Omicidio Rottino, ergastolo anche per il boss Fumia - Tempo Stretto

Omicidio Rottino, ergastolo anche per il boss Fumia

Alessandra Serio

Omicidio Rottino, ergastolo anche per il boss Fumia

giovedì 03 Novembre 2016 - 17:17
Omicidio Rottino, ergastolo anche per il boss Fumia

Carcere a vita anche per il fedelissimo di Tindaro Calabrese, boss della frangia armata dei mazzarroti, chiamato in causa dai pentiti per l'omicidio di Ninì Rottino, caduto nell'agosto del 2006 nell'ambito della faida interna al clan.

Reggono al processo le accuse nei confronti di Enrico Fumia, il pregiudicato organico al clan di Mazzarrà Sant'Andrea, arricchitosi con le estorsioni ai vivai e al business discarica. La Corte d'Assise ha emesso stasera il verdetto, condannandolo all'ergastolo, come richiesto alla scorsa udienza dal Pubblico Ministero Francesco Massara.

Anche Fumia, secondo i pentiti, avrebbe avuto un ruolo decisivo nell’omicidio di Antonino “Ninì” Rottino, ucciso nell’agosto del 2006, a Mazzarrà Sant’Andrea. Rottino pagò con la vita la vicinanza perché ritenuto dalle al boss Carmelo Bisognano, di cui rappresentava il luogotenente, a cui il boss in ascesa Tindaro Calabrese ed i suoi facevano la guerra.

Ad accusarlo sono stati i collaboratori di giustizia Carmelo Bisognano, Santo Gullo, Carmelo D’Amico e Nunziato Siracusa. Per l’omicidio di Antonino Rottino è già stato ritenuto colpevole Aldo Nicola Munafò che si è visto confermare la pena dell’ergastolo in Cassazione, nell’ambito del processo Vivaio. Per Fumia, invece, i sostituti della DDA avevano dapprima richiesto l’archiviazione perché non ritenevano sufficienti e convergenti le dichiarazioni dei collaboratori di giustizia ma il Giudice per l'udienza preliminare chiese la formulazione dell’accusa e il rinvio a giudizio.

L’esecuzione dell’agosto 2006 fu un segnale per il boss Bisognano. Il movente sembra sia da ricercarsi nel fatto che la vittima era rimasta fedele alla vecchia linea. L’omicidio Rottino sarebbe stato deciso in un’officina di Barcellona: la conversazione venne intercettata dalle cimici dei carabinieri.

Ha difeso l'avvocato Tino Celi.

Alessandra Serio

Tag:

0 commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Commenta
Tempostretto.it - Quotidiano on line della Città Metropolitana di Messina

Via Francesco Crispi 4 98121 - Messina

Rosaria Brancato direttore responsabile-coordinatrice di redazione.

Danila La Torrevice coordinatrice di redazione.

info@tempostretto.it

Telefono 090.9018992

Fax 090.2509937 P.IVA 02916600832

n° reg. tribunale 04/2007 del 05/06/2007