condannati. Mentre la prolungata custodia cautelare è sempre carcere (anche se domiciliare), ma senza condanna stabilita da un verdetto giudiziario. Una condanna preventiva. Una sanzione anticipata. Come se i tempi (mostruosamente dilatati) della giustizia non tenessero conto dei tempi della persona. Costituzionalmente innocente fino a verdetto definitivo: sempre che valgano ancora le regole dello Stato di diritto.

    Princìpi elementari, quasi ovvii, ma che l’opinione pubblica, tende a dimenticare. Il merito delle accuse non c’entra. C’entrano i criteri, i tempi, le modalità con cui la custodia cautelare può subire una distorsione irreparabile. Come fosse un surrogato per una pena la cui certezza, dopo e non prima la sentenza, appare sempre più aleatoria. Ma mettere il «prima» al posto del «dopo» è prassi ingiusta, anche se capace di appagare, in modi obliqui, la richiesta di giustizia dell’opinione pubblica.

    0
    0
  11. Caro Pinocchio, hai scelto un nickname è adeguato a te.
    Oltre che Pinocchio, però, sei anche ignorante. Non meriti di vivere in una Democrazia che garantisce le persone, meriti di vivere in paesi come Siria, Iraq, Iran…, dove le persone vengono giustiziate senza processo. Se vuoi, siccome sono un generoso, un biglietto di sola andata per uno di quei paesi, te lo regalo volentieri!

    0
    0
  12. Caro Pinocchio, hai scelto un nickname è adeguato a te.
    Oltre che Pinocchio, però, sei anche ignorante. Non meriti di vivere in una Democrazia che garantisce le persone, meriti di vivere in paesi come Siria, Iraq, Iran…, dove le persone vengono giustiziate senza processo. Se vuoi, siccome sono un generoso, un biglietto di sola andata per uno di quei paesi, te lo regalo volentieri!

    0
    0
  13. Tenerlo xxxxxxxxx per la pena necessaria, non avere favoritismi e sconti per le xxxxxxxxxxxxx è troppo complicato per questo stato chiamato italia?

    0
    0
  14. Tenerlo xxxxxxxxx per la pena necessaria, non avere favoritismi e sconti per le xxxxxxxxxxxxx è troppo complicato per questo stato chiamato italia?

    0
    0
  15. Mi (Vi) domando Il Sig. Genovese è innocente e allora lasciatelo in pace, se invece è colpevole, non bisogna dargli nessun beneficio è deve andare in galera come ogni qualsiasi cittadino. Né in infermeria, né ai domiciliari.

    0
    0
  16. Mi (Vi) domando Il Sig. Genovese è innocente e allora lasciatelo in pace, se invece è colpevole, non bisogna dargli nessun beneficio è deve andare in galera come ogni qualsiasi cittadino. Né in infermeria, né ai domiciliari.

    0
    0
  17. letterio.colloca 30 Agosto 2014 14:29

    Viene la pelle d’oca a leggere sia il contenuto dell’ordinanza del Trib.d.Riesame che la “professionale” dichiarazione dell’avv.difensore.
    L’ordinanza-tardiva ELENCA le “peculiarità”(“spregiudicatezza e una non comune inclinazione a delinquere dell’indagato, tenuto conto della natura, della gravità degli illeciti contestati e dell’ingente quantitativo di denaro pubblico di cui Genovese si è appropriato nel tempo, usufruendo, per finalità privatistiche e personali, della carica pubblica rivestita”) ARCINOTE a CHICCHESSIA a Messina.
    Ma poi, come non pensare che gli arresti domiciliari xxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxx
    Complimenti per l’opera professionale xxxxxxxxxxxxx
    (di qualunque altra Casa Circondariale;mai più quella di Messina ché gli ha RISERVATO, in prima istanza,UNA SUITE in INFERMERIA!!!!!! al nostro PEPPENAPPA, modesto ladro di pollaio, una affollata cella di “comuni”) e conta su…futuri BENEFICI DI LEGGE ( anche PEPPENAPPA, tra qualche lustro.)

