Il Faro di San Raineri apre al pubblico. Zda: «La Marina Militare dimostra più attenzione al territorio della Regione»

Il Faro di San Raineri apre al pubblico. Zda: «La Marina Militare dimostra più attenzione al territorio della Regione»

DLT

Il Faro di San Raineri apre al pubblico. Zda: «La Marina Militare dimostra più attenzione al territorio della Regione»

Tag:

DLT |
sabato 18 Luglio 2015 - 07:36

Marina Trimarchi, responsabile del network Zona D’Arte Zona Falcata, esprime soddisfazione per la per la scelta delle Aurorità militari di restituire ai cittadini un altro pezo storico del territorio e bacchetta il Goveno regionale, che lascia marcire la Real Cittadella nell’incuria e nel degrado

La Lanterna del Montorsoli, che si trova all’interno della Zona Falcata , diventa fruibile. L’apertura al al pubblico è avvenuta ufficialmente nel corso della escursione didattia da parte dei soci dell’ Associazione Italiana Insegnanti di Geografia lo scorso 9 luglio.
La decisione della Marina Militare di “consegnare” alla città Faro di San Raineri riceve il plauso del network “ZDA – Zona D’Arte.
«Questa decisione delle Autorità Militari – afferma la responsabile i Marina Trimarchi, – integra e completa la recente istituzione del bus navetta che consente ai turisti di raggiungere e visitare il Forte San Salvatore, idea proposta dal Consigliere Comunale Piero Adamo, Presidente della Commissione Cultura ed attivista storico del Network».
Nel 2010, ZDA si costituito con l’obiettivo specifico di sensibilizzare la cittadinanza messinese in ordine alla necessità che la porzione di territorio messinese comunemente nota come “Zona Falcata” venissw “restituita” alla città come risorsa ed occasione di sviluppo economico, e turistico. «In questo contesto – continua marina Trimarchi – il Network ZDA immagina lo sviluppo dell’area come improntato alla declinazione di concetti quali l’arte, la cultura, e la bellezza, ritenuti il miglior volano, peraltro ecosostenibile, ai fini della riqualificazione della zona. Pertanto desideriamo ringraziare il personale del Comando Supporto Logistico e del Comando Zona Fari Sicilia per l’attività di recupero svolta, che consente oggi alla cittadinanza di fruire del percorso storico turistico comprendente il Forte San Salvatore ed il Faro di San Raineri.»
La responsabile di Czda sottolinea, inoltre, come «grazie all’impegno delle Autorità Militari la cittadinanza stia recuperando i monumenti più prestigiosi della Falce, mentre la Real Cittadella marcisce nell’incuria e nel degrado, a causa del miope atteggiamento dell’amministrazione Regionale, che a tutt’oggi non ha dato alcun segno tangibile di voler riqualificare la zona».
«A titolo di esempio – si legge ancora nel comunicato – è il caso di ricordare che a tutt’oggi non sono ancora iniziati i lavori di demolizione dell’inceneritore, a ridosso della mura della Cittadella, nonostante siano trascorsi ormai nove mesi dall’individuazione della ditta aggiudicataria, e nonostante i reiterati solleciti da noi effettuati nei confronti delle autorità interessate. Pertanto – conclude- nel ribadire il nostro apprezzamento verso gli sforzi compiuti dalle Autorità Militari, cogliamo l’occasione per rinnovare il nostro impegno nei confronti della riqualificazione e valorizzazione di questa preziosa porzione di territorio»

6 commenti

  1. Arte, storia e paesaggio si fondono…la zona falcata pregiatissima, unica, meravigliosa…deve essere il centro, il fulcro della città….delle decine di km. di riviera messinese con zone di grande rilievo come Faro, l’area lagunare di Ganzirri…ect..la zona falcata e il centro della città…da recuperare interamente…anche l’antica fortezza.
    L’esempio da seguire è la zona del Castel dell’Ovo di Napoli S. Lucia….una penisola con fortificazione più piccola della zona falcata di Messina, eppure si sono realizzati diversi porticcioli per il diporto, alberghi e ristoranti…oggi è il centro di Napoli… area meravigliosamente bella…

    0
    0
  2. Arte, storia e paesaggio si fondono…la zona falcata pregiatissima, unica, meravigliosa…deve essere il centro, il fulcro della città….delle decine di km. di riviera messinese con zone di grande rilievo come Faro, l’area lagunare di Ganzirri…ect..la zona falcata e il centro della città…da recuperare interamente…anche l’antica fortezza.
    L’esempio da seguire è la zona del Castel dell’Ovo di Napoli S. Lucia….una penisola con fortificazione più piccola della zona falcata di Messina, eppure si sono realizzati diversi porticcioli per il diporto, alberghi e ristoranti…oggi è il centro di Napoli… area meravigliosamente bella…

