“L’odore”, in scena al Teatro Vittorio Emanuele di Messina il testo di Rocco Familiari - Tempostretto

“L’odore”, in scena al Teatro Vittorio Emanuele di Messina il testo di Rocco Familiari

Redazione

“L’odore”, in scena al Teatro Vittorio Emanuele di Messina il testo di Rocco Familiari

giovedì 05 Maggio 2022 - 07:00

Il lavoro, realizzato per la prima volta al Festival dei Due Mondi di Spoleto nel 2003-riprende vita in una forma ampliata

MESSINA – Il 7 maggio andrà in scena al teatro Vittorio Emanuele di Messina il testo di Rocco Familiari “L’odore”, prodotto da Marta Bifano e Francesca Pedrazza Gorlero per Loups Garoux produzioni srl, per la regia di Krzysztof Zanussi, con Blas Roca Rey, Ester Pantano, Monica Rogledi e Andrea Pittorino, musiche di Francesco Forni e scene di Gaetano Russo.

Il lavoro, realizzato per la prima volta al Festival dei Due Mondi di Spoleto nel 2003-riprende vita in una forma ampliata.

Siamo alla fine degli anni ’60, Anton è un ergastolano, condannato per delitti politici, dotato di una sua etica personale che lo porta ad accettare la dura pena inflittagli, considerandola anche un giusto castigo per la sconfitta degli ideali che lo hanno portato a compiere dei gravi reati. Ha una moglie, Marie, più giovane di lui e bellissima, il cui ricordo lo ossessiona. Soprattutto l’odore di lei, che è presente, sensazione fisica, in un’ebbrezza totale dei sensi e dell’anima.

In cella con lui c’è il giovane Andrea, al quale l’ergastolano parla continuamente della sua ideale relazione con la moglie, specialmente la notte, quando i sogni, o meglio gli incubi, gli impediscono di dormire; il ricordo di lei gli consenta di resistere in quella condizione di isolamento diventando anche motivo di tormento.

Il giovane ottiene la semilibertà, anche grazia ad Anton che, nella biblioteca da lui stesso organizzata, lo educa alla lettura per una sua futura emancipazione: Andrea di giorno può lavorare fuori dal carcere, ma la sera deve rientrare in cella.

Anton impone ad Andrea di andare a trovare la moglie e portarle una lettera. Il giovane, pur desiderando ardentemente incontrare la donna di cui ormai conosce ogni dettaglio, sia per i racconti del marito, che per le sue peccaminose fantasie adolescenziali, dapprima si rifiuta, sentendosi scoperto, poi accetta e intreccia una relazione con Marie, portandosi addosso in carcere, ogni sera, il suo “odore”. Era proprio questa l’intenzione di Anton che può, in tal modo, continuare ad amare, sia pure attraverso Andrea, la sua compagna.

Non si tratta di un triangolo amoroso, ma di tre solitudini, tre disperazioni che cercano ognuno, qualcosa di impossibile: Anton e Marie la loro intimità di un tempo, Andrea un amore esclusivo che non potrà mai avere, in un finale a sorpresa. Una produzione Loups Garoux Produzioni di Marta Bifano e Francesca Pedrazza Gorlero.

Tag:

0 commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Commenta
Tempostretto - Quotidiano online delle Città Metropolitane di Messina e Reggio Calabria

Via Francesco Crispi 4 98121 - Messina

Carmelo Caspanello direttore responsabile-coordinatore di redazione.
info@tempostretto.it

Telefono 090.9412305

Fax 090.2509937 P.IVA 02916600832

n° reg. tribunale 04/2007 del 05/06/2007