Messina. "Liberi di crescere", nuovo laboratorio di saldatura al Majorana - Tempostretto

Messina. “Liberi di crescere”, nuovo laboratorio di saldatura al Majorana

Redazione

Messina. “Liberi di crescere”, nuovo laboratorio di saldatura al Majorana

venerdì 26 Maggio 2023 - 11:10

Progetto nazionale proposto da "Libera" e coordinato da Ecosmed.

Nei locali dell’Istituto Majorana, si è svolto l’evento conclusivo del progetto “Liberi di crescere – Rete ad alta densità educativa”. Il progetto, promosso a livello nazionale dall’Associazione “Libera contro le mafie”, è stato svolto in undici scuole di cinque province: Torino, Salerno, Palermo, Genova e Messina.

Ha coinvolto studenti, docenti e famiglie, “per contrastare la povertà educativa, che rimette al centro la scuola come luogo di crescita e presa di consapevolezza, attraverso azioni di ascolto, confronto e dialogo”.

Scuole Catalfamo e Majorana

Nella città dello Stretto, dove è stato coordinato dalla cooperativa EcoS-Med, le attività sono state realizzate nell’istituto comprensivo Catalfamo e nella sede dell’Istituto Majorana. Il progetto, avviato nel 2019, ha operato in diversi ambiti educativi: i docenti hanno partecipato ad attività formative e ai laboratori di autoanalisi, guidati da Amico Dolci, figlio del noto sociologo Danilo Dolci. Gli studenti sono stati coinvolti nelle attività di supporto alla didattica, nello sportello di ascolto ma anche nella rigenerazione degli spazi.

Nuovo laboratorio di saldatura

Grazie agli architetti del progetto, ai docenti coinvolti, al personale Ata e alle capacità degli studenti, due aule dell’istituto Majorana sono state rinnovate e ri-destinate: in particolare è stato creato un laboratorio di saldatura. Nel mese di maggio, grazie al progetto, sono state effettuate anche delle uscite sul territorio. A Roccavaldina i ragazzi hanno visitato un polo di produzione di bioplastiche (ottenute dagli scarti della produzione di birra) che vedrà la luce nei prossimi mesi.

“Gli studenti” – ha spiegato Salvo Rizzo – responsabile per EcoS-MEd del progetto, hanno potuto constatare come sia possibile fare impresa al sud, investendo nella ricerca e sull’economia circolare, ma soprattutto dando ai giovani del territorio l’opportunità di trovare un lavoro senza dover lasciare la propria terra”.

Graziella Campagna

Nella giornata conclusiva del progetto gli studenti hanno accolto Pietro Campagna, fratello di Graziella, uccisa dalla mafia nel 1985. “Abbiamo deciso di concludere il nostro progetto – racconta Tiziana Tracuzzi, responsabile di Libera a Messina -invitando Pietro perché lui e la sua famiglia sono un esempio positivo di quell’impegno contro le mafie e per la giustizia sociale che cerchiamo di portare avanti, soprattutto tra le nuove generazioni”.  “Inoltre, lo scorso 21 marzo, nella Giornata della memoria e dell’impegno in ricordo delle vittime innocenti delle mafie” – ha aggiunto la prof.ssa Francesca Giliberto – abbiamo proposto la visione del film “La vita rubata” e abbiamo notato che i ragazzi erano molto colpiti e ci ponevano delle domande. Da qui l’idea di farli parlare con chi ha vissuto in prima persona la tragedia raccontata nel film”.

Gli studenti hanno seguito con attenzione e partecipazione il racconto sofferto di Pietro Campagna, che non solo ha perso la giovane sorella, ma ha lottato per anni per avere una giustizia solo parziale, e ha pagato sulla sua pelle la ricerca instancabile della verità.

0 commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Commenta
Tempostretto - Quotidiano online delle Città Metropolitane di Messina e Reggio Calabria

Via Francesco Crispi 4 98121 - Messina

Marco Olivieri direttore responsabile
info@tempostretto.it

Telefono 090.9412305

Fax 090.2509937 P.IVA 02916600832

n° reg. tribunale 04/2007 del 05/06/2007