Messina. Viali alberati nel centro città, in appalto un intervento da 5,2 milioni di euro - Tempostretto

Messina. Viali alberati nel centro città, in appalto un intervento da 5,2 milioni di euro

Gianluca Santisi

Messina. Viali alberati nel centro città, in appalto un intervento da 5,2 milioni di euro

Tag:

martedì 28 Febbraio 2023 - 07:25

Il progetto prevede la messa a dimora di oltre 2500 alberi tra gli stalli di parcheggio

MESSINA – Va in appalto il progetto di realizzazione dei viali alberati del centro città. La gara è stata pubblicata sulla piattaforma Invitalia, con un termine ultimo per la presentazione delle offerte fissato per il 14 marzo. Si tratta dell’intervento “ForestaMe – progetto pilota 8” inserito nel Pon Metro 2014-2020 React Eu e che prevede una lunga serie di progetti per rivitalizzare il verde pubblico a Messina. L’importo totale dell’appalto è pari a 5.179.200,11 euro. I tempi di esecuzioni sono fissati in 250 giorni naturali e consecutivi a decorrere dalla data del verbale di consegna dei lavori. Oggetto dell’appalto sono i lavori di riqualificazione e rinaturalizzazione a verde delle strade classificate come “Viali e strade alberate – green line” nel Comune di Messina. In particolare, l’intervento – progettato dall’architetto Carmelo Celona – prevede la realizzazione di un sistema di strade alberate posizionate a monte e a valle del Viale San Martino. Si tratta di una scacchiera regolare di isolati circondati da marciapiede in cui verranno messe a dimora delle alberature ex novo. Le essenze arboree preesistenti verranno riqualificate e ripristinate nel modo più opportuno.
“Le alberature – si legge nel progetto – si svilupperanno lungo i due lati delle strade e non avranno soluzione di continuità al fine di sviluppare una elegante prospettiva armonica e omogenea delle strade cittadine. Tra le alberature verranno ricavate degli stalli di parcheggio la cui superficie sarà permeabile grazie alla prevista rifunzionalizzazione di tutte le aree che oggi sono asfaltate. Il progetto prevede la riqualificazione con pavimentazione drenante carrabile”.

Proprio su “ForestaMe” ha puntato in questi anni l’ex assessora, appena dimessasi, Carlotta Previti, impegnata nella progettazione.

L’area di intervento

L’area oggetto d’intervento ricade nell’antico Piano della Mosella, una vasta zona di orti ubicata prima del 1908, al margine sud della città. Dopo il tragico sisma essa è stata fittamente edificata con una trama urbana regolare. Oggi l’area è il centro commerciale della città. La messa a dimora degli alberi è stata pensata al di sotto dei marciapiede poiché la larghezza media dei medesimi non supera mai i 3 metri. Porre le alberature al di sopra dei marciapiede avrebbe comportato una notevole restrizione dei percorsi pedonali e un’eccessiva vicinanza agli edifici.

Le aree oggetto di intervento

Il primo lotto

Il progetto è stato diviso in due lotti. Il primo interessa un’area di circa 0,23 kmq costituita da un quadrilatero compreso tra via Geraci (esclusa), via C. Battisti, via T. Cannizzaro e viale San Martino (esclusa). Vi saranno appendici lineari che arriveranno al viale Europa e che interesseranno esclusivamente le grandi arterie di via C. Battisti e viale San Martino, per non interrompere la continuità visiva. Gli alberi esistenti nell’intera area risultano solo 105. Il progetto prevede la messa a dimora di un albero ogni 6,50 metri, per un totale di 1.479 alberi. Questa distanza deriva dalla necessità di assicurare un posto auto tra un albero e l’altro, che, per legge, è pari 5 metri.

Fotorealismo di via Centonze

Il secondo lotto

L’area nella quale ricade il secondo lotto del progetto misura circa 0,20 kmq ed è costituita da un quadrilatero compreso tra via Trieste (esclusa), viale San Martino, via T. Cannizzaro e via La Farina. Vi saranno appendici lineari che arriveranno al viale Europa e che interesseranno esclusivamente le grandi arterie di viale San Martino e via G. La Farina. In quest’area secondo il censimento effettuato risultano solo 56 alberi. Il progetto prevede la messa a dimora di 1.181 alberi.

Fotorealismo di via La Farina

6 commenti

  1. Per i marciapiedi distrutti, e le strade idem, quando i “rifacimenti”?

    10
    3
  2. A parte la drastica riduzione di parcheggi, ma chi dovrebbe curare tutti questi alberi? Messina è una Città Metropolitana che meriterebbe a livello urbanistico ben altro, verde e parcheggi, inclusi si intende, invece continua ad essere trattata come una cittadina a ridosso dei Peloritani!

    5
    6
  3. Più che piantare gli alberi ( giustissimo ma non siamo e non siete cosa)dovreste” piantarla” di fare gli ecologisti al momento…… perché non salvaguardate il verde esistente?Non ne siete capaci (a mio avviso anche se è palese) figuriamoci quello che avete intenzione di trapiantare….. Non è un’illazione. infatti, basta vedere o mandare le segnalazioni per constatare la fine degli alberi piantati vedi zona cimitero…… Vogliamo mandare le segnalazioni delle aiuole distrutte ed essiccate? Vogliamo mandare le foto delle piante rare della via Don Blasco che di raro hanno solo qualche foglia avvizzita rimasta? Vogliamo mandare foto di alberi cresciuti a dismisura che potate solo quando entrano nelle case o dopo la caduta di qualcuno di essi? Non c’è manutenzione e il verde principalmente ha bisogno della cura quotidiana. Se non ne avete l’intenzione, e la costanza nel farla, piantateli finti che è meglio!

    8
    9
  4. Lodevole iniziativa. Bisogna però che si eviti quanto successo in alcune zone della città ove le radici hanno deformato manto stradale e marciapiedi. Ma soprattutto bisogna da subito chiarire a chi sarebbe demandato l’incombenza dell’arredo urbano. Basta vedere le aiuole del tram per avere un idea.

    7
    0
  5. Ed accanto ad ogni pianta fate una bella struttura in ferro così salvaguardate gli alberelli.

    6
    0
  6. IN PRATICA VERRANNO CREATE ALTRE NUOVE MINI DISCARICHE E LUOGhi DI DEIEZIONE PER ANIMALI DOMESTICI PER I CIVILISSIMI MESSINESI.

    4
    4

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Commenta
Tempostretto - Quotidiano online delle Città Metropolitane di Messina e Reggio Calabria

Via Francesco Crispi 4 98121 - Messina

Marco Olivieri direttore responsabile
info@tempostretto.it

Telefono 090.9412305

Fax 090.2509937 P.IVA 02916600832

n° reg. tribunale 04/2007 del 05/06/2007