Lettera aperta di una giovane messinese a Cateno De Luca: "Sindaco, mi dispiace ma sei incoerente" - Tempo Stretto - Ultime notizie da Messina e Reggio Calabria

Lettera aperta di una giovane messinese a Cateno De Luca: “Sindaco, mi dispiace ma sei incoerente”

Redazione

Lettera aperta di una giovane messinese a Cateno De Luca: “Sindaco, mi dispiace ma sei incoerente”

lunedì 23 Novembre 2020 - 18:13

L'amara riflessione di una giovane messinese preoccupata per le conseguenze negative sull'economia cittadina dell'ordinanza anti-covid di De Luca

Di seguito pubblichiamo la lettera aperta indirizzata a Cateno De Luca da una giovane messinese che aveva appena trovato lavoro e che ora, con i provvedimenti restrittivi anti-covid del sindaco, si sente franare il terreno sotto i piedi e teme per il futuro lavorativo suo e di altri giovani come lei.

Caro sindaco De Luca,

le tue decisioni, ahimè, mi hanno davvero amareggiata. Io sono stata sempre dalla tua parte e ho creduto in te ogni qualvolta ti sei schierato dalla parte del popolo mettendoti, spesso, contro chi sta sopra di te. Ma stavolta, mi spiace, pecchi di incoerenza. Tu da “primo cittadino”, dovresti immedesimarti nei bisogni di ogni cittadino di questa tua città che ormai è messa davvero in ginocchio dal primo lockdown. Tu sei lo stesso che quando il presidente Conte voleva istituire il coprifuoco alle 18.00 ti volevi incatenare in prefettura e ti sei scagliato ferocemente contro di lui e contro il presidente Musumeci perché sapevi che tutto ciò recava un danno, quasi irreversibile, all’economia della tua Messina. Più che tua, ad oggi, la nostra Messina. Perché a noi preme il bene della nostra terra e della nostra bella città, troppo spesso denigrata e abbandonata. Abbandonata anche da te che eri il capitano che guidava questa nave bellissima che piano piano sta affondando.

La negligenza di alcuni ricadrà sul futuro dei giovani

Non è giusto far pagare un prezzo così alto a tutti noi, solo per la negligenza di alcuni cittadini! Non è giusto pagare noi le conseguenze di tutto questo. Tante attività si ritroveranno in serie difficoltà. La ristorazione piano piano sta morendo. E noi giovani, che fine faremo?! Tutto questo porterà a una riduzione di personale e riduzione di orari di lavoro, se non alla cassa integrazione. E sappiamo bene cosa significa la cassa integrazione, specie per chi ha famiglia. Noi giovani che dopo tanta fatica abbiamo trovato lavoro, ci ritroveremo nuovamente in mezzo ad una strada. E tutte le volte che qualcuno di noi andrà via, lasciando il suo cuore qui, la colpa sarà solo vostra che da padri di questa terra ci state cacciando via. Messina mia. Sicilia mia. Sei così bella ma così triste e spoglia. Rifiorirai in tutta la tua bellezza, ma forse a quel punto, per tanti di noi, sarà troppo tardi.

Maria Gualniera

Dove trovare a Messina parrucche naturali e semi-naturali

Articoli correlati

Tag:

7 commenti

  1. …credo che sia proprio l’insieme delle lagnanze che dimostra incoerenza….a parte che il prezzo lo pagano SEMPRE i molti per le colpe di POCHI, abbiamo una economia che precipita in ogni settore, ed invece torna sempre a galla come un sughero la ristorazione…

    9
    4
  2. anonimopalermitano 24 Novembre 2020 07:46

    Il Sindaco è eletto direttamente dai cittadini….evidentemente i messinesi meritano De Luca!

    8
    8
    1. …anonimo… non è che per caso questa frase è un luogo comune che si ripete da sindaco a sindaco ??? o forse vuoi dire che Messina ha avuto la rara occasione di avere un Sindaco sindaco che i messinesi non hanno saputo apprezzare e non l’hanno più rieletto ??? fammi capre esci dall’anonimato …

      1
      0
  3. Il vero senso civico va dimostrato quando si sta bene, no quando si comincia ad avere paura per il proprio futuro.
    Non si diventa incoerenti dall’oggi al domani.

    2
    0
  4. Vogliamo parlare del mercato di giostra e del mercato sant’orsola sindaco?
    Lì niente assembramenti vero?
    Chiudere le scuole e tenere aperti i mercati, all’interno delle scuole non ci sono assembramenti e vengono rispettate le norme anti covid, chi controlla i mercati?

    3
    0
  5. ma quale coerenza??? ma di che cavolo state parlando?? ma ancora esiste gente così ingenua?? ahahah..poveri illusi!

    0
    0
  6. Se messinesi, riflettessero come questa signora si potrebbe cambiare ma la megalomaia di questo sindaco impedisce qualsiasi intervento.Auguri a chi lo ha votato.

    0
    0

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Commenta
Tempostretto - Quotidiano online delle Città Metropolitane di Messina e Reggio Calabria

Via Francesco Crispi 4 98121 - Messina

Carmelo Caspanello direttore responsabile-coordinatore di redazione.
info@tempostretto.it

Telefono 090.9412305

Fax 090.2509937 P.IVA 02916600832

n° reg. tribunale 04/2007 del 05/06/2007

x