Violenze sulle donne, Elvira Amata: "E’ un bollettino di guerra" - Tempostretto

Violenze sulle donne, Elvira Amata: “E’ un bollettino di guerra”

Violenze sulle donne, Elvira Amata: “E’ un bollettino di guerra”

giovedì 21 Settembre 2017 - 12:56

La capogruppo di Fratelli d'Italia in consiglio comunale chiede al sindaco di richiedere un tavolo tecnico presso la Prefettura di Messina e di occupasi della sicurezza della nostra città

“La sicurezza è un diritto che va garantito a tutti i costi e non si possono ammettere scuse rispetto alla difficoltà di reperire fondi per tutelare i cittadini”, così la capogruppo di Fratelli d'Italia in consiglio comunale, Elvira Amata che, nella giornata odierna, ha depositato un'interrogazione rivolta al Sindaco Accorinti invitandolo a richiedere un tavolo tecnico presso la Prefettura di Messina.

“In queste settimane è diventato sempre più avvilente ascoltare il bollettino di guerra che quotidianamente riportano i media nazionali, i quali ci raccontano di un numero assurdo di donne e ragazzine vittime di violenza, aggressioni feroci, femminicidi. Le istituzioni, laddove possibile, hanno il dovere di prevenire. Il minimo da garantire è certamente il controllo e la possibilità di avere strade sicure e illuminate: un minimo che però a Messina non è affatto certo. In centro e in periferia ci sono intere vie al buio, zone residenziali dove sono assenti presidi fissi e i controlli sono sporadici, nonostante l'elevato numero di abitanti. Zone in cui, talvolta, vi è oltretutto una situazione di promiscuità sociale in virtù della presenza di centri di accoglienza per migranti, spesso improvvisati, al di là di ogni ragionevole possibilità di integrazione sociale. Da donna e da madre di due ragazze, non posso non essere profondamente preoccupata per quanto accade attorno a noi”.

“Quel che chiedo al signor Sindaco è di agire al fine di avviare un dialogo tra istituzioni, insieme alla Prefettura, per definire una linea di azione che garantisca maggiore serenità ai cittadini e, specificatamente, a quelle donne che vivono Messina anche in orari serali, rientrando dal lavoro o spostandosi comunque dopo il tramonto. Mi appello a Sua Eccellenza il Prefetto Ferrandino, donna dello Stato, che sono certa comprenda lo stato d'animo di quante si sentono minacciate, in un momento così delicato, dal rischio di essere vittime di aggressione e invoco un Suo intervento affinché si pianifichino maggiori interventi di controllo interforze sul nostro territorio cittadino. Ritengo sia essenziale tentare di prevenire al massimo delle possibilità tragedie come quelle di cui ogni giorno ci riporta la stampa. Credo francamente sia precipuo dovere di chi amministra un territorio”.

“ E, infine, all'amministrazione, voglio ricordare il dovere che ha di occuparsi della propria città, garantendo quantomeno il minimo sindacale, a partire dall'illuminazione che è inammissibile venga negata ai contribuenti. Intere strade della città sono costantemente e vergognosamente al buio : è inaccettabile”.

Tag:

Un commento

  1. LO DICA ALLA BOLDRINI, FIANO, BERGOGLIO, MATTARELLA E GENTILONI.

    0
    0

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Commenta
Tempostretto - Quotidiano online delle Città Metropolitane di Messina e Reggio Calabria

Via Francesco Crispi 4 98121 - Messina

Carmelo Caspanello direttore responsabile-coordinatore di redazione.
info@tempostretto.it

Telefono 090.9412305

Fax 090.2509937 P.IVA 02916600832

n° reg. tribunale 04/2007 del 05/06/2007