Rifiuti ai privati. Capitale Messina: "Meglio, il pubblico ha sempre fallito" - Tempostretto

Rifiuti ai privati. Capitale Messina: “Meglio, il pubblico ha sempre fallito”

Rifiuti ai privati. Capitale Messina: “Meglio, il pubblico ha sempre fallito”

Tag:

sabato 29 Dicembre 2018 - 10:57
l'intervento

MESSINA – "Non è una cattiva notizia il parere della Corte dei Conti che vieta al Comune di Messina per 5 anni di gestire i rifiuti, anzi è una opportunità". E' il parere di Gianfranco Salmeri, portavoce di Capitale Messina, dopo che la Corte dei Conti ha stabilito la liquidazione di Messina Servizi, la cui costituzione "è stata la classica pezza peggiore del buco, ovvero Messinaambiente. L’idea prospettata alla città ed ai dipendenti del settore rifiuti, da parte della precedente amministrazione, che la costituzione della nuova società sarebbe stata sufficiente a superare e risolvere le molteplici criticità del settore si è rivelata illusoria. E ciò a prescindere dallo squilibrio finanziario, perché il fallimento della società è stato economico, ma soprattutto sotto l'aspetto della qualità del servizio.Le società Messinambiente e successivamente Messinaservizi, infatti, con il loro apparato spropositato di dipendenti raramente, anzi mai, hanno garantito gli standard minimi di pulizia in questa città e questo a prescindere dalle chiusure momentanee delle discariche regionali, ed anche, vorremmo dire, dall'assessore in carica. Messina non è mai stata pulita come meriterebbe, e meno che mai in questi ultimi mesi. Oggi il cambio di rotta è ineludibile, perché come recita la legge Madia, il Comune deve affidare il servizio a gestori esterni, così come avviene in tante realtà italiane, con aggiudicazione mediante gara europea, e questo è un fatto positivo".

Salmeri traccia la strada per ottenere efficienza e sostenibilità economica, abbandonando una antistorica ostilità verso la gestione privata dei servizi pubblici: "Non si tratta di sostenere che "privato è bello" in assoluto, ma bisogna far fare le cose a chi le sa fare meglio. E ciò lo si può ottenere con delle clausole, come ad esempio quella che prevede per la partecipazione alla gara che le società esterne abbiano nel proprio curriculum la soglia del tot % di raccolta differenziata in precedenti esperienze".

0 commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Commenta
Tempostretto - Quotidiano online delle Città Metropolitane di Messina e Reggio Calabria

Via Francesco Crispi 4 98121 - Messina

Marco Olivieri direttore responsabile
info@tempostretto.it

Telefono 090.9412305

Fax 090.2509937 P.IVA 02916600832

n° reg. tribunale 04/2007 del 05/06/2007