Concorso Scuola 2016, a Messina inizia la battaglia legale: "Troppe esclusioni illegittime, ricorreremo al Tar" - Tempo Stretto - Ultime notizie da Messina e Reggio Calabria

Concorso Scuola 2016, a Messina inizia la battaglia legale: “Troppe esclusioni illegittime, ricorreremo al Tar”

Veronica Crocitti

Concorso Scuola 2016, a Messina inizia la battaglia legale: “Troppe esclusioni illegittime, ricorreremo al Tar”

mercoledì 02 Marzo 2016 - 09:06
Concorso Scuola 2016, a Messina inizia la battaglia legale: “Troppe esclusioni illegittime, ricorreremo al Tar”

Il concorsone arriverà in Tribunale e, a Messina, i legali cominciano già ad annunciare ricorsi. Il parere dell'avvocato Vincenzo La Cava.

Il bando per il Concorso a Cattedra 2016 aveva già creato non poche polemiche, nel mondo della scuola, per i continui ritardi ed i rinvii di settimana in settimana. Il mega concorsone del Miur per la copertura di 63713 posti, infatti, era rimasto sospeso tra voci, conferme e smentite per intere settimane, alimentando malumori in tutto il settore scolastico. Adesso, con la pubblicazione definitiva sulla Gazzetta Ufficiale, questi malumori si sono trasformati in vere e proprie battaglie legali.

Il concorsone arriverà in Tribunale e, a Messina, i legali cominciano già ad annunciare ricorsi. “Basta leggere il Bando per capire che i profili di illegittimità sono diversi – ha spiegato l’avvocato Vincenzo La Cava – ed ecco perché abbiamo già pronti i nuovi ricorsi al Tar”. Secondo il legale, da sempre impegnato nelle battaglie del settore scolastico, dal Bando risultano esclusi senza motivo diversi candidati. “Innanzitutto – continua La Cava – il personale docente educativo già assunto a tempo indeterminato, cosa che va contro i principi costituzionali di buon andamento ed uguaglianza”.

Esclusi anche i docenti con 36 mesi di servizio ma non in possesso del titolo di abilitazione, nonché gli abilitandi, gli iscritti alla III fascia graduatoria d’istituto ed i laureati dopo il 31 agosto del 2014. “Il bando prevede – spiega ancora il legale – che il primo requisito per la partecipazione sia possedere l’abilitazione. In tal modo si escludono illegittimamente anche coloro che hanno comprovata esperienza nel settore scolastico, così come chi non ha potuto conseguire il titolo abilitativo poiché non vi erano percorsi formativi”. Ricorsi pronti anche per gli abilitati all’estero che, sebbene abbiano conseguito l’abilitazione in uno dei Paesi Europei, non hanno avuto riconosciuto dal Miur l’equipollenza del titolo. “Assieme alle maggiori sigle sindacali e di categoria siamo al fianco di oltre 10mila precari della scuola – affermano gli avvocato Santi Delia e Michele Bonetti – e scenderemo in campo per la battaglia del cosiddetto secondo concorsone”. Per i due legali, tra gli esclusi illegittimi compaiono anche coloro che sono già in ruolo ed intendono mutare la propria classe di insegnamento tramite il concorso, coloro che stanno svolgendo o svolgono dottorati di ricerca, i TFA con riserva e coloro che posseggono un diploma magistrale conseguito prima del 2001/2002 con indirizzo sperimentale linguistico. “Questo concorsone – continuano gli avvocati Delia e Bonetti – segna per noi anche un importante riconoscimento consentendo la partecipazione ai diplomati magistrali”. (Veronica Crocitti)

Tag:

0 commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Commenta
Tempostretto.it - Quotidiano on line della Città Metropolitana di Messina

Via Francesco Crispi 4 98121 - Messina

Rosaria Brancato direttore responsabile-coordinatrice di redazione.
info@tempostretto.it

Telefono 090.9412305

Fax 090.2509937 P.IVA 02916600832

n° reg. tribunale 04/2007 del 05/06/2007

x