    PS.un suggerimento.
    Perché non si dissolvono come il sale nell’acqua?
    Da 50 anni, Messina li ha sulle xxxxxx.
    Adesso basta con queste xxxxxxxxxxxxxxxx

    0
    0
  18. letterio.colloca 30 Agosto 2014 14:29

    Viene la pelle d’oca a leggere sia il contenuto dell’ordinanza del Trib.d.Riesame che la “professionale” dichiarazione dell’avv.difensore.
    L’ordinanza-tardiva ELENCA le “peculiarità”(“spregiudicatezza e una non comune inclinazione a delinquere dell’indagato, tenuto conto della natura, della gravità degli illeciti contestati e dell’ingente quantitativo di denaro pubblico di cui Genovese si è appropriato nel tempo, usufruendo, per finalità privatistiche e personali, della carica pubblica rivestita”) ARCINOTE a CHICCHESSIA a Messina.
    Ma poi, come non pensare che gli arresti domiciliari xxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxx
    Complimenti per l’opera professionale xxxxxxxxxxxxx
    (di qualunque altra Casa Circondariale;mai più quella di Messina ché gli ha RISERVATO, in prima istanza,UNA SUITE in INFERMERIA!!!!!! al nostro PEPPENAPPA, modesto ladro di pollaio, una affollata cella di “comuni”) e conta su…futuri BENEFICI DI LEGGE ( anche PEPPENAPPA, tra qualche lustro.)

    PS.un suggerimento.
    Perché non si dissolvono come il sale nell’acqua?
    Da 50 anni, Messina li ha sulle xxxxxx.
    Adesso basta con queste xxxxxxxxxxxxxxxx

    0
    0
  19. velista anonimo 30 Agosto 2014 14:52

    .. le condotte rimangono, così come le xxxxxxxxxxxx …. ma come è pensabile che Genovese si sia occupato di formazione senza avere alcun interesse …. l’interesse vero era la formazione o gli xxxxxxxxxxxx? ….e se con la formazione non si guadagna molto come sostiene la difesa in quale modo si sono ottenuti enormi ricavi forse con l’attività di avvocato ? .. ma qualcuno a Messina ha mai saputo che l’On facesse l’avvocato ? … non è’ immaginabile invece che egli avesse xxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxx
    allora mi chiedo a che servono le direttive europee sulla libera concorrenza o le imposte o il buon governo o l’attività di deputato o gli interessi di un territorio o di una cittadinanza o dei giovani o il rispetto delle persone ? ….

    0
    0
  20. velista anonimo 30 Agosto 2014 14:52

    .. le condotte rimangono, così come le xxxxxxxxxxxx …. ma come è pensabile che Genovese si sia occupato di formazione senza avere alcun interesse …. l’interesse vero era la formazione o gli xxxxxxxxxxxx? ….e se con la formazione non si guadagna molto come sostiene la difesa in quale modo si sono ottenuti enormi ricavi forse con l’attività di avvocato ? .. ma qualcuno a Messina ha mai saputo che l’On facesse l’avvocato ? … non è’ immaginabile invece che egli avesse xxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxx
    allora mi chiedo a che servono le direttive europee sulla libera concorrenza o le imposte o il buon governo o l’attività di deputato o gli interessi di un territorio o di una cittadinanza o dei giovani o il rispetto delle persone ? ….

    0
    0
  21. AI! AI! povero genovese….

    0
    0
  22. AI! AI! povero genovese….

    0
    0
  23. stiamo parlando della normalità’…..
    anormale…la scarcerazione…..

    0
    0
  24. stiamo parlando della normalità’…..
    anormale…la scarcerazione…..

    0
    0
  25. giovanni rodilosso 31 Agosto 2014 05:43

    Non capisco il perchè in questo paese si continua a privilegiare i forti e condannare i più deboli, se sei ricco e Parlamentare,non è possibile condannarti in via definita,pur avendo commesso il reato, vedi il caso Berlusconi, nonostante condannato per via definitiva, continua a camminare con auto scortate dalla polizia, continua a frequentare uffici pubblici, anzi, il nostro capo del governo per tutta risposta, non appena eletto la prima persona che ha consultato è stato proprio Berlusconi, insomma, si è creato il potere degli intoccabili dove tutto è permesso, dove nessuno rischia niente, soldi e grandi privilegi, tutto sulla pelle dei poveri Italiani che continuano a credere alle favole, spaccandosi la schiena tutti i santi giorni, senza poter garantire ai propri figli neanche un minimo d’istruzione… l’unica sensazione che provo in questo momento è solo una,, il vomito!

