Sparatoria al m'Ama, processo a ottobre: l'accusa resta tentato omicidio - Tempo Stretto - Ultime notizie da Messina e Reggio Calabria

Sparatoria al m’Ama, processo a ottobre: l’accusa resta tentato omicidio

Sparatoria al m’Ama, processo a ottobre: l’accusa resta tentato omicidio

giovedì 21 Settembre 2017 - 06:39

Giudizio abbreviato il 30 ottobre per Cutè e Aloisi. La Procura conferma l'accusa di tentato omicidio per i cinque colpi di pistola, uno dei quali raggiunse un'incolpevole 34enne di Briga Marina.

E' il 30 ottobre il "giorno del giudizio" fissato per Alessandro Cutè e Gianfranco Aloisi, i due giovani fermati per la sparatoria al m'Ama del 22 luglio che ridusse in fin di vita una ragazza di Briga Marina, colpevole soltanto di trovarsi nel posto sbagliato al momento sbagliato.

A fine del prossimo mese i due si presenteranno davanti al Giudice per l'udienza preliminare Daniela Urbani che aprirà e chiuderà il processo nei loro confronti, visto che i difensori, gli avvocati Salvatore Silvestro e Franco Rosso, hanno optato per il rito abbreviato. Nel chiedere il giudizio, la Procura ha scelto la linea dura, confermando l'accusa di tentato omicidio. Il Tribunale del Riesame, invece, pur confermando il carcere per entrambi, ha derubricato la contestazione in lesioni. Vediamo che succederà adesso in udienza, se l'Accusa confermerà la più grave delle contestazioni, alzando l'asticella della condanna, oppure se terrà conto dell'indicazione fornita dal vaglio del Riesame.

Contro i ragazzi ci sono le numerose testimonianze che raccontano quella notte di panico, nel lido della riviera nord, e le immagini delle video camere di sorveglianza che inquadrano i giovani, in motorino, tornare davanti l'ingresso del locale da dove la security li aveva allontanati e aprire il fuoco, sparando almeno cinque colpi di pistola.

Perché non era stato consentito loro l'ingresso, ricostruiscono le indagini. Uno dei colpi di pistola colpì Tania, la trentaquattrenne di Briga Marina rimasta ricoverata per giorni in ospedale, in condizioni critiche.

Leggi anche: Agguato al m'Ama, Cutè e Aloisi restano in carcere

http://www.tempostretto.it/video/sparatoria-m-ama-video-agguato.htmlil video dell'agguato

Tag:

Un commento

  1. rito abbreviato …il mio rito abbreviato sarebbe stato pena per tentato omicidio nessuna udienza e mandati a scontare la pena nel carcere di Tent City chissa se sarebbe cosi masulu indossando gli indumenti rosa che passano in quel carcere 😉

    0
    0

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Commenta
Tempostretto - Quotidiano online delle Città Metropolitane di Messina e Reggio Calabria

Via Francesco Crispi 4 98121 - Messina

Carmelo Caspanello direttore responsabile-coordinatore di redazione.
info@tempostretto.it

Telefono 090.9412305

Fax 090.2509937 P.IVA 02916600832

n° reg. tribunale 04/2007 del 05/06/2007