L’ex assessore Scoglio attacca l’amministrazione Accorinti. A tutto campo - Tempostretto

L’ex assessore Scoglio attacca l’amministrazione Accorinti. A tutto campo

L’ex assessore Scoglio attacca l’amministrazione Accorinti. A tutto campo

domenica 12 Ottobre 2014 - 06:49

Secondo l’ex assessore ed ex city manager, sotto il profilo dello sviluppo «economico è verificabile il pervicace disegno di operare secondo un modello gestionale superato»

Le recenti prese di posizione dell’amministrazione in merito al trasporto marittimo sembrano sempre più animate da logiche populistiche ed ispirate da un ideologia vetero comunista di esproprio della ricchezza in antitesi con quella liberale che ne privilegia la redistribuzione attraverso gli investimenti degli imprenditori.

Il modello di una socialità fondata esclusivamente sull’ intervento pubblico è miseramente fallito e comunque oggi non è più economicamente sostenibile.

Sono trascorsi 16 mesi dall’insediamento della nuova amministrazione e prescindendo dai fatti gestionali relativi all’ordinario (rifiuti, acqua, manutenzioni, verde pubblico, servizi sociali etc.) i cui risultati sono stati fortemente condizionati da differenti scelte programmatiche, dall’ inesperienza e dalla scarsità dei mezzi finanziari a disposizione, è sotto il profilo dello sviluppo economico che maggiormente è verificabile il pervicace disegno di operare secondo un modello gestionale superato.

La soppressione di un ufficio quale quello dei Programmi Complessi aldilà dell’organizzazione funzionale dell’ ente ha dimostrato la volontà di non voler portare a compimento i programmi ed i progetti che faticosamente, negli anni, erano stati definiti e che decine di milioni di euro avevano fatto affluire nelle casse comunali e cosa ancor più grave di mortificare ogni forma di partenariato pubblico – privato.

Persino Forte Ogliastri che grazie alla collaborazione Scuola – Circoscrizione si accingeva a divenire un incubatore per l’imprenditoria giovanile è stato totalmente dimenticato.

Non si parla più del recupero della Cittadella, di Maregrosso, delle ex zona zir e zis, del water front eppure da tre anni è stato sottoscritto il contratto con gli aggiudicatari del concorso europeo di progettazione, esistono progetti preliminari e definitivi per l’attivazione del partenariato pubblico – privato per la realizzazione di un porticciolo turistico ed un centro direzionale per lo sviluppo turistico, la via marina, la riqualificazione del litorale da Tremestieri a Capo Peloro – Tono.

Inspiegabile è poi la mancata spesa dei finanziamenti per circa 17 MLN di Euro per lo sviluppo sociale ed eco sostenibile, per importanti opere quali il completamento dell’Istituto Marino.

Anzi si assiste passivamente alla revoca di finanziamenti destinati “agli ultimi” ai “dimenticati” che a parole il Sindaco dice di rappresentare. Mi riferisco alla revoca del finanziamento per il completamento del recidence per i senza fissa dimora a Campo Italia, mentre si spendono centinaia di migliaia di euro per una struttura precaria in un immobile che potrebbe essere diversamente valorizzato secondo il piano di dismissioni approvato dal consiglio Comunale.

Nessuna battaglia politica è stata posta in essere a difesa della città per l’inopinato scippo delle risorse del Ponte, della cui mancata realizzazione forse oggi iniziamo a comprendere effettivamente il danno sociale né per la soppressione della sede dell’ Autorità Portuale nell’ unica città, che quale porta della Sicilia, ha titolo per esserne destinataria.

In questo desolante contesto sembra non interessare alla nostra civica amministrazione la difficoltà economica delle imprese, dei professionisti e delle partite I.V.A., che pure da sempre hanno costituito una parte rilevante del prodotto interno lordo cittadino.

E’ come se la logica ispiratrice sia quella di una città a basso costo ritagliata su misura sui “fortunati” fruitori di uno stipendio pubblico (almeno fino a quando vi saranno le risorse per il pagamento).

Anzi, si preferisce populisticamente occuparsi del trasporto marittimo e della principale delle aziende cittadine, quasi con una pervicace ossessione e senza prima realizzare i necessari cambiamenti infrastrutturali.

L’unico risultato concreto in tale settore è stato quello che per la prima volta nella storia del trasporto marittimo si è riusciti nel difficile obiettivo di privare la Sicilia e la Calabria del collegamento con il porto storico (peraltro da parte del vettore pubblico) e di impedire l’esercizio della libera autonomia privata a favore della città di Catania.