    0
    0
  26. giovanni rodilosso 31 Agosto 2014 05:43

    Non capisco il perchè in questo paese si continua a privilegiare i forti e condannare i più deboli, se sei ricco e Parlamentare,non è possibile condannarti in via definita,pur avendo commesso il reato, vedi il caso Berlusconi, nonostante condannato per via definitiva, continua a camminare con auto scortate dalla polizia, continua a frequentare uffici pubblici, anzi, il nostro capo del governo per tutta risposta, non appena eletto la prima persona che ha consultato è stato proprio Berlusconi, insomma, si è creato il potere degli intoccabili dove tutto è permesso, dove nessuno rischia niente, soldi e grandi privilegi, tutto sulla pelle dei poveri Italiani che continuano a credere alle favole, spaccandosi la schiena tutti i santi giorni, senza poter garantire ai propri figli neanche un minimo d’istruzione… l’unica sensazione che provo in questo momento è solo una,, il vomito!

    0
    0
  27. Stiamo ancora aspettando di saperlo! Fino ad oggi, risulta assolutamente innocente in quanto nessuno tribunale lo ha ancora condannato.
    Se verrà condannato, allora ben venga il carcere, ma oggi, un innocente in carcere, che ci sta a fare?
    Ma i magistrati devono fare… strada. e Non c’è di meglio che un politico per una carriera veloce!
    Fortunatamente, per la prima volta, il Governo ha ritenuto che anche i magistrati, se colpevoli, debbano pagare.
    Mi sembra logico e corretto. Anche loro sono uomini e, a volte, le loro decisioni sono affrettate e frutto di “condizionamenti”. Vedremo come finirà questa vicenda e se a pagare sarà Genovese o… qualche altra persona che, fino ad oggi ha sempre pensato di non essere chiamato a pagare gli eventuali orrori, volevo dire, errori, commessi.

    0
    0
  28. Stiamo ancora aspettando di saperlo! Fino ad oggi, risulta assolutamente innocente in quanto nessuno tribunale lo ha ancora condannato.
    Se verrà condannato, allora ben venga il carcere, ma oggi, un innocente in carcere, che ci sta a fare?
    Ma i magistrati devono fare… strada. e Non c’è di meglio che un politico per una carriera veloce!
    Fortunatamente, per la prima volta, il Governo ha ritenuto che anche i magistrati, se colpevoli, debbano pagare.
    Mi sembra logico e corretto. Anche loro sono uomini e, a volte, le loro decisioni sono affrettate e frutto di “condizionamenti”. Vedremo come finirà questa vicenda e se a pagare sarà Genovese o… qualche altra persona che, fino ad oggi ha sempre pensato di non essere chiamato a pagare gli eventuali orrori, volevo dire, errori, commessi.

    0
    0
  29. Senza piscina???

    0
    0
  30. Senza piscina???

    0
    0
  31. velista anonimo 31 Agosto 2014 12:48

    … ma è immaginabile che l’On. Genovese nella formazione non abbia avuto un tornaconto economico, in termini di xxxxxxxx… ma è immaginabile che l’On. Genovese, dopo l’inchiesta giudiziaria sulla formazione, abbia smesso di esercitare il xxxxxxxxxxxxx

    0
    0
  32. velista anonimo 31 Agosto 2014 12:48

    … ma è immaginabile che l’On. Genovese nella formazione non abbia avuto un tornaconto economico, in termini di xxxxxxxx… ma è immaginabile che l’On. Genovese, dopo l’inchiesta giudiziaria sulla formazione, abbia smesso di esercitare il xxxxxxxxxxxxx

    0
    0
  33. Sbaglio o La Legge va rispettata…..sbaglio o il riesame ha disposto la custodia in carcere…….e allora carcere sia…….le chiacchiere non servono……

    0
    0
  34. Sbaglio o La Legge va rispettata…..sbaglio o il riesame ha disposto la custodia in carcere…….e allora carcere sia…….le chiacchiere non servono……

    0
    0

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Commenta
Tempostretto.it - Quotidiano on line della Città Metropolitana di Messina

Via Francesco Crispi 4 98121 - Messina

Rosaria Brancato direttore responsabile-coordinatrice di redazione.
info@tempostretto.it

Telefono 090.9018992

Fax 090.2509937 P.IVA 02916600832

n° reg. tribunale 04/2007 del 05/06/2007

x