"AroundMe" la prima guida turistica del Comune di Messina, divisa in Mari e Monti - Tempo Stretto - Ultime notizie da Messina e Reggio Calabria

“AroundMe” la prima guida turistica del Comune di Messina, divisa in Mari e Monti

Eleonora Corace

“AroundMe” la prima guida turistica del Comune di Messina, divisa in Mari e Monti

lunedì 11 Marzo 2013 - 12:31
“AroundMe” la prima guida turistica del Comune di Messina, divisa in Mari e Monti

Presentate questa mattina a Palazzo Zanca le prime guide turistiche istituzionali del Comune di Messina, divise in zone marittime e collinari. Chiamate "AroundMe" sono state realizzate da 35 ragazzi della nostra città sotto i trent'anni e coordinati dalle associazioni Atreju, Fare Verde ed Horcynus Orca costituitesi per l'occasione in ATS - associazione temporanea di scopo

Fare turismo, piuttosto che continuare a parlarne. È questo lo spirito dell’iniziativa promossa dal Comune di Messina che ha visto i ragazzi coinvolti nelle associazioni Atreju, Fare Verde e Horcynus Orca alla realizzazione della prima guida turistica istituzionale della città. Il Comune, finora, ne era infatti privo. Nella conferenza stampa di oggi, a cui a preso parte anche l’ex assessore Caroniti, è stata presentata la guida turistica, frutto di due anni di meticoloso lavoro. Le guide, chiamate AroundMe, rappresentano infatti l’ultimo step del progetto “Generazione Messina”.

“Il Comune ha partecipato a un bando del Ministero della Gioventù. A sua volta ha fatto un bando per coinvolgere le associazioni del territorio, che si sono costituite in ATS- associazione temporanea di scopo”, ha spiegato nel corso della conferenza stampa di presentazione Piero Adamo, portavoce di Atreju. Protagonisti, trentacinque giovani che hanno lavorato al testo della guida cartacea e alla realizzazione di un video promozionale. Il tutto nell’ambito dell’Azione Turismo del Piano Locale Giovani per l’anno 2010/2011, promossa, appunto, dal Comune di Messina e finanziata dal Ministero della Gioventù in collaborazione con l’Anci – associazione Nazionale Comuni Italiani – e la rete Iter.

La, guida, stampata in mille copie per il budget limitato, sarà distribuita agli enti pubblici, nella speranza che venga in seguito ristampata, magari con l’auspicabile intervento di qualche imprenditore privato, a favore di croceristi e non. Oltre ai monumenti generalmente più noti, sono stare monitorizzate e catalogate le attrattive del territorio di Messina e della sua provincia con grande attenzione alle aree collinari come a quelle marittime. I giovani impegnati nella ricerca, stesura e traduzione del testo sono stati affiancati nel loro lavoro da vari docenti ed esperti nel settore, primo tra tutti lo storico Franz Riccobbono. Altamente istruttivo e stimolante è stato, inoltre, l’incontro con Martin Agius, responsabile marketing della Coca Cola a Malta.

Nei fascicoli è stata inserita anche la Zona Falcata, per rendere comunque un tributo ad un area bellissima anche se abbandonata. Un degrado contro cui si batte da anni l’associazione ZDA – Zona d’Arte, Zona Falcata – che invoca la riqualificazione ed ha inviato di recente due lettere al prefetto di Messina Stefano Trotta, che però non ha ancora risposto.

La guida, che può essere definita duplice poiché divisa in zona marittima e collinare, come ha sottolineato l’ex assessore Dario Caroniti: “è un occasione per coinvolgere i giovani nella conoscenza del territorio e contemporaneamente valorizzarne le straordinarie risorse”. In una città soffocata dalla crisi economica e da una mancanza di sbocchi lavorativi diventata ormai cronica, assistiamo negli ultimi tempi ad un vero e proprio esito giornaliero di ragazzi che partono per cercare lavoro e futuro altrove. Un dramma sottolineato anche nel corso della conferenza stampa da Felice Panebianco: “siamo riusciti a trattenere nel nostro territorio dei ragazzi che quando è finita questa esperienza sono dovuti andare a lavorare fuori”. Iniziative come queste dimostrano che Messina ha tutte le possibilità per rinascere. A partire dal turismo e dal recupero della Zona Falcata.

Tag:

Una donazione per un grande progetto di informazione

Abbiamo cercato in questi anni di offrirvi un'informazione puntuale e approfondita, estranea ad ogni condizionamento e sempre al passo con l'innovazione.  Così abbiamo raggiunto importanti traguardi. Ma non ci basta: vogliamo ampliare la nostra attività di informazione con più inchieste, più contenuti video e una più solida presenza nei diversi comprensori delle città metropolitane di Messina e Reggio Calabria.

E' un progetto ambizioso per il quale vi chiediamo di darci una mano effettuando una donazione: se ognuno di voi darà anche  un piccolo contributo economico, il risultato sarà eccezionale e Tempostretto sarà ancora più efficace e “vostro”.

3 commenti

  1. Insisto…SOLO col Ponte queste e tutte le altre lodevoli iniziative potrebbero trovare valorizzazione e sbocchi produttivi. Senza il PONTE sospeso più lungo del mondo rimarremo purtroppo marginali e VELLEITARI. e destinati all’emigrazione forzata… delle intelligenze. Si continuerà pero come sempre a scaricare colpe e responsabilità del fallimento sempre sugli ALTRI. Mentre la responsabilità e’ solo nostra

    0
    0
  2. MessineseAttento 11 Marzo 2013 15:27

    Io mi sento in dovere di risponderle, evitando le polemiche sterili che in passato ci hanno visti protagonisti.
    Non voglio criticare la sua idea che vede il ponte al centro di un eventuale sviluppo sociale, economico e turistico di Messina e zone limitrofe. Critico, piuttosto, le sue invocazioni all’immobilismo: o il ponte o tutto fermo.
    Io credo che ci si debba provare lo stesso, anche senza il ponte.
    Mi auguro solo che, data la sua manifesta ed innegabile intelligenza, questa sua ossessione per il ponte non l’abbia portata a votare PDL, il cui obiettivo era solo quello di mantenere stipendifici (leggi bacini di voti) come la società stretto e non sicuramente quello di cominciare concretamente la costruzione del manufatto.
    Abbia la cortesia di accettare opinioni che differiscono dalla sua, alla prossima.

    0
    0
  3. Ma questi “scienziati” lo sanno che il termine “AroundMe” è registrato da un’App che è da moltissimo tempo su App Store e Google Play?
    Forse si sono ispirati a quell’App ma così possono incorrere a denunce da parte della Software House…

    Poca fantasia…

    0
    0

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Commenta
Tempostretto.it - Quotidiano on line della Città Metropolitana di Messina

Via Francesco Crispi 4 98121 - Messina

Rosaria Brancato direttore responsabile-coordinatrice di redazione.
info@tempostretto.it

Telefono 090.9018992

Fax 090.2509937 P.IVA 02916600832

n° reg. tribunale 04/2007 del 05/06/2007

x