L'Orlandina cede in Gara4 contro Nardò e saluta la Serie A2 - Tempostretto

L’Orlandina cede in Gara4 contro Nardò e saluta la Serie A2

Redazione

L’Orlandina cede in Gara4 contro Nardò e saluta la Serie A2

lunedì 16 Maggio 2022 - 10:15

La sconfitta subita al PalaFantozzi per 86-95 chiude la serie playout in favore di Nardò per 3-1. L'Orlandina viene retrocessa e dopo 10 anni torna in serie B

CAPO D’ORLANDO – ‘Orlandina viene sconfitta da Nardò in gara 4 per 86 a 95 e retrocede in Serie B: i paladini, costretti dalla classifica ad una serie playout con il fattore campo a sfavore, si arrendono dopo quattro partite, davanti alla splendida cornice regalata dal pubblico di casa, mai così numeroso nel corso della stagione.

I paladini, sotto di 20 lunghezze in avvio di quarto periodo, tentano la rimonta ed arrivano ad un solo punto di distanza, ma Nardò è solida e vince la gara chiudendo la serie playout sul 3-1, che condanna i biancoazzurri alla discesa in Serie B.

Non sono bastati i 23 punti di Traini, né i 22 di Ellis. 15 per Mack, 14 per King: Nardò festeggia la permanenza in Serie A2, ma il pubblico del PalaFantozzi non lesina applausi per i suoi paladini, che lasciano il parquet con il volto rigato dalle lacrime.

Orlandina – Nardò 86-95

I paladini partono bene e l’unico a replicare al trio Eliis-Mack-King è Amato. Coach Battistini chiama time-out con l’Orlandina avanti per 15-7. Arriva la risposta degli ospiti, che lottano sotto canestro e si riportano sul -4 (19-15). King prova a tenere a distanza i paladini, ma sette punti di fila di Ferguson valgono il contro sorpasso ospite (23-24). La bomba di Traini chiude il primo quarto 26-24.

I ritmi si rallentano in avvio di secondo parziale e i granata ne approfittano per firmare un break di 2-7 che porta avanti Nardò (28-31). Coach Sussi vuole parlarne coi suoi e Bartoli corregge in tap-in per il -1. Ellis chiude il gioco da tre punti, mentre l’Orlandina pressa a tutto campo, ma Nardò si organizza nella metà campo offensiva e con un super Amato – autore di 13 punti in due minuti – riesce ad andare negli spogliatoi sul +11 (37-48).

Secondo tempo

Al rientro dall’intervallo lungo i pugliesi riprendono da dove avevano lasciato e con le bombe di Amato, Poletti e Jerkovic si portano su un rassicurante +20 (44-64). Coach Sussi chiama time-out ed al ritorno sul parquet sono due triple di Traini a permettere al PalaFantozzi di crederci ancora. La formazione ospite però è solida e non consente ai paladini di riavvicinarsi: al 30′ il tabellone segna 55-72.

In avvio di ultimo quarto il gioco da tre punti di Thomas consegna un nuovo +20 alla formazione ospite (55-75), ma i biancoazzurri non mollano, ne hanno ancora e costruiscono una straordinaria rimonta trascinati da Ellis, Traini e Mack, con il gioco da tre punti di Bartoli che vale il -1 (76-77). L’enorme sforzo dei paladini però non basta: Nardò risponde, con Ferguson e Fallucca. Coach Sussi prova ancora ad infondere fiducia ai suoi, ma è troppo tardi. Il cronometro continua a scorrere e la reazione di Mack ed Ellis arriva troppo tardi.

Tabellino

I risultati parziali dei primi tre quarti di gioco: 26-24 37-48 55-72.

Capo d’Orlando: Diouf, Mack 15, Ellis 22, Bartoli 9, Laganà, Poser 3, Telesca n.e., Vecerina, Traini 23, Tintori n.e., King 14. Coach: David Sussi.

Nardò: Tyrtyshnik n.e., Poletti 15, Fallucca 8, Ferguson 19, Pasqualin, La Torre 4, Jerkovic 6, Thomas 11, Thioune 5, Amato 27. Coach: Michele Battistini.

Articoli correlati

Tag:

Un commento

  1. bonanno giuseppe 17 Maggio 2022 09:18

    senza programmi da qualche anno , senza picciuli, sulu cu bla bla bla di grandezza cu Palazzetto (chiamiamolo cosi) gruviera per forza ciao ,ciao ciao ciao…..

    0
    0

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Commenta
Tempostretto - Quotidiano online delle Città Metropolitane di Messina e Reggio Calabria

Via Francesco Crispi 4 98121 - Messina

Carmelo Caspanello direttore responsabile-coordinatore di redazione.
info@tempostretto.it

Telefono 090.9412305

Fax 090.2509937 P.IVA 02916600832

n° reg. tribunale 04/2007 del 05/06/2007