Lo Snami: "Potenziato il 118 in Sicilia ma Messina è penalizzata" - Tempo Stretto

Lo Snami: “Potenziato il 118 in Sicilia ma Messina è penalizzata”

Rosaria Brancato

Lo Snami: “Potenziato il 118 in Sicilia ma Messina è penalizzata”

lunedì 11 Febbraio 2019 - 09:02
Lo Snami: “Potenziato il 118 in Sicilia ma Messina è penalizzata”

Messina- depotenziata la postazione di Mandalari e chiusi 5 presidi territoriali

La nuova Rete ospedaliera varata nelle scorse settimane dall’assessore regionale Razza recepisce in parte le istanze dello Snami in merito alla necessità di potenziare il servizio 118 attraverso la medicalizzazione di maggiori ambulanze su tutto il territorio regionale.

Potenziare la presenza dei medici a bordo delle ambulanze contribuisce e garantire il perfetto funzionamento delle reti tempo dipendenti, come avviene a Messina, che vanta oggi il primato nazionale nel garantire la migliore rete tempo dipendente per lo Stroke, proprio secondo gli ultimi dati diffusi dalla referente per lo Stroke, la Prof.ssa Rosa Musolino.

Purtroppo però proprio Messina finisce con l’essere penalizzata, come rilevano in una nota il segretario Snami Messina Antonino Grillo e Marcello Savasta, responsabile emergenza sanitaria territoriale Messina.

Il territorio messinese, con demedicalizzazione di una ambulanza nel centro città (postazione Mandalari), e la chiusura di ben 5 PTE (Scaletta, Messina Nord, Messina Sud, Torregrotta e Falcone), resta sorprendentemente penalizzata nell’attuazione dello stesso progetto di potenziamento pubblicizzato dal Governo regionale– scrivono i sindacalisti- Il timore va però ben oltre la perdita di posti di lavoro, evento comunque inaccettabile in un contesto socio-sanitario in cui il numero di interventi delle ambulanze medicalizzate del 118 e le incombenze, come l’attuazione dei TSO (con sottrazione di mezzi al servizio di emergenza), aumentano in maniera esponenziale anno dopo anno

Secondo lo Snami l’ulteriore sovraccarico lavorativo del personale potrebbe innescare l’ abbandono del servizio di emergenza verso altre attività meno usuranti, con l’aggravio della totale assenza di ricambio generazionale. Le conseguenze sarebbero penalizzanti per l’utenza dal momento che verrebbe compromessa l’efficienza e l’ efficacia delle reti tempo dipendenti, che caratterizzano il pilastro su cui si fonda l’attività dei medici del 118.

Inutile ricordare come solo il medico possa porre diagnosi, iniziare la terapia salvavita ed indirizzare il malato verso la struttura più idonea per la patologia corrente e non il Pronto Soccorso più vicino”.

Lo Snami auspica quindi chel’Assessorato possa rivalutare l’idea di contrazione dell’offerta di emergenza sanitaria su Messina e mantenere tutte le postazioni attualmente medicalizzate ed i PTE presenti sul territorio, che sicuramente necessitano di un efficientamento sia logistico che di offerta assistenziale, ma che già così garantiscono alla cittadinanza migliaia di prestazioni a bassissimo costo.

Tag:

0 commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Commenta
Tempostretto.it - Quotidiano on line della Città Metropolitana di Messina

Via Francesco Crispi 4 98121 - Messina

Rosaria Brancato direttore responsabile-coordinatrice di redazione.

Danila La Torrevice coordinatrice di redazione.

info@tempostretto.it

Telefono 090.9018992

Fax 090.2509937 P.IVA 02916600832

n° reg. tribunale 04/2007 del 05/06/2007