Inchiesta sul Centro Nemo Sud, quando Razza disse: "Ma come li hanno autorizzati?"

Inchiesta sul Centro Nemo Sud, quando Razza disse: “Ma come li hanno autorizzati?”

Alessandra Serio

Inchiesta sul Centro Nemo Sud, quando Razza disse: “Ma come li hanno autorizzati?”

Tag:

mercoledì 15 Maggio 2024 - 07:00

La lotta dei pazienti, i dubbi dei protagonisti istituzionali, la politica che sceglie di non intervenire con chiarezza. Anni di battaglie dietro la chiusura di NemoSud. Oggi l'inchiesta svela che...

Messina – Ci sono tutti i passaggi che negli anni sono stati oggetto di “scontri” istituzionali, interrogazioni e approfondimenti giornalistici sul caso Nemo Sud, nell’inchiesta sfociata nell’avviso di garanzia per 9 indagati e il maxi sequestro per presunte irregolarità penali e casi di corruzione intorno al centro riabilitativo. A dare il via all’inchiesta dei Carabinieri è stata infatti la denuncia nel 2019 del professore Dattola, ma agli atti ci sono anche parecchie conversazioni telefoniche, intercettate da quella data e fino al 2021, che vedono interloquire praticamente tutti i protagonisti della vicenda.

Tutti i protagonisti al cospetto degli inquirenti

Al centro dei sospetti degli inquirenti ci sono quindi profili già venuti alla luce, come la mancanza dei criteri per l’accreditamento, la disponibilità a titolo gratuito dei locali del Policlinico per 30 anni, i posti letto ricavati. Infine il ruolo del dottore Giuseppe Vita. E sono proprio le intercettazioni a sollevare i dubbi degli inquirenti sulla sua attività a favore del centro. Dal 2019 al 2021 gli investigatori hanno ascoltato, oltre al professore Dattola, direttamente tante persone, dai dirigenti regionali che hanno supervisionato gli atti al rettore Salvatore Cuzzocrea, passando per il commissario straordinario del Policlinico Giampiero Bonaccorsi. Con le intercettazioni telefoniche hanno invece “ascoltato” tanti altri dialoghi, da quelli tra i vertici della fondazione Aurora, i vari dirigenti succedutisi negli anni, a quelle dei dirigenti del Policlinico con gli uffici regionali, passando per le telefonate del dottore Vita.

Centro a Messina a tutti i costi

“Sebbene nel corso dei dialoghi gli interlocutori tendano ad addossare la responsabilità dei
profili di criticità del Centro Nemosud a Vita, il contenuto delle convenzioni, le conversazioni passate in rassegna, dimostra invece come la creazione del Centro fosse frutto di una consapevole scelta volontaria dei legali rappresentanti di Fondazione che, pur di realizzare il Centro, anche a dispetto degli ostacoli normativi e procedimentali, si sono avvalsi dei rapporti personali di Vita e della strumentalizzazione del suo ruolo istituzionale, accettando in cambio di assicurare allo stesso vantaggi personali tramite la
struttura privata.

I dubbi di Bonaccorsi e Razza


“Per gli inquirenti messinesi è poi significativa una telefonata tra Bonaccorsi e l’allora assessore regionale alla Salute Ruggero Razza, che chiede al suo interlocutore delucidazioni su tutta la storia di Nemo a Messina, gli “allacci” politici ma soprattutto le varie criticità sull’accreditamento, sollevate da più parti. “Ma come lo hanno autorizzato?”, chiede e si chiede l’assessore, che vuole lumi anche sull’imbarazzo sollevato dal fatto che nel centro ci fossero impiegati i familiari del dottore Vita. “Imbarazzo” oggetto di conversazioni anche tra i vertici della Fondazione.

Una battaglia sulla pelle dei malati

Irregolarità, autorizzazioni contrattate ma mai arrivate, mancanza di requisiti, ipotesi di trasformazione….Rilievi penali a parte, la battaglia per la sopravvivenza del centro Nemo Sud a Messina si è giocata sulla pelle dei tanti malati che delle cure del centro avevano un bisogno disperato e a Nemo avevano trovato l’assicurazione di una cura. A nulla sono valsi gli appelli dei pazienti e di tanta parte della città per trovare una soluzione che comunque salvasse le prestazioni sanitarie. Il centro nel 2021 ha chiuso i battenti.


2 commenti

  1. Li avrà autorizzati qualcuno dall’alto, forse lo spirito santo, speriamo che anche questa inchiesta non venga insabbiata.

    3
    0
  2. Aslcepieus Messanensis 15 Maggio 2024 16:57

    Quel che mi conforta, è sapere che il POLICLINICO UNIVERSITARIO GAETANO MARTINO DI MESSINA, supererà brillantemente questo momento., e continuerà a crescere qualitativamente e professionalmente, svolgendo al meglio le sue missioni principali : didattica, ricerca universitaria e luogo di formazione – aggiornamento della classe medica. Lo dico per esperienza professionale, personale ed umana. Mi piace soprattutto constatare il riaffermarsi del principio secondo il quale i fondi destinati ad una struttura pubblica devono ESCLUSIVAMENTE essere impiegati solo in una direzione : quella del suo mantenimento, anzi, meglio, del suo sviluppo : della sua crescita.
    Che sia allora la struttura privata a chiedere sovvenzioni , nella piena legalità e trasparenza, alle Istituzioni Pubbliche. Le indagini ci diranno come e se questo … NEMO SUD, ha agito o meno come una zecca. Ovviamente, se chi ne era a capo lo ha fatto, ne paghi le conseguenze, licenziando chi ha agito in modo disonesto. Non si puo’, infatti far ricadere la colpa sugli utenti. In ultimo, in modo semplice, permettetemi di esprimere il mio personale malessere, come ex studente, per questi fatti, che , se provati, sono di infimo livello. Non era certo per vedere queste cose, che mi sono iscritto all’Università ed ho pagato le tasse di frequenza.

    1
    0

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Commenta
Tempostretto - Quotidiano online delle Città Metropolitane di Messina e Reggio Calabria

Via Francesco Crispi 4 98121 - Messina

Marco Olivieri direttore responsabile

Privacy Policy

Termini e Condizioni

info@tempostretto.it

Telefono 090.9412305

Fax 090.2509937 P.IVA 02916600832

n° reg. tribunale 04/2007 del 05/06/2007