Maltempo a Messina, in diretta dal Coc il sindaco Cateno De Luca

Maltempo a Messina, De Luca dal Coc: “Sono io il responsabile?” LA DIRETTA

Francesca Stornante

Maltempo a Messina, De Luca dal Coc: “Sono io il responsabile?” LA DIRETTA

sabato 08 Agosto 2020 - 19:20
Maltempo a Messina, De Luca dal Coc: “Sono io il responsabile?” LA DIRETTA

A distanza di tre mesi esatti dall'ultima diretta, dalla sede del Coc torna il sindaco De Luca dopo i danni di oggi in tutta la città

LA DIRETTA – L’ultima volta che lo avevamo visto in diretta dal Con di Protezione Civile era lo scorso 8 maggio. Era la fine di due lunghi mesi di dirette quotidiane per l’emergenza Coronavirus. Oggi, a distanza esatta di tre mesi, il sindaco di Messina Cateno De Luca ha indossato nuovamente la sua tuta acetata “d’ordinanza” e torna a parlare alla città in diretta dalla sede del Centro Operativo Comunale di Protezione Civile.

Manutenzioni dei condotti fognari, delle griglie di scolo, dei tombini, pulizia delle strade e dei torrenti, sporcizia che ha intasato le strade? Oggi in tanti si sono chiesti perché Messina non ha retto il peso di qualche ora di pioggia. E a risponderne è chiamato il sindaco Cateno De Luca che ha deciso di farlo attraverso il suo consueto strumento: la diretta Facebook.

Si è presentato con il vicesindaco Carlotta Previti, l’assessore Massimiliano Minutoli e il presidente di Amam Salvo Puccio. Ha ribadito gli attacchi e le responsabilità a chi ha ridotto così Messina negli ultimi 30 anni. Ha attaccato chi ha “sfregiato le colline con una speculazione edilizia pazzesca senza prevedere adeguati sottoservizi e sistemi fognari”. Ha attaccato chi ha concepito il tram così com’è perché per realizzare la linea sono stati tranciati i sottoservizi e oggi si allaga tutto. 

«Noi abbiamo già risolto il problema del tram destinando due finanziamenti importanti. Ci saranno 25 milioni del Masterplan per riqualificare tutta la rete tranviaria e realizzare i sottoservizi. Siamo in fase di progettazione. Altri 7 milioni di finanziamenti sono stati recuperati e destinati alla cura del ferro sulla linea tranviaria nella zona del viale della Libertà».

Ganzirri e Torre Faro

Poi è toccato a Ganzirri e Torre Faro. «Bravi a postare foto e video, ma quando allacciavano le fogne alle acque bianche dov’eravate? Quando i condomini vips scaricavano nei laghi dov’eravate? Abbiamo avuto due finanziamenti, uno di 3 milioni e uno di 8 milioni , ma volete darmi il tempo di fare i progetti? O sono come il mago Zurlì? Serve un anno per completare tutto».

La manutenzione dei tombini

Poi il nodo dolente della giornata. Perché ben vengano i progetti importanti su condotte fognarie, scarichi abusivi, linea tranviaria. Ma nel frattempo servono le manutenzioni ordinarie come pulizia di tombini e caditoie. Anche in questo caso però De Luca tira fuori le colpe dei suoi predecessori. E dice che tra il 2014 e il 2018, durante l’amministrazione Accorinti, sono stati spesi complessivamente solo 360 mila euro. «Noi nel 2019 abbiamo speso 150 mila euro e nel 2020 ne abbiamo previsti 550 mila. Servirebbero 2 milioni di euro l’anno, ma dove li prendevo un anno fa con un Comune che aveva 550 milioni di debiti? Adesso daremo subito all’Amam l’affidamento dei lavori urgenti di manutenzione e pulizia dei tombini. Erano lavori che dovevano partire tra settembre e ottobre, ma vista questa emergenza li facciamo adesso. Non mi limito a dire che è colpa di quelli di prima. Lo dico e metto sul piatto anche la mia soluzione».

Il colpevole della frana

Poi la frana che oggi ha causato grande paura e timori sulla Panoramica. «La causa della frana non è ascrivibile né al Comune di Messina né alla Città Metropolitana». A Salvo Puccio il compito di spiegare chi sarebbero dunque i responsabili. «Non è colpa del Comune perché quella zona non è censita come zona a rischio e dunque non prevede interventi da parte del Comune. E’ un’area privata, è un terrapieno tenuto da un muro di sostegno. Era un terreno non più nella sua pendenza originaria, già messo alla prova dalla pioggia di ieri, che non ha retto dopo la bomba d’acqua di oggi. Non può essere addebitato al Comune la mancata prevenzione, perché in un terreno privato la manutenzione spetta al privato». E De Luca avvisa: «Denunceremo il proprietario di quel terreno».


Tag:

Una donazione per un grande progetto di informazione

Abbiamo cercato in questi anni di offrirvi un'informazione puntuale e approfondita, estranea ad ogni condizionamento e sempre al passo con l'innovazione.  Così abbiamo raggiunto importanti traguardi. Ma non ci basta: vogliamo ampliare la nostra attività di informazione con più inchieste, più contenuti video e una più solida presenza nei diversi comprensori delle città metropolitane di Messina e Reggio Calabria.

E' un progetto ambizioso per il quale vi chiediamo di darci una mano effettuando una donazione: se ognuno di voi darà anche  un piccolo contributo economico, il risultato sarà eccezionale e Tempostretto sarà ancora più efficace e “vostro”.

4 commenti

  1. Alberto Interdonato 8 Agosto 2020 19:23

    De Luca sei il numero uno

    13
    26
  2. Abbiamo ridotto la politica messinese ai monologhi De Luca. Non esiste altro.

    12
    2
  3. Il solito Zampognaro: parla di speculazione edilizia ma è stato lui a cestinare il “salvacolline”. Ha stanziato soldi per la manutenzione ordinaria? Non basta, se i lavori non vengono svolti!
    Inadatto, incompetente, insulso.

    13
    1
  4. Il solito monologo del bauscia nel prossimo monologo addebiterà le colpe a Giulio Cesare ahahahah è proprio di un incompetenza totale ma non era il miglior sindaco d’Italia ahahahah tornatene al paesello che fai la cosa più giusta

    6
    0

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Commenta
Tempostretto.it - Quotidiano on line della Città Metropolitana di Messina

Via Francesco Crispi 4 98121 - Messina

Rosaria Brancato direttore responsabile-coordinatrice di redazione.
info@tempostretto.it

Telefono 090.9018992

Fax 090.2509937 P.IVA 02916600832

n° reg. tribunale 04/2007 del 05/06/2007