Pensare che la città, porta della Sicilia, non debba saper trarre dal trasporto marittimo un opportunità imprenditoriale o peggio non programmare ed agevolare tale percorso è sintomatico della politica dell’apparire rispetto a quella del fare.

Il Sindaco si batta presso la Regione per il finanziamento e l’attuazione dei programmi già sottoscritti dal Presidente e realizzi, nelle more del completamento del porto di Tremestieri, la via del mare e la piattaforma logistica per la distribuzione delle merci. Solo così potrà razionalizzare il trasporto ed offrire alle imprese ed ai disoccupati nuove occasioni di lavoro.

Non serve sollecitare provvedimenti impossibili di revoche di concessioni pubbliche e pensare ad impensabili “flotte comunali” ma fatti concreti che facciano del traporto una risorsa della città e non un problema.

Si occupi di far destinare dalla Regione i fondi comunitari per la crescita e la coesione intervenendo sulle politiche tariffarie come in Sardegna perché il costo del trasporto è proibitivo soprattutto per lo sviluppo turistico e per gli scambi sociali.

Gianfranco Scoglio

Tag:

12 commenti

  1. MessineseAttento 12 Ottobre 2014 09:41

    Andrebbe assunto a TS!
    A parte il facile sarcasmo a cui si presta il più asfittico politico che la storia di Messina ricordi, fa tenerezza vedere un uomo, un ex ex ex politico, “sbattuto” sui manifesti elettorali dal duo delle meraviglie Nania/Buzzanca, raccogliendo il famoso quanto imbarazzante 1,80%, parlare come se fosse in possesso della soluzione per tutti i problemi, anche, udite udite, quelli creati dalla sua stessa amministrazione.
    Da oscar!

    0
    0
  2. MessineseAttento 12 Ottobre 2014 09:41

    Andrebbe assunto a TS!
    A parte il facile sarcasmo a cui si presta il più asfittico politico che la storia di Messina ricordi, fa tenerezza vedere un uomo, un ex ex ex politico, “sbattuto” sui manifesti elettorali dal duo delle meraviglie Nania/Buzzanca, raccogliendo il famoso quanto imbarazzante 1,80%, parlare come se fosse in possesso della soluzione per tutti i problemi, anche, udite udite, quelli creati dalla sua stessa amministrazione.
    Da oscar!

    0
    0
  3. Hanno assassinato l’unica occasione per salvare la città. per nn disturbare i canarini migratori del sindaco abbiamo rigettato la rinascita o la nascita di un posto al centro dell’attenzione mondiale. il futuro dei nostri figli e nipoti. Ma la massa di elettori messinesi ha optato per chi ama mantenere la melma puzzolente dei laghi e il degrado nn solo di quelle zone ma della città tutta.

    0
    0
  4. Hanno assassinato l’unica occasione per salvare la città. per nn disturbare i canarini migratori del sindaco abbiamo rigettato la rinascita o la nascita di un posto al centro dell’attenzione mondiale. il futuro dei nostri figli e nipoti. Ma la massa di elettori messinesi ha optato per chi ama mantenere la melma puzzolente dei laghi e il degrado nn solo di quelle zone ma della città tutta.

    0
    0
  5. Caro Messinese Attento, nel rispetto della tua opinione e tralasciando chi scrive e il suo 1,80%, gli argomenti esposti sono ben noti e, per la maggior parte, condivisibili.

    0
    0
  6. Caro Messinese Attento, nel rispetto della tua opinione e tralasciando chi scrive e il suo 1,80%, gli argomenti esposti sono ben noti e, per la maggior parte, condivisibili.

    0
    0
  7. Gianfranco SCOGLIO fu l’uomo dei sogni COMPLESSI, prendo degli anni a caso dei tanti passati a governare sognando. SCOGLIO destinò nel 2009 per vie di comunicazione e infrastrutture connesse €3.139.893, va meglio nel 2010 con €8.125.274, purtroppo per opere di sistemazione del suolo, sempre nel 2010, €20.400. Hanno fatto molto meglio Luigi Croce e Sergio De Cola nel 2013 con €21.999.482 per vie e infrastrutture, e €133.427 per la sistemazione del suolo. I numeri scoperta geniale dell’uomo non mentono mai, meglio il sognatore concreto sindaco di Messina dell’uomo dei sogni complessi, troppo complessi.

