Operazione "Torrente": chiesti 7 rinvii a giudizio per le amministrative pilotate dai Mazzarroti a Furnari - Tempo Stretto - Ultime notizie da Messina e Reggio Calabria

Operazione “Torrente”: chiesti 7 rinvii a giudizio per le amministrative pilotate dai Mazzarroti a Furnari

Operazione “Torrente”: chiesti 7 rinvii a giudizio per le amministrative pilotate dai Mazzarroti a Furnari

mercoledì 21 Settembre 2011 - 15:50
Operazione “Torrente”: chiesti 7 rinvii a giudizio per le amministrative pilotate dai Mazzarroti a Furnari

La DDA ha chiesto sette rinvii a giudizio nell'ambito dell'operazione Torrente. L'inchiesta riguarda le elezioni amministrative che si tennero nel maggio 2007 a Furnari e che sarebbero state pilotate dal clan mafioso dei Mazzarroti. Il provvedimento ha raggiunto l'ex sindaco di Furnari, Salvatore Lopes, i boss Carmelo Bisognano, oggi pentito, e Tindaro Calabrese ed altri fiancheggiatori

L’inchiesta “Torrente” due anni fa provocò un vero terremoto giudiziario. Le indagini dei Carabinieri del Ros consentirono di scoprire i condizionamenti esercitati dal potente clan mafioso dei Mazzarroti, sulle elezioni amministrative nel Comune di Furnari, del maggio del 2007. Le intercettazioni telefoniche ed ambientali ma anche le riprese filmate e fotografiche, documentarono le presssioni mafiose compiute in particolare dai boss Carmelo Bisognano e Tindaro Calabrese per dirottare i voti su Salvatore Lopes che poi fu eletto primo cittadino.
Oggi i sostituti procuratori della Dda Giuseppe Verzera e Angelo Cavallo, hanno chiesto il rinvio a giudizio per sette indagati fra esponenti politici, boss mafiosi e fiancheggiatori. La richiesta ha raggiunto il capo dell’ala scissionista dei Mazzarroti, Tindaro Calabrese e lo stesso ex sindaco di Furnari Salvatore Lopes. Secondo l’accusa Lopes, eletto con i voti del clan, si sarebbe sdebitato agevolando l’organizzazione mafiosa nell’assegnazione di appalti pubblici relativi ai lavori di sistemazione dei danni provocati dall’alluvione. Non solo ma il sindaco avrebbe rilasciato autorizzazioni commerciali a persone ritenute vicine ai boss.
La richiesta di rinvio a giudizio è stata avanzata anche per l’imprenditore turistico di Portorosa Leonardo Arcidiacono e per il guardiacaccia Sebastiano Placido Geraci di Furnari. Con Calabrese avrebbero esercitato pressioni, con il sistema mafioso dell’intimidazione, nei confronti di un candidato della lista avversaria.
Infine la richiesta ha riguardato anche l’imprenditore edile Roberto Munafò, il boss, oggi pentito, carmelo Bisognano e la sorella Vincenza. Munafò avrebbe affidato i lavori pubblici che si era aggiudicato proprio all’impresa dei fratelli Bisognano.
L’ex sindaco Salvatore Lopes è accusato di concorso esterno nell’associazione mafiosa.

Tag:

Una donazione per un grande progetto di informazione

Abbiamo cercato in questi anni di offrirvi un'informazione puntuale e approfondita, estranea ad ogni condizionamento e sempre al passo con l'innovazione.  Così abbiamo raggiunto importanti traguardi. Ma non ci basta: vogliamo ampliare la nostra attività di informazione con più inchieste, più contenuti video e una più solida presenza nei diversi comprensori delle città metropolitane di Messina e Reggio Calabria.

E' un progetto ambizioso per il quale vi chiediamo di darci una mano effettuando una donazione: se ognuno di voi darà anche  un piccolo contributo economico, il risultato sarà eccezionale e Tempostretto sarà ancora più efficace e “vostro”.

0 commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Commenta
Tempostretto.it - Quotidiano on line della Città Metropolitana di Messina

Via Francesco Crispi 4 98121 - Messina

Rosaria Brancato direttore responsabile-coordinatrice di redazione.
info@tempostretto.it

Telefono 090.9018992

Fax 090.2509937 P.IVA 02916600832

n° reg. tribunale 04/2007 del 05/06/2007