    0
    0
  3. letterio.colloca 19 Luglio 2015 07:45

    Vi siete mai domandati CHI SONO I NOSTRI MARINAI?
    Fino a qualche decennio addietro -nei miei ricordi- da Maridepocar uscivano veramente PERSONE modificate sia professionalmente ( con l’arte marinara) che da CITTADINI- EMBLEMI (quelle candide divise! segno di PULIZIA MORALE).
    Oggi,di questo PATRIMONIO abbiamo DUE SIMBOLI costretti -per rispetto del NOSTRO ONORE a rimanere relegati in India.
    Splendito esempio del proprio dovere:la forza del DOVERE in occasione dei fatti della nave Concordia.
    Non vado oltre per l’esiguità° dello spazio riservato;ci sarebbe da riportare una BIBLIOTECA di esempi di CIVILTA’ degli UOMINI della nostra Marina.
    MAGARI POTESSIMO DIRE ALTRETTANTO DEI NOSTRI OMUCOLI DELLA COSIDDETTA POLITICA.
    VIVA LA MARINA!!!!

    0
    0
  4. letterio.colloca 19 Luglio 2015 07:45

    Vi siete mai domandati CHI SONO I NOSTRI MARINAI?
    Fino a qualche decennio addietro -nei miei ricordi- da Maridepocar uscivano veramente PERSONE modificate sia professionalmente ( con l’arte marinara) che da CITTADINI- EMBLEMI (quelle candide divise! segno di PULIZIA MORALE).
    Oggi,di questo PATRIMONIO abbiamo DUE SIMBOLI costretti -per rispetto del NOSTRO ONORE a rimanere relegati in India.
    Splendito esempio del proprio dovere:la forza del DOVERE in occasione dei fatti della nave Concordia.
    Non vado oltre per l’esiguità° dello spazio riservato;ci sarebbe da riportare una BIBLIOTECA di esempi di CIVILTA’ degli UOMINI della nostra Marina.
    MAGARI POTESSIMO DIRE ALTRETTANTO DEI NOSTRI OMUCOLI DELLA COSIDDETTA POLITICA.
    VIVA LA MARINA!!!!

    0
    0
  5. La Marina Militare è sempre stata al servizio e per lo sviluppo del nostro Paese.
    Avevo segnalato, in un commento non pubblicato, il grande sviluppo di un’area simile alla zona falcata, con antiche fortificazioni e gestita in gran parte dalla Marina Militare.
    Gli alberghi, i ristoranti, più porticcioli turistici, le officine per il rimessaggio ect.. danno lavoro, tanto lavoro….
    La zona falcata di Messina ha enormi potenzialità…e Messina ha bisogno di strutture e lavoro…bisogna prendere esempio da chi ha saputo sfruttare le caratteriste del territorio e farne tesoro per realizzare. I marinai sanno valutare le caratteristiche del territorio, girano, vedono, valutano…I politici????forse meno…molto meno.

    0
    0
  6. La Marina Militare è sempre stata al servizio e per lo sviluppo del nostro Paese.
    Avevo segnalato, in un commento non pubblicato, il grande sviluppo di un’area simile alla zona falcata, con antiche fortificazioni e gestita in gran parte dalla Marina Militare.
    Gli alberghi, i ristoranti, più porticcioli turistici, le officine per il rimessaggio ect.. danno lavoro, tanto lavoro….
    La zona falcata di Messina ha enormi potenzialità…e Messina ha bisogno di strutture e lavoro…bisogna prendere esempio da chi ha saputo sfruttare le caratteriste del territorio e farne tesoro per realizzare. I marinai sanno valutare le caratteristiche del territorio, girano, vedono, valutano…I politici????forse meno…molto meno.

    0
    0

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Premi qui per commentare
o leggere i commenti
Tempostretto - Quotidiano online delle Città Metropolitane di Messina e Reggio Calabria

Via Francesco Crispi 4 98121 - Messina

Marco Olivieri direttore responsabile

Privacy Policy

Termini e Condizioni

info@tempostretto.it

Telefono 090.9412305

Fax 090.2509937 P.IVA 02916600832

n° reg. tribunale 04/2007 del 05/06/2007