    0
    0
  8. Gianfranco SCOGLIO fu l’uomo dei sogni COMPLESSI, prendo degli anni a caso dei tanti passati a governare sognando. SCOGLIO destinò nel 2009 per vie di comunicazione e infrastrutture connesse €3.139.893, va meglio nel 2010 con €8.125.274, purtroppo per opere di sistemazione del suolo, sempre nel 2010, €20.400. Hanno fatto molto meglio Luigi Croce e Sergio De Cola nel 2013 con €21.999.482 per vie e infrastrutture, e €133.427 per la sistemazione del suolo. I numeri scoperta geniale dell’uomo non mentono mai, meglio il sognatore concreto sindaco di Messina dell’uomo dei sogni complessi, troppo complessi.

    0
    0
  9. Sarebbe utile, anzi doveroso da parte dell’amministrazione almeno degnarsi di rispondere alle puntuali osservazioni di Gianfranco Scoglio. La città soffre e non vede spiragli di luce. Ci rassicuri, ci indichi un progetto, una visione di sviluppo della città.

    Da ex imprenditore però faccio osservare che il “peccato originale”, il vizio di origine, la cellula impazzita che ha procurato il “cancro” Messina e la sua nemesi discende dall’aver sottovalutato, rimosso quando non addirittura sabotato colpevolmente e dolosamente il più ” innovativo e straordinario progetto infrastrutturale della ingegneria moderna, da realizzarsi guarda caso proprio in questa derelitta, disperata e amatissima Città .
    È’ evidente che il solo avvio di questa opera di interesse ed “appeal” mondiale avrebbe accelerato tutte le altre opere necessarie correlate al ponte( sbeffeggiando l’ormai ridicolo” benaltrismo”),avrebbe assicurato ben altra autorevolezza ai nostri ” inconsistenti rappresentanti oggi “snobbati” dal potere centrale oltre a consentire finalmente una RI PROGETTAZIONE urbanistica della città …affidata magari alla regia del più grande architetto vivente Daniel Libeskind che si era offerto di collaborare con i nostri progettisti, al fine di creare attorno all’area dello stretto un luogo di “gioia ed aggregazione” . Qualcuno si è degnato di rispondere? Lo hanno mandato elegantemente e “tristemente” a quel paese. La storia si ripete ? http://www.ilquotidianodellabasilicata.it/news/archivio/226115/Ponte-sullo-Stretto–il-progetto.html

    0
    0
  10. Sarebbe utile, anzi doveroso da parte dell’amministrazione almeno degnarsi di rispondere alle puntuali osservazioni di Gianfranco Scoglio. La città soffre e non vede spiragli di luce. Ci rassicuri, ci indichi un progetto, una visione di sviluppo della città.

    Da ex imprenditore però faccio osservare che il “peccato originale”, il vizio di origine, la cellula impazzita che ha procurato il “cancro” Messina e la sua nemesi discende dall’aver sottovalutato, rimosso quando non addirittura sabotato colpevolmente e dolosamente il più ” innovativo e straordinario progetto infrastrutturale della ingegneria moderna, da realizzarsi guarda caso proprio in questa derelitta, disperata e amatissima Città .
    È’ evidente che il solo avvio di questa opera di interesse ed “appeal” mondiale avrebbe accelerato tutte le altre opere necessarie correlate al ponte( sbeffeggiando l’ormai ridicolo” benaltrismo”),avrebbe assicurato ben altra autorevolezza ai nostri ” inconsistenti rappresentanti oggi “snobbati” dal potere centrale oltre a consentire finalmente una RI PROGETTAZIONE urbanistica della città …affidata magari alla regia del più grande architetto vivente Daniel Libeskind che si era offerto di collaborare con i nostri progettisti, al fine di creare attorno all’area dello stretto un luogo di “gioia ed aggregazione” . Qualcuno si è degnato di rispondere? Lo hanno mandato elegantemente e “tristemente” a quel paese. La storia si ripete ? http://www.ilquotidianodellabasilicata.it/news/archivio/226115/Ponte-sullo-Stretto–il-progetto.html

    0
    0
  11. visti i fatti a Messina non può e non deve fiatare nessuno dei singori che negli ultimi 60 anni l’anno mal– amministrata

    0
    0
  12. visti i fatti a Messina non può e non deve fiatare nessuno dei singori che negli ultimi 60 anni l’anno mal– amministrata

    0
    0

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Commenta
Tempostretto - Quotidiano online delle Città Metropolitane di Messina e Reggio Calabria

Via Francesco Crispi 4 98121 - Messina

Marco Olivieri direttore responsabile
info@tempostretto.it

Telefono 090.9412305

Fax 090.2509937 P.IVA 02916600832

n° reg. tribunale 04/2007 del 05/06/2007