Lezioni di felicità all'Università di Messina: master in Happiness at work - Tempo Stretto

Lezioni di felicità all’Università di Messina: master in Happiness at work

.

Lezioni di felicità all’Università di Messina: master in Happiness at work

. |
venerdì 13 Settembre 2019 - 10:43
Lezioni di felicità all’Università di Messina: master in Happiness at work

Aperte le iscrizioni al master di II livello: una novità per la città dello Stretto

La nuova valutazione della qualità della vita trova un moderno parametro per il quale essere felici è una forma di benessere che i Padri Fondatori degli USA conoscevano come diritto sin dalla Dichiarazione di Indipendenza (1776); così alla Harvard University i corsi in cui si insegna ad essere felici ( e soprattutto a rendere più felici gli altri) sono  tra i più seguiti e i libri che promettono felicità si moltiplicano (basti consultare  la voce apposita in Amazon) con risultati più o meno convincenti. L’Università di Messina ci tenterà, se lo scetticismo  di fronte al nuovo sarà superato e se il numero dei partecipanti lo consentirà, con un master di II livello (cioè per una gamma di lauree magistrali o quinquennali).

A chi è destinato

Il master denominato Happiness at work si presenta con un forte taglio interdisciplinare per convincere, soprattutto saper far convincenti i partecipanti, che essere felici rende: al lavoratore ( per combattere il distress), al datore di lavoro (creando un clima più umano e quindi più produttivo), al lavoratore in ambienti clinici (conferendo alla malattia approcci che rendono più forti) per il sanitario e per il malato, in ambienti educativi ( per gestire e riconoscere le emozioni soprattutto nelle fasi di ricerca dell’identità) e in generale per crescere la resilienza ovvero quella forza della mente che rende più consapevoli, compassionevoli e con difese più mature.

Realtà positiva

Non si tratta di vendere fumo come probabilmente i pessimisti potrebbero sottolineare e neppure di tessere l’aria come quelle visioni esistenzialistiche che riducono tutto a vanità; si argomenterà più propriamente l’insegnamento di metodiche atte a dimostrare che, come sottolinea Shawn Achor, “prima della felicità e del successo c’è la percezione del mondo. Quindi , prima di poter essere felici e di raggiungere il successo, dobbiamo creare una realtà positiva che ci permetta di vedere la possibilità che si realizzino entrambi”.

Sii te stesso

Non si occorre allora di proporre nuove pratiche psicoterapeutiche ( anche se quest’ultimi potrebbero indubbiamente giovarsene) ricordando che lo stesso Freud S., a fronte di una paziente al termine della cura contestava di non essere felice, riaffermava che non è compito della psicoanalisi il raggiungimento dello stato di felicità; più favorevolmente di integrare opposti e quindi sostituire il motto delfico “conosci te stesso” con “sii te stesso”; è una pratica di paziente, talvolta silente, ricerca che trae forza e giovamento dall’entusiasmo e, perché no, del silenzio che il profondo offre a meno che non si scelga di ridurre la mente ad un insieme di bit scollegati in certe circostanze come nel sonno o nella follia.

Il Master

Ritornando alla progettazione del Master dell’Università di Messina, occorre brevemente dire che cosa si fa: lezioni frontali, osservazioni scientifiche atte a prevenire e ridurre il distress ( stress patologico),  piccoli angoli riservati alla filosofia della felicità, presa di coscienza dei vantaggi economici, ecc.; 60 CFU in un anno di corso ( anche con metodiche didattiche moderne di e learning) per pervenire ad un arricchimento di curriculum che fa la differenza ( e quindi possibilità lavorative), uno spirito che lontano dalle “americanate” provenienti dall’oceano atlantico non disdegna la cultura di paesi lontani che hanno posto, come in oriente, il giusto dosaggio delle emozioni .

Quanto alla modernità si desidera solo ricordare che sempre più ricorriamo nelle comunicazioni sociali alle cosiddette emoticon che prevedono polarità opposte per esprime parole non sempre possibili: la felicità è quella che ci introduce alle emoticon del gradimento, della cortesia, della cordialità che ricerche, tra l’altro oggetto di studio del master , si traducono in benessere del corpo e della mente.

E’ significativo che anche la letteratura scientifica si sia arricchita sia di ricerche specifiche sia di nuove testate ( una della quali è Journal of Happiness Research).

Per ulteriori notizie il lettore potrà fare riferimento al sito

https://www.unime.it/it/node/120103

Tag:

0 commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Commenta
Tempostretto.it - Quotidiano on line della Città Metropolitana di Messina

Via Francesco Crispi 4 98121 - Messina

Rosaria Brancato direttore responsabile-coordinatrice di redazione.

Danila La Torrevice coordinatrice di redazione.

info@tempostretto.it

Telefono 090.9018992

Fax 090.2509937 P.IVA 02916600832

n° reg. tribunale 04/2007 del 05/06/2007