Niente Hotspot a Messina, ma sarà ampliato il centro di Bisconte - Tempo Stretto - Ultime notizie da Messina e Reggio Calabria

Niente Hotspot a Messina, ma sarà ampliato il centro di Bisconte

Eleonora Corace

Niente Hotspot a Messina, ma sarà ampliato il centro di Bisconte

martedì 08 Marzo 2016 - 11:23
Niente Hotspot a Messina, ma sarà ampliato il centro di Bisconte

Lo annuncia il deputato del M5S Francesco D’Uva. In seguito ad una ispezione, D’Uva denuncia anche le gravi condizioni attuali in cui versano i migranti all’ex Caserma

Nessuna comunicazione ufficiale sull’attuazione dell’Hotspot, ma l'annuncio dell’ampliamento del Centro di Prima Accoglienza (al momento con 200 posti) dell’ex Caserma Gasparro a Bisconte. Così la Prefettura interpellata sul tema dal rappresentante messinese in Parlamento del Movimento 5 Stelle, Francesco D’Uva, in seguito ad una ispezione effettuata ieri all’ex Caserma.

“La Prefettura ha dichiarato che non ha notizie di un Hotspot a Messina- afferma D’Uva -. L’unica certezza è che il dicastero ha già avviato una convenzione quadro per la procedura di ristrutturazione della caserma Bisconte”. Sarà, dunque, ampliato il numero dei posti disponibili nel Centro di Prima Accoglienza, con la possibilità di realizzare un Cara, Centro Accoglienza Richiedenti Asilo.

Non è la prima volta che Messina finisce nelle mire delle politiche migratorie ministeriali. Già nel dicembre 2014 la città rientrava, infatti, in un progetto – poi abbandonato – che riguardava la creazione di tre grandi hub italiani, di cui uno in Sicilia, proprio la Caserma Bisconte, con 600 posti.

All’epoca dei sopralluoghi per la realizzazione del centro attuale, è risultato che solo due delle palazzine sono agibili, per questo il Ministero stimò una spesa di non meno di 5 milioni di euro per la ristrutturazione delle altre. A tal proposito 15 giorni fa si è svolta nell’area dell’ex Caserma un’ispezione da parte di tecnici ministeriali.

Il destino dell’area è così già deciso, nonostante gli annunci passati dell’Amministrazione Comunale su diversi progetti: dal riutilizzo delle palazzine per l’emergenza abitativa alla costruzione del Palagiustizia.

Il centro attuale, però, versa in situazioni critiche: sovraffollamento, letti a castello ammassati l’uno sull’altro con solo qualche asciugamano usato per dividere un materasso e l’altro. Tempi di soggiorno lunghissimi, malgrado, essendo un centro di prima accoglienza, le persone non dovrebbero fermarsi più di 72 ore. “Condizioni disagiate – racconta D’Uva -, una ventina di migranti che dovrebbero testimoniare nei processi contro i presunti scafisti lasciati nei centri, quando invece dovrebbero stare in luoghi protetti, secondo l’articolo 18 del Testo Unico sull’Immigrazione. Alcuni di loro sono giunti al centro sette mesi fa e attendono ancora il primo colloquio con la Commissione.

Un’altra violazione delle norme – e dei diritti – è la presenza di i minori stranieri non accompagnati divenuti maggiorenni. La legge prevede che, una volta compiuti i 18 anni, questi ragazzi siano inseriti in un circuito di assistenza come quello dei centri Sprar, invece vengono portati a Bisconte o alla tendopoli del PalaNebiolo. La Prefettura, i cui funzionari ispezionano una volta al mese il centro, si è impegnata con D’Uva per risolvere queste gravi situazioni al più presto.

A giorni dovrebbe essere espletato il bando di gara per la gestione delle due strutture – ex Caserma e PalaNebiolo – a cui sono giunte una decina di offerte. L’attuale affidamento è scaduto dal 31 dicembre e la gestione è in proroga in attesa dei risultati del nuovo bando.

Tag:

Una donazione per un grande progetto di informazione

Abbiamo cercato in questi anni di offrirvi un'informazione puntuale e approfondita, estranea ad ogni condizionamento e sempre al passo con l'innovazione.  Così abbiamo raggiunto importanti traguardi. Ma non ci basta: vogliamo ampliare la nostra attività di informazione con più inchieste, più contenuti video e una più solida presenza nei diversi comprensori delle città metropolitane di Messina e Reggio Calabria.

E' un progetto ambizioso per il quale vi chiediamo di darci una mano effettuando una donazione: se ognuno di voi darà anche  un piccolo contributo economico, il risultato sarà eccezionale e Tempostretto sarà ancora più efficace e “vostro”.

4 commenti

  1. invece di avere quste sone a elemosinare ai semafori ai negozi e ad ogni dove, FACCIAMO COME IL COMUNE DI TORINO, Il Comune utilizzerà i rifugiati per pulire i giardini della città Accordo con l’Amiat: l’impegno sarà volontario e gratuito. Il vicesindaco Tisi: “Si restituisce alla città quanto è stato offerto per l’accoglienza” VEDIAMO QUANTI VOLONTARI GRATUITAMENTE INTERVERRANNO A MESSINA così ci rendiamo conto di quanti sfaccendati e nullafacenti dobbiamo mantenere, ovvio per gli sfaccendati e nullafacenti italiano ci pensano i loro genitori, COSI’ VEDIAMO QUANTO E’ RICAMBIATA QUESTA ACCOGLIENZA, io da pessimista dico che se il SINDACO invece di fare il GURU indiano si informa mettiamo alla prova questa accoglienza oppure sarà un FLOP.

    0
    0
  2. invece di avere quste sone a elemosinare ai semafori ai negozi e ad ogni dove, FACCIAMO COME IL COMUNE DI TORINO, Il Comune utilizzerà i rifugiati per pulire i giardini della città Accordo con l’Amiat: l’impegno sarà volontario e gratuito. Il vicesindaco Tisi: “Si restituisce alla città quanto è stato offerto per l’accoglienza” VEDIAMO QUANTI VOLONTARI GRATUITAMENTE INTERVERRANNO A MESSINA così ci rendiamo conto di quanti sfaccendati e nullafacenti dobbiamo mantenere, ovvio per gli sfaccendati e nullafacenti italiano ci pensano i loro genitori, COSI’ VEDIAMO QUANTO E’ RICAMBIATA QUESTA ACCOGLIENZA, io da pessimista dico che se il SINDACO invece di fare il GURU indiano si informa mettiamo alla prova questa accoglienza oppure sarà un FLOP.

    0
    0
  3. Liberate palanebiolo e campo di baseball…. Ce ne sono di luoghi più idonei

    0
    0
  4. Liberate palanebiolo e campo di baseball…. Ce ne sono di luoghi più idonei

    0
    0

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Commenta
Tempostretto.it - Quotidiano on line della Città Metropolitana di Messina

Via Francesco Crispi 4 98121 - Messina

Rosaria Brancato direttore responsabile-coordinatrice di redazione.
info@tempostretto.it

Telefono 090.9018992

Fax 090.2509937 P.IVA 02916600832

n° reg. tribunale 04/2007 del 05/06/2007