Noa Letters to Bach. Esaltante performance dell’artista israeliana al Palacultura - Tempo Stretto - Ultime notizie da Messina e Reggio Calabria

Noa Letters to Bach. Esaltante performance dell’artista israeliana al Palacultura

Giovanni Franciò

Noa Letters to Bach. Esaltante performance dell’artista israeliana al Palacultura

mercoledì 26 Febbraio 2020 - 13:06
Noa Letters to Bach. Esaltante performance dell’artista israeliana al Palacultura

Domenica al Palacultura è andato in scena uno spettacolo, per la stagione musicale delle Associazioni Musicali Riunite Accademia Filarmonica, V. Bellini, ma fuori abbonamento, che ha visto protagonista la celebre cantante Noa, accompagnata da due ottimi musicisti, Gil Dor alla chitarra e Or Lubianiker al basso elettrico. La cantante israeliana, di origini yemenite, non ha deluso il numerosissimo pubblico accorso per l’occasione, regalando una generosa performance di assoluto valore artistico. Achinoam Nini, il suo vero nome, eccezionale artista impegnata in qualità di messaggera di pace nel mondo, ha eseguito, nella prima e terza parte del concerto, che si è svolto senza intervallo, canzoni da lei composte, tratte dal suo repertorio difficilmente inquadrabile in un genere specifico, essendo la sua musica ricca di contaminazioni folk, jazz e blues. Durante la sua performance Noa ha esibito una splendida voce, una padronanza assoluta nel passare con grande facilità dai registri più gravi a quelli più acuti, ed un’eccezionale capacità di coinvolgere il pubblico, con il quale ha spesso dialogato e scherzato. La cantante è inoltre apparsa perfettamente a suo agio nelle percussioni, dimostrando la sua straordinaria versatilità musicale. La sezione centrale del concerto, di grande interesse, è stata dedicata all’esecuzione di parte di un ambizioso progetto discografico, intitolato “Letters to Bach”, che consiste nel dare la parola, sotto forma appunto di lettere, a dodici brani di Bach. Per l’occasione Noa ha “cantato” quattro delle quindici “Invenzioni a due voci”, brani (come anche le “Invenzioni a tre voci”) composti da Bach sia per fini didattici che compositivi, che rappresentano quindici preziosi gioielli, pane quotidiano per gli allievi di tutti i conservatori che studino strumenti a tastiera. Noa ha eseguito in particolare The race (La corsa) sull’Invenzione a due voci n. 1; Little Loving (Un po’ d’amore) sull’Invenzione a due voci n. 4; Vertigo (Vertigine) sull’Invenzione a due voci n. 5 e Oh Mama Dear (Oh Mamma Cara) sull’Invenzione a due voci n. 13. La cantante ha sempre letto i testi in italiano, lettere immaginarie a Johann Sebastian Bach, talora serie, altre più ironiche, che manifestano tutte la sua devozione per questo immenso musicista, con il quale Noa ha detto di avere in comune il fatto di aver dedicato tutta la vita alla musica. Un esperimento musicale di tal fatta ha avuto successo grazie alla stupefacente duttilità canora di Noa, capace di eseguire, con la giusta velocità e restando sempre fedele al testo musicale, il rapido succedersi di note dei brani bachiani, accompagnata, anche in contrappunto, dai due eccellenti artisti al basso elettrico ed alla chitarra. Altri due brani, celebri e di grande impatto emotivo, Look at me (Guardami) sul “Largo” dal Concerto per clavicembalo e archi BWV1056 e All of the Angels (Tutti gli Angeli) sulla Cantata BWV 140 “Wachet auf, Ruft Die Stimme” (Svegliatevi, ci comanda una voce), hanno coinvolto particolarmente il pubblico, prima di chiudere questa parabola musicale dedicata a Bach con la famosa Badinerie dalla Suite n. 2 BWV 1067 – la lettera si intitola “No Baby”- una eccezionale prova di virtuosismo canoro. Molto generosa anche nella concessione di tre bis, Noa ha concluso il concerto, secondo le attese, con “Beautiful that way”, la colonna sonora del film “La Vita è Bella”, di cui la grande cantante è l’interprete ufficiale, cantata per l’occasione in duetto con la piccola figlia, salita sul palco, che a sua volta ha dimostrato promettenti doti musicali.

Una donazione per un grande progetto di informazione

Abbiamo cercato in questi anni di offrirvi un'informazione puntuale e approfondita, estranea ad ogni condizionamento e sempre al passo con l'innovazione.  Così abbiamo raggiunto importanti traguardi. Ma non ci basta: vogliamo ampliare la nostra attività di informazione con più inchieste, più contenuti video e una più solida presenza nei diversi comprensori delle città metropolitane di Messina e Reggio Calabria.

E' un progetto ambizioso per il quale vi chiediamo di darci una mano effettuando una donazione: se ognuno di voi darà anche  un piccolo contributo economico, il risultato sarà eccezionale e Tempostretto sarà ancora più efficace e “vostro”.

0 commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Commenta
Tempostretto.it - Quotidiano on line della Città Metropolitana di Messina

Via Francesco Crispi 4 98121 - Messina

Rosaria Brancato direttore responsabile-coordinatrice di redazione.
info@tempostretto.it

Telefono 090.9018992

Fax 090.2509937 P.IVA 02916600832

n° reg. tribunale 04/2007 del 05/